Formazione 6 Febbraio 2017 17:12

Lotta al cancro, Lorenzin: «Prevenzione, formazione e film…»

Il tumore più frequente per le donne, nel 29% dei casi, è il tumore al seno. Il docureality ‘Kemioamiche’ accende i riflettori sul dramma della malattia. Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ai nostri microfoni: «Condividere è importante, insieme si affronta tutto con più coraggio. Importante fare controlli frequenti. Formazione medici è basilare»

In Italia vengono diagnosticati quasi mille casi di cancro al giorno. In questo quadro, la prevenzione assume un ruolo fondamentale.  È recente la giornata mondiale dedicata alla lotta contro il cancro e in quest’ottica il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a margine della conferenza di presentazione del docufilm ‘Kemioamiche‘, mette l’accento sull’importanza della prevenzione e del valore della chemioterapia combinata alle cure idonee a combattere la malattia.

«Non esistono terapie alternative – ci tiene a sottolineare il Ministro – ci sono solo le terapie riconosciute dal mondo scientifico, dalla medicina e certificate e autorizzate dagli enti regolatori. La chemioterapia rimane oggi una strategia vincente, peraltro si è notevolmente evoluta rispetto agli anni passati. Importante segnalare l’importanza dei nuovi farmaci biologici e innovativi: noi abbiamo creduto fortemente come Paese in un fondo ad hoc per questi farmaci, cioè nuove soluzioni contro il cancro che possano essere fruibili facilmente».

Ma di primaria importanza per la lotta contro il cancro c’è innanzitutto la prevenzione «soprattutto il tumore al seno – precisa il Ministro – si combatte e si vince, ma bisogna poterlo diagnosticare in tempo e seguire i controlli messi in calendario dal nostro medico di fiducia».

Altro aspetto fondamentale per la lotta contro il cancro è la corretta e puntuale formazione degli operatori sanitari che devono essere in grado di fronteggiare qualsiasi emergenza. «È un nostro pensiero fisso: la formazione è di basilare importanza. Ma non soltanto la formazione del personale per quel che riguarda l’oncologia, su cui ribadisco che il nostro Paese è all’avanguardia, ma anche la formazione del mondo amministrativo che deve prendere atto dell’importanza di rendere la prevenzione contro il cancro una priorità e non un fanalino di coda degli investimenti in sanità».

Articoli correlati
Presentato il primo Libro Bianco della Logopedia: «In pandemia +30% di richieste, ma mancano 10 mila professionisti»
Rossetto (FLI): «I logopedisti hanno risposto all’emergenza con la pubblicazione di linee guida e l’implemento della tele-riabilitazione. La nostra professione è ai primi posti nella scelta delle giovani matricole tra le 22 professioni sanitarie. Ma i neolaureati non bastano a colmare il divario con gli altri Paesi»
di Isabella Faggiano
Cancro, indagine mostra il reale impatto della pandemia sui pazienti oncologici
La survey condotta dal Collegio Italiani Primari Oncologi (CIPOMO) pubblicata su European Journal of Cancer: «Riduzione screening e interventi chirurgici, necessario semplificare procedure di follow up»
Tumori e ambiente, lo studio ISS – Regione Sicilia: «Incidenza aumentata in siti di lavorazione petrolchimici e ex amianto»
Il Dipartimento attività sanitarie ed osservatorio epidemiologico Regione Sicilia: «I dati dell’indagine a supporto dei necessari interventi in materia ambientale e sanitaria»
Congresso Aiom, Beretta: «Ora un New Deal per affrontare la pandemia da cancro che ci attende»
Dal XXIII Congresso dell'Associazione italiana di oncologia medica i punti da cui ripartire con il peso del Covid-19: screening, esami diagnostici e follow up, regolamentare la telemedicina e rafforzare la sanità territoriale
Dal divieto di lavoro notturno al sostegno al reddito, le proposte FAVO per i lavoratori con malattia oncologica
Nel corso dell’audizione in commissione Lavoro alla Camera, i rappresentanti della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia hanno spiegato che le norme a tutela di questi lavoratori non sono sufficienti: «Garantire i diritti costituzionali alla salute ed al lavoro»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 dicembre, sono 265.871.477 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.256.038 i decessi. Ad oggi, oltre 8,17 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...