Salute 9 Luglio 2018

Batterio Listeria, Giulia Grillo: «ll ministero della Salute ha subito attivato tutti i controlli»

Il ministero della Salute ha subito attivato tutti i controlli del caso sulla vicenda del batterio Listeria che ha provocato il ritiro di alcuni prodotti surgelati in via precauzionale. Al momento, nessun focolaio di infezione in Italia

Immagine articolo

«Sto seguendo con la massima attenzione la vicenda del batterio Listeria. I miei uffici hanno subito predisposto tutti i controlli e le misure necessarie». Con queste parole, il ministro della Salute Giulia Grillo, rassicura sul pronto intervento attuato dal ministero nella vicenda che ha visto coinvolta la Findus. La società di prodotti surgelati, infatti, nei giorni scorsi ha effettuato un richiamo “precauzionale e su base volontaria” di alcuni suoi prodotti, che potrebbero essere stati contaminati dal batterio Listeria.

Il ministero ci tiene a precisare che: «I ritiri fanno seguito a una segnalazione di allerta europea proveniente dall’Ungheria, relativa alla presenza di Listeria  monocytogenes in vegetali surgelati. La Listeria é resistente alle basse temperature e provoca tossinfezioni alimentari. Comunque viene inattivato con la cottura. Al momento non risultano focolai  di  infezione in Italia ed il ritiro dei prodotti sono effettuati in via precauzionale».

Ma di cosa parliamo nello specifico? La Listeria è una famiglia di batteri composta da dieci specie che ora preoccupa l’Europa per un’epidemia nata in Ungheria da mais e probabilmente altri ortaggi surgelati. Dal 2015 ad oggi, ha provocato 47 casi: 9 morti in 5 paesi europei, ovvero Austria, Danimarca, Finlandia, Svezia e Regno Unito.

Una di queste specie, Listeria monocytogenes, causa la listeriosi, una malattia che colpisce sia l’uomo che gli animali. La Listeria si ritrova nel terreno, nelle piante e nelle acque: seppur rara, è spesso grave. Anche gli animali, tra cui bovini, ovini e caprini, possono essere portatori del batterio. La principale via di trasmissione per l’uomo e gli animali è rappresentata dal consumo di cibo o mangime contaminato: è bene sapere che la cottura a temperature superiori a 65 gradi uccide i batteri.

La Listeria monocytogenes può essere presente in molti alimenti: pesce affumicato, carne, formaggi e ortaggi crudi. Per questo, si consiglia di tenere bassa la temperatura del frigorifero per evitare la crescita dei batteri nei cibi pronti. I sintomi dell’intossicazione da Listeria sono: nausea, vomito e diarrea ed infezioni più gravi, quali meningite e altre complicanze potenzialmente letali. Le persone più sensibili sono le cosiddette categorie a rischio: anziani, donne in gravidanza, neonati e le persone con deficit del sistema immunitario.

Nonostante le rassicurazioni del Ministero della Salute che ha ribadito come, ad oggi, non ci sia nessun pericolo in Italia e nessuna ragione per allarmarsi – sono state predisposte verifiche in queste ore e nei prossimi giorni.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
“Donne e Covid-19”: Onda premia le professioniste impegnate in prima linea nell’emergenza
Il riconoscimento speciale è per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro durante l’emergenza sanitaria. Gli ospedali, con i Bollini Rosa e non, potranno proporre la candidatura delle figure sanitarie prescelte entro il 31 luglio 2020 tramite il sito www.bollinirosa.it.
Tecnologia in medicina: l’American Society for Gastrointestinal Endoscopy premia Giovanni Di Napoli
Giovanni Di Napoli, vicepresidente e General Manager di Medtronic – multinazionale che opera nel settore della tecnologia medica con 360 sedi in 160 paesi – ha ricevuto dall’American Society for Gastrointestinal Endoscopy (ASGE) il prestigioso Crystal Awards Honoree nella categoria dei servizi industrali. A questo proposito, Di Napoli ha dichiarato che per lui lo spirito […]
Salute nelle città, Andrea Lenzi: «Dopo l’emergenza servirà un health city manager»
Andrea Lenzi, direttore del dipartimento di Medicina Sperimentale della Sapienza e presidente del Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita della Presidenza del Consiglio: «Abbiamo dimenticato il legame fra medicina e territorio»
di Tommaso Caldarelli
Vitamina D e lockdown, rischio epidemia di osteoporosi?
di Johann Rossi Mason Giornalista medico scientifico
di di Johann Rossi Mason Giornalista medico scientifico
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco