Salute 9 luglio 2018

Batterio Listeria, Giulia Grillo: «ll ministero della Salute ha subito attivato tutti i controlli»

Il ministero della Salute ha subito attivato tutti i controlli del caso sulla vicenda del batterio Listeria che ha provocato il ritiro di alcuni prodotti surgelati in via precauzionale. Al momento, nessun focolaio di infezione in Italia

Immagine articolo

«Sto seguendo con la massima attenzione la vicenda del batterio Listeria. I miei uffici hanno subito predisposto tutti i controlli e le misure necessarie». Con queste parole, il ministro della Salute Giulia Grillo, rassicura sul pronto intervento attuato dal ministero nella vicenda che ha visto coinvolta la Findus. La società di prodotti surgelati, infatti, nei giorni scorsi ha effettuato un richiamo “precauzionale e su base volontaria” di alcuni suoi prodotti, che potrebbero essere stati contaminati dal batterio Listeria.

Il ministero ci tiene a precisare che: «I ritiri fanno seguito a una segnalazione di allerta europea proveniente dall’Ungheria, relativa alla presenza di Listeria  monocytogenes in vegetali surgelati. La Listeria é resistente alle basse temperature e provoca tossinfezioni alimentari. Comunque viene inattivato con la cottura. Al momento non risultano focolai  di  infezione in Italia ed il ritiro dei prodotti sono effettuati in via precauzionale».

Ma di cosa parliamo nello specifico? La Listeria è una famiglia di batteri composta da dieci specie che ora preoccupa l’Europa per un’epidemia nata in Ungheria da mais e probabilmente altri ortaggi surgelati. Dal 2015 ad oggi, ha provocato 47 casi: 9 morti in 5 paesi europei, ovvero Austria, Danimarca, Finlandia, Svezia e Regno Unito.

Una di queste specie, Listeria monocytogenes, causa la listeriosi, una malattia che colpisce sia l’uomo che gli animali. La Listeria si ritrova nel terreno, nelle piante e nelle acque: seppur rara, è spesso grave. Anche gli animali, tra cui bovini, ovini e caprini, possono essere portatori del batterio. La principale via di trasmissione per l’uomo e gli animali è rappresentata dal consumo di cibo o mangime contaminato: è bene sapere che la cottura a temperature superiori a 65 gradi uccide i batteri.

La Listeria monocytogenes può essere presente in molti alimenti: pesce affumicato, carne, formaggi e ortaggi crudi. Per questo, si consiglia di tenere bassa la temperatura del frigorifero per evitare la crescita dei batteri nei cibi pronti. I sintomi dell’intossicazione da Listeria sono: nausea, vomito e diarrea ed infezioni più gravi, quali meningite e altre complicanze potenzialmente letali. Le persone più sensibili sono le cosiddette categorie a rischio: anziani, donne in gravidanza, neonati e le persone con deficit del sistema immunitario.

Nonostante le rassicurazioni del Ministero della Salute che ha ribadito come, ad oggi, non ci sia nessun pericolo in Italia e nessuna ragione per allarmarsi – sono state predisposte verifiche in queste ore e nei prossimi giorni.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Milano, Onda premia le Best Practice degli ospedali per la sclerosi multipla
Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, ha organizzato a Milano la cerimonia di premiazione delle Best Practice degli ospedali con i Bollini Rosa per la sclerosi multipla. L’evento si svolgerà  presso la Regione Lombardia – Sala Pirelli, Via Fabio Filzi 22 – mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 11.30. La Sclerosi Multipla è una […]
Salute degli occhi, quanto ne sai? L’Osvi presenta i risultati del sondaggio
Il 13 dicembre, Santa Lucia, è la Giornata per la prevenzione della cecità. Per questa occasione, l’OSVI (Osservatorio per la Salute della vista) ha realizzato un sondaggio per indagare l’attenzione alla salute degli occhi degli italiani. Gli italiani controllano la vista? Sanno che i primi controlli per la prevenzione del glaucoma vanno fatti intorno ai 40 […]
Diabete e ‘Urban health’, Pella (ANCI): «Duemila sindaci hanno aderito alla dichiarazione di Roma». Censis: luogo e fattori sociali influenzano prevenzione
Un anno fa la firma della “Urban Health Rome declaration”. Il vicepresidente dell’Associazione comuni italiani e dell’intergruppo parlamentare presidente dell’Intergruppo parlamentare ‘Qualità di vita nella città’: «Inattività fisica costa in Europa 80 miliardi di euro». Poi sottolinea: «Parlamento un po’ assente, serve Commissione permanente su questi temi»
Salute e clima, l’OMS alla COP24: «L’accordo di Parigi può salvare un milione di persone l’anno»
Maria Neira, direttrice del dipartimento Salute pubblica e determinanti ambientali dell’OMS, riassume a Sanità Informazione le raccomandazioni del rapporto presentato a Katovice: «Stop a combustibili fossili, nuova pianificazione urbanistica e maggiore coinvolgimento degli esperti della salute»
I cambiamenti climatici causeranno 250mila morti l’anno. Ricciardi (ISS): «È armageddon a fuoco lento»
A Roma la prima conferenza sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute. Il 13 l'incontro ISS-Mattarella. Il messaggio di Maria Neira (OMS) alla COP24: «La battaglia per il clima non è solo degli ambientalisti. Pensiamo anche alla nostra salute, poi parliamo del pianeta. Forse così, dopo 24 conferenze, arriveremo a risultati concreti». E anticipa le linee d’azione che l’Organizzazione Mondiale della Sanità presenterà mercoledì a Katovice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...