Salute 9 Luglio 2018 16:27

Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»

«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato

Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»

A pochi mesi dall’emanazione della legge sul fine vita, i Comuni italiani si stanno allineando per istituire dei registri dove sia possibile depositare regolarmente le proprie volontà rispetto a trattamenti terapeutici. Dunque la legge dalla carta sta diventando operativa: su questo tema Sanità Informazione ha fatto il punto con Federico Gelli, ex deputato, responsabile sanità del Partito democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul Biotestamento.

A 7 mesi dalla Legge sul Biotestamento come è cambiato il ruolo del professionista sanitario?

«Direi che sia la legge 24/2017 legge Gelli che la legge 219/2017 sul Biotestamento sono diventate cardine entrambe dell’attività del professionista sanitario, per così dire le due facce della stessa medaglia fondamentale nel rapporto medico-paziente. La legge sulla responsabilità professionale va a disciplinare un nuovo rinnovato criterio di valutazione dei rischi consentendo al medico di lavorare più in serenità; l’altra finalmente disciplina il consenso informato che nel nostro Paese era stato finora considerato un mero adempimento burocratico, uno schema da compilare. Questi due assetti portanti di riforma sono convinto che aiuteranno moltissimo nel recupero di quell’alleanza terapeutica tra medico e paziente di cui abbiamo bisogno, non c’è terapia che possa diventare efficace se non c’è una piena condivisione».

LEGGI ANCHE: CONSENSO INFORMATO, L’AVVOCATO PITTELLA: «PER MEDICO MENO RESPONSABILITÀ CIVILE O PENALE»

Alleanza terapeutica: c’è anche chi pensa tra gli addetti ai lavori che questa legge possa portare una ulteriore burocratizzazione del rapporto medico-paziente, a chi la pensa così lei cosa risponde?

«Trovo che questa visione della legge sia curiosa, ma d’altronde questo è un Paese stravagante. Fino ad oggi si criticava il Parlamento perché non aveva mai disciplinato in norma la definizione del consenso informato, le varie modalità di sottoscrizione, il ruolo e l’importanza di questo atto – voglio ricordare che uno dei punti salienti della norma è il colloquio tra medico e paziente – ora si critica la politica perché ha messo in atto quello che si discuteva da anni. Le leggi servono per sancire dei percorsi, vanno ovviamente interpretate e applicate ma sicuramente si tratta di un salto di qualità, di un passo in avanti di un Paese che su certi temi era rimasto indietro. Quindi a chi è scettico su questa legge rispondo che i soliti atteggiamenti critici devono poi misurarsi sulle scelte quotidiane e rimango convinto che questa norma è un fatto molto positivo, non solo per i professionisti ma anche per i pazienti».

Una delle zone d’ombra, a detta sempre di alcuni professionisti sanitari, è l’obiezione di coscienza: pensa si debba regolarizzare e quindi chiarire ulteriormente questo aspetto che riguarda prettamente il medico?

«Questo è stato un punto molto dibattuto in aula. Si tratta di un argomento che forse può essere anche disciplinato, ma dalle proposte emerse nel dibattito parlamentare, credo che la questione sarebbe peggiorata e non migliorata. Ritengo che sia un argomento su cui eventualmente il Parlamento si può esprimere in futuro. Il tema del consenso informato e dell’obiezione di coscienza sono argomenti ancora da discutere, il nostro è un Paese che ha una sensibilità su questi temi molto spiccata. Credo che l’obiezione di coscienza sia inutile perché all’interno del Sistema Sanitario comunque deve essere garantita la possibilità da parte di un professionista di poter raccogliere delle dichiarazioni o delle disposizioni da parte dei cittadini, è un diritto previsto da una norma, da una legge nazionale; impedire tutto questo, sarebbe a mio avviso inutile. Comunque io non sono contrario vediamo quello che sarà in grado di fare questo Parlamento che mi sembra per ora affaccendato in altre dinamiche e non al tema dei diritti, ma potrei essere smentito nei prossimi mesi».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, GELLI: «LA LEGGE 24/17 HA COSTRUITO UN PONTE TRA DIRITTO E SANITÀ»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità e regioni, Rasi: «Pandemia ha mostrato debolezza di un sistema frammentato. Puntare su formazione»
L’ex direttore esecutivo dell’Agenzia europea del farmaco: «Auspico incentivi a formazione ECM del personale sanitario». E sulla gestione dell’emergenza da parte delle Regioni: «Sulla salute serve maggiore centralizzazione»
Azienda sanitaria paga 300mila euro senza aspettare la Ctu. La Corte dei Conti si rivale sui medici
Su Sanità Informazione la storia del dottor M. Lui e tre colleghi rischiano di dover pagare di tasca propria un totale di 250mila euro. L’Avvocato Gangemi (C&P): «I medici dell’equipe non sono stati neanche interpellati per chiedergli cosa fosse successo»
Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni
La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico
Consenso informato, Cassazione: «È un atto medico»
Secondo la Corte di Cassazione, l’ottenimento del consenso informato è considerato atto medico. Un’informazione non corretta o carente è responsabilità professionale, con dovere di risarcire un doppio danno: alla salute e all’autodeterminazione
Responsabilità professionale, FNO TSRM e PSTRP prepara i professionisti sanitari a diventare CTU e periti
Erogato in modalità FAD, il corso è stato presentato in occasione del webinar tenutosi il 19 marzo scorso al quale hanno partecipato circa  300 professionisti. Con questo corso, la FNO TSRM e PSTRP dà seguito ad un impegno assunto con il Consiglio Superiore della Magistratura e con il Consiglio Nazionale Forense per garantire competenze funzionali alla collaborazione tecnica con l’amministrazione della Giustizia e con gli operatori forensi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco