Salute 12 Maggio 2020 14:07

Carceri, primi pazienti guariti nella zona Covid realizzata a San Vittore e Bollate. Così il virus è stato tenuto sotto controllo

Lari (Direzione medica penitenziaria ASST Santi Paolo e Carlo): «Diagnosi precoci e cure specifiche per contenere i contagi». Ranieri (responsabile UO sanità penitenziaria Regione Lombardia): «Per la fase 2 tamponi rapidi e parziale ritorno all’attività didattica»

di Federica Bosco

Primi pazienti guariti dal Covid ai penitenziari San Vittore e Bollate. La rete delle carceri milanesi ha contenuto bene l’onda d’urto del coronavirus grazie al dialogo tra personale sanitario e detenuti e a misure stringenti messe a punto dall’ASST Santi Paolo e Carlo che, in collaborazione con Regione Lombardia, ha gestito l’emergenza nei quattro istituti penitenziari milanesi (San Vittore, Bollate, Opera e Beccaria). In questo modo è stato possibile assistere complessivamente 80 detenuti positivi al Covid.

«A livello progettuale si è creata una sinergia tra i due istituti – spiega Cesare Lari, direttore della Direzione Medica Area Penitenziaria dell’ASST Santi Paolo e Carlo -, nel senso che i casi più rilevanti sono stati curati nell’hub di San Vittore, mentre a Bollate sono stati destinati i detenuti paucisintomatici o in fase di guarigione. C’è poi un altro tassello che ha permesso di realizzare questo progetto: il carcere di Opere in questo periodo ha accolto i detenuti anziani patologici ma non Covid che si trovavano a San Vittore, nella circostanza dedicato esclusivamente ai pazienti Covid. La cosa più importante – sottolinea il dottor Lari – era tenere fuori dal carcere il virus. Si è fatto di tutto, con controlli all’ingresso, triage a tutti, misurazione della temperatura, attenzione particolare con tamponi a tutti i nuovi giunti con conseguente isolamento prima dell’immissione ai reparti comuni».

LEGGI ANCHE: ESSERE MEDICO NELLE CARCERI AI TEMPI DEL COVID-19: «DA UN MESE IL DIFFICILE E’ ANCORA PIU’ DIFFICILE»

Un lavoro di squadra che ha visto impegnati 300 tra medici  ed operatori sanitari, oltre al personale SERD Penale e Penitenziario per garantire assistenza a tutti i 3200 detenuti.

Se oggi sono ancora 45 i positivi al Covid-19 tra San Vittore e Bollate, nessun caso è presente nelle carceri della zona rossa di Brescia e di Bergamo, pochi tra Voghera e Pavia, segnale di un’ottima organizzazione, come ci spiega Roberto Ranieri, responsabile Unità operativa sanità penitenziaria di Regione Lombardia.

«Con il tampone abbiamo fatto un’azione più estensiva rispetto a quelle che erano le direttive nazionali. A San Vittore abbiamo fatto anche tamponi di sorveglianza ai detenuti e al personale di polizia penitenziaria, soprattutto quelli che fanno servizi esterni, o che abitano all’interno delle caserme. I test sierologici, allo stesso modo, sono fatti al personale sanitario in questa settimana, a breve li faremo anche ai nuovi detenuti e agli agenti di polizia penitenziaria secondo una proposta che ho fatto di recente. Sempre in tema di tamponi – aggiunge – abbiamo poi un progetto che dovrebbe essere autorizzato e prevede di fare i tamponi rapidi, ovvero quelli con risposta in un’ora, con un apparecchio collocato all’ingresso di San Vittore in modo da identificare subito chi eventualmente è positivo. Per la fase due abbiamo preparato un documento già approvato e che sarà divulgato nelle prossime ore dalla Regione, che prevede di anticipare un po’ i tempi rispetto alle altre comunità. La fase 2 è più complessa rispetto alla fase 1 perché occorre mantenere precauzioni pur garantendo alcune aperture che avverranno in maniera graduale, come i colloqui oggi ancora in via telematica, ma è previsto a breve il colloquio con i famigliari e il ritorno degli educatori per alcune attività didattiche. Quindi è fondamentale gestire lo stato virologico delle persone che faranno accesso all’istituto: tutti gli operatori ed educatori saranno sottoposti a tampone prima di riprendere l’attività, mentre invece per i detenuti e per il personale di polizia penitenziaria si stanno organizzando dei corsi di formazione sia in sede, tenendo le dovute misure di distanziamento,  sia per via telematica. Devo dire che i detenuti sono stati bravi perché si sono messi a produrre mascherine e quindi, avendoli coinvolti nel progetto, abbiamo avuto buoni risultati».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk
Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?
Fisioterapisti e Covid, i numeri dello studio AIFI: uno su sette positivo durante la prima ondata
La ricercatrice Silvia Gianola, prima autrice dello studio pubblicato su 'Physical Therapy': «Picco di prevalenza più alto nel mese di marzo quando uno su tre dei fisioterapisti che avevano fatto il tampone risultavano positivi»
Sospensione AstraZeneca, Cisl Medici Lazio: «Doverosa, ma è ora di riflettere sul da farsi»
Con nota protocollo U0517817 del 11.06.2021 la Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio ha sospeso la somministrazione del vaccino Vaxevria, comunemente noto come Astra-Zeneca «in attesa degli imminenti pronunciamenti delle istituzioni e degli Enti Regolatori competenti circa possibile limitazioni di uso». «La Cisl Medici Lazio plaude alla iniziativa – si legge nella nota – peraltro […]
Vaccinare i più piccoli ha senso? I dubbi degli scienziati tra immunità di gregge e pericolo varianti
Su Nature il confronto tra esperti di pareri opposti, mentre la Germania ha deciso per sé: vaccinerà solo i minori più fragili, non gli altri. Intanto l'Oms chiede dosi per i paesi più poveri, dove gli anziani sono ancora scoperti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 giugno, sono 176.647.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.822.827 i decessi. Ad oggi, oltre 2,4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM