Formazione 6 Febbraio 2017 17:12

Lotta al cancro, Lorenzin: «Prevenzione, formazione e film…»

Il tumore più frequente per le donne, nel 29% dei casi, è il tumore al seno. Il docureality ‘Kemioamiche’ accende i riflettori sul dramma della malattia. Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ai nostri microfoni: «Condividere è importante, insieme si affronta tutto con più coraggio. Importante fare controlli frequenti. Formazione medici è basilare»

In Italia vengono diagnosticati quasi mille casi di cancro al giorno. In questo quadro, la prevenzione assume un ruolo fondamentale.  È recente la giornata mondiale dedicata alla lotta contro il cancro e in quest’ottica il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a margine della conferenza di presentazione del docufilm ‘Kemioamiche‘, mette l’accento sull’importanza della prevenzione e del valore della chemioterapia combinata alle cure idonee a combattere la malattia.

«Non esistono terapie alternative – ci tiene a sottolineare il Ministro – ci sono solo le terapie riconosciute dal mondo scientifico, dalla medicina e certificate e autorizzate dagli enti regolatori. La chemioterapia rimane oggi una strategia vincente, peraltro si è notevolmente evoluta rispetto agli anni passati. Importante segnalare l’importanza dei nuovi farmaci biologici e innovativi: noi abbiamo creduto fortemente come Paese in un fondo ad hoc per questi farmaci, cioè nuove soluzioni contro il cancro che possano essere fruibili facilmente».

Ma di primaria importanza per la lotta contro il cancro c’è innanzitutto la prevenzione «soprattutto il tumore al seno – precisa il Ministro – si combatte e si vince, ma bisogna poterlo diagnosticare in tempo e seguire i controlli messi in calendario dal nostro medico di fiducia».

Altro aspetto fondamentale per la lotta contro il cancro è la corretta e puntuale formazione degli operatori sanitari che devono essere in grado di fronteggiare qualsiasi emergenza. «È un nostro pensiero fisso: la formazione è di basilare importanza. Ma non soltanto la formazione del personale per quel che riguarda l’oncologia, su cui ribadisco che il nostro Paese è all’avanguardia, ma anche la formazione del mondo amministrativo che deve prendere atto dell’importanza di rendere la prevenzione contro il cancro una priorità e non un fanalino di coda degli investimenti in sanità».

Articoli correlati
Cancro, 4 miliardi per il Piano europeo. Bartolazzi (LILT): «Ora renderlo operativo»
La Commissione europea ha presentato lo Europe's Beating Cancer Plan: dalla prevenzione alla lotta alle diseguaglianze. Il presidente del Comitato Scientifico Nazionale della LILT: «Invertire la rotta o incidenza dei tumori e mortalità aumenteranno»
Giornata contro il cancro infantile: stabile il numero di nuovi casi, in aumento le guarigioni
Del Bufalo (oncoematologa): «L’immunoterapia ha rivoluzionato il trattamento della leucemia. Mira ad eliminare il tumore sfruttando il sistema immunitario del paziente, con un impatto di tossicità sugli organi molto più contenuto rispetto a chemioterapia e radioterapia»
di Isabella Faggiano
Patenti, lavoro, assicurazione e mutui: quel ‘muro burocratico’ che discrimina i malati oncologici
Anche coloro che sono usciti dal tunnel della malattia oncologica sono costretti a far fronte a discriminazioni e complicazioni. E anche rinnovare la patente rischia di essere un percorso ad ostacoli. Iannelli (AIMAC e FAVO): «Al lavoro i malati oncologici rischiano di subire comportamenti discriminatori, demansionamenti silenti. Che succederà con la fine del blocco dei licenziamenti il 31 marzo?»
Diabete e cancro, Grimaldi (Ame): «I diabetici si ammalano di più e la malattia spesso ha evoluzione sfavorevole»
La gestione del diabete in ambito oncologico è complessa. È necessaria un’educazione del paziente e dei caregiver e una presa in carico multidisciplinare. L’intervista al Presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME) Franco Grimaldi
Impatto emergenza su pazienti no-Covid, ecco le raccomandazioni per garantire la continuità di cura
Da Agenas e Foce arriva il “Documento di indirizzo e di raccomandazioni per garantire la continuità di cura dei pazienti oncologici, cardiologici ed ematologici”. L’oncologo e presidente Foce Cognetti: «Le conseguenze della pandemia sui pazienti oncologici si vedranno solo tra qualche anno, ma nel 2020 già registrato un aumento del 42% della mortalità cardiovascolare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata d...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...