Salute 9 luglio 2018

Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»

«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato

Immagine articolo

A pochi mesi dall’emanazione della legge sul fine vita, i Comuni italiani si stanno allineando per istituire dei registri dove sia possibile depositare regolarmente le proprie volontà rispetto a trattamenti terapeutici. Dunque la legge dalla carta sta diventando operativa: su questo tema Sanità Informazione ha fatto il punto con Federico Gelli, ex deputato, responsabile sanità del Partito democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul Biotestamento.

A 7 mesi dalla Legge sul Biotestamento come è cambiato il ruolo del professionista sanitario?

«Direi che sia la legge 24/2017 legge Gelli che la legge 219/2017 sul Biotestamento sono diventate cardine entrambe dell’attività del professionista sanitario, per così dire le due facce della stessa medaglia fondamentale nel rapporto medico-paziente. La legge sulla responsabilità professionale va a disciplinare un nuovo rinnovato criterio di valutazione dei rischi consentendo al medico di lavorare più in serenità; l’altra finalmente disciplina il consenso informato che nel nostro Paese era stato finora considerato un mero adempimento burocratico, uno schema da compilare. Questi due assetti portanti di riforma sono convinto che aiuteranno moltissimo nel recupero di quell’alleanza terapeutica tra medico e paziente di cui abbiamo bisogno, non c’è terapia che possa diventare efficace se non c’è una piena condivisione».

LEGGI ANCHE: CONSENSO INFORMATO, L’AVVOCATO PITTELLA: «PER MEDICO MENO RESPONSABILITÀ CIVILE O PENALE»

Alleanza terapeutica: c’è anche chi pensa tra gli addetti ai lavori che questa legge possa portare una ulteriore burocratizzazione del rapporto medico-paziente, a chi la pensa così lei cosa risponde?

«Trovo che questa visione della legge sia curiosa, ma d’altronde questo è un Paese stravagante. Fino ad oggi si criticava il Parlamento perché non aveva mai disciplinato in norma la definizione del consenso informato, le varie modalità di sottoscrizione, il ruolo e l’importanza di questo atto – voglio ricordare che uno dei punti salienti della norma è il colloquio tra medico e paziente – ora si critica la politica perché ha messo in atto quello che si discuteva da anni. Le leggi servono per sancire dei percorsi, vanno ovviamente interpretate e applicate ma sicuramente si tratta di un salto di qualità, di un passo in avanti di un Paese che su certi temi era rimasto indietro. Quindi a chi è scettico su questa legge rispondo che i soliti atteggiamenti critici devono poi misurarsi sulle scelte quotidiane e rimango convinto che questa norma è un fatto molto positivo, non solo per i professionisti ma anche per i pazienti».

Una delle zone d’ombra, a detta sempre di alcuni professionisti sanitari, è l’obiezione di coscienza: pensa si debba regolarizzare e quindi chiarire ulteriormente questo aspetto che riguarda prettamente il medico?

«Questo è stato un punto molto dibattuto in aula. Si tratta di un argomento che forse può essere anche disciplinato, ma dalle proposte emerse nel dibattito parlamentare, credo che la questione sarebbe peggiorata e non migliorata. Ritengo che sia un argomento su cui eventualmente il Parlamento si può esprimere in futuro. Il tema del consenso informato e dell’obiezione di coscienza sono argomenti ancora da discutere, il nostro è un Paese che ha una sensibilità su questi temi molto spiccata. Credo che l’obiezione di coscienza sia inutile perché all’interno del Sistema Sanitario comunque deve essere garantita la possibilità da parte di un professionista di poter raccogliere delle dichiarazioni o delle disposizioni da parte dei cittadini, è un diritto previsto da una norma, da una legge nazionale; impedire tutto questo, sarebbe a mio avviso inutile. Comunque io non sono contrario vediamo quello che sarà in grado di fare questo Parlamento che mi sembra per ora affaccendato in altre dinamiche e non al tema dei diritti, ma potrei essere smentito nei prossimi mesi».

LEGGI ANCHE: RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE, GELLI: «LA LEGGE 24/17 HA COSTRUITO UN PONTE TRA DIRITTO E SANITÀ»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»
L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
Il ministro Grillo incontra i rappresentanti del Patto delle Società Scientifiche: impegno per accreditamento, linee guida e decreto assicurazioni
Tra gli obiettivi dell'incontro, la piena attuazione della Legge Gelli, l’analisi dell’evoluzione epidemiologica nazionale, la definizione dei criteri per il calcolo dei fabbisogni di personale specialistico, la programmazione delle reti formative post-laurea, l’analisi dei bisogni di informatizzazione e innovazione tecnologica e la definizione degli standard appropriati a sostenere la prevenzione, le cure materno-infantili, le cure oncologiche, le terapie chirurgiche e interventistiche e le cure intensive
Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»
Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano