Salute 17 Maggio 2018

Quarant’anni dopo “Basaglia”, Trincas (Unasam): «I manicomi hanno chiuso, ma l’approccio terapeutico al disagio mentale non è cambiato»

«Il disagio mentale ha bisogno di un percorso di cura personalizzato e del supporto di un’equipe multidisciplinare. Va superato l’orientamento di cura medico-farmacologico e bisogna applicare anche i principi culturali della legge Basaglia». Gisella Trincas, Presidente Unasam, dà voce ai bisogni dei malati, a 40 anni dall’approvazione della legge 180

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Ascoltare la sua storia, i suoi bisogni, prima ancora di guidarlo verso un percorso di guarigione. La cura personalizzata è l’unica via d’uscita per chi soffre di disagio mentale». È questa la strada indicata da Gisella Trincas, Presidente dell’Unasam, l’Unione nazionale associazioni per la salute mentale che, a quarant’anni  dall’approvazione della legge Basaglia, che ha sancito la definitiva chiusura dei manicomi, denuncia le criticità e le carenze di un sistema che ancora non funziona.

«Grazie alla legge 180 – ha spiegato Trincas – è cambiata la visione della patologia mentale, i luoghi e le possibilità della cura. Con la legge Basaglia c’è stata la fine dell’internamento e del non riconoscimento dei diritti di cittadinanza per migliaia di persone».

LEGGI ANCHE: I 40 ANNI DELLA LEGGE BASAGLIA. CARPINIELLO (SIP): «UNA RIVOLUZIONE SOCIALE E CULTURALE. OGGI PERO’ STRUTTURE VECCHIE E POCHI FONDI»  

Dopo la chiusura degli ospedali psichiatrici il sistema di cura delle patologie mentali è stato affidato ai servizi territoriali che, nel corso degli anni, sono stati organizzati e dislocati su tutto il territorio nazionale. Ma per Gisella Trincas, se il luogo della cura è radicalmente cambiato, l’approccio terapeutico al disagio mentale ha ancora bisogno di essere trasformato. «Servirebbe un’equipe multi-professionale e cure personalizzate – ha spiegato la Presidente Unisam -. Nei nostri servizi territoriali per la salute mentale, invece, c’è una forte carenza, e in alcuni casi anche una totale assenza, di figure professionali orientate ai percorsi di ripresa e di guarigione. Figure come gli psicologi, i terapisti della riabilitazione psichiatrica, gli educatori, professionisti che studiano e si formano proprio per guidare il paziente verso cammini riabilitativi. Se questo manca, non resta che affidarsi all’orientamento di cura medico-farmacologico. Un tipo di intervento non troppo diverso da quello utilizzato negli ospedali psichiatrici di un tempo, prima della legge Basaglia».

Una fragilità del sistema di cura attuale che, per Gisella Trincas, ha delle conseguenze devastanti sulla salute dei pazienti: «Queste debolezze – ha specificato – impediscono la guarigione delle persone che vivono una sofferenza mentale».

Non si tratta di carenza legislative, piuttosto di scarse risorse economiche. «Una nuova legge non serve. La Basaglia ha pienamente svolto le funzioni per cui è stata approvata. Ora – ha detto la Presidente Unasam – è necessario riorganizzare i servizi attraverso la distribuzione di adeguati finanziamenti».

E Gisella Trincas ha le idee chiare anche su come suddividere questi fondi da riservare alla cura delle patologie mentali. «Si potrebbe creare un budget di salute personalizzato, destinando ad ogni paziente la cifra necessaria alla sua cura e riabilitazione. Un sistema che avrebbe anche il beneficio di responsabilizzare il paziente, la sua famiglia e i medici, rispetto al percorso terapeutico intrapreso».

Procedere in questa direzione, per la Presidente dell’Unione nazionale associazioni per la salute mentale, più che una proposta è una necessità: «Senza un servizio basato sulla personalizzazione delle cure c’è abbandono, disastro, cronicizzazione della patologia. Per realizzarlo basterebbe rispettare i principi culturali contenuti nella legge 180. Ma la strada da percorrere –  ha concluso Trincas – è ancora lunga».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Tecnici della riabilitazione psichiatrica, la presidente AITeRP Famulari: «Presto linee guida per formazione omogenea»
La figura professionale è presente in tutti i dipartimenti di salute mentale, ma lavora anche in centri residenziali o diurni, nei servizi psichiatrici di diagnosi e cura e in quelli per le doppie diagnosi, in contesti domiciliari, svolgendo una funzione sia sanitaria, che sociale
di Isabella Faggiano
LEA e psicologia, Baroni (M5S): «Servizi mentali sottofinanziati da anni. Lavorare per psicologo di base»
Il capogruppo dei Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali sottolinea: «È in atto una reistituzionalizzazione dei manicomi veri e propri nel settore privato. Con 40ennale legge Basaglia bisogna riportare attenzione su questi temi»
Legge Basaglia, se ne parla al Festival dell’Impegno Civile. Tra gli ospiti Sileri e D’Arrando
L'incontro si svolge a Sessa Aurunca su un terreno confiscato alla criminalità. Tra i promotori il comitato don Peppe Diana e il coordinamento casertano di Libera
Patologie psichiatriche del terzo millennio, ecco le cause: invecchiamento popolazione, disoccupazione, nuove droghe e dipendenza web
«I grandi cambiamenti sociali hanno contribuito all’aumento del disagio psicologico tra anziani, adulti e adolescenti. Ma la formazione specialistica non si è adeguata ai mutamenti». L’intervista a Massimo di Giannantonio, Presidente del Collegio degli Ordinari di psichiatria
di Isabella Faggiano
I 40 anni della legge Basaglia. Carpiniello (Sip): «Una rivoluzione sociale e culturale. Oggi però strutture vecchie e pochi fondi»
Con la legge del 13 maggio 1980 i pazienti psichiatrici vengono considerati persone da curare e non da internare. Una svolta epocale che ha cambiato il modo di prendersi cura della salute mentale, la formazione universitaria e la professione dello psichiatra. Ma il Presidente della Società Italiana di Psichiatria avverte: «Ancora oggi ci sono persone che hanno paura di accedere alla cura»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...