Salute 8 Luglio 2020 10:00

Banche del latte umano donato: l’Italia è prima in Europa

Moro (Aiblud): «Un alimento prezioso per bimbi prematuri, neonati sottoposti ad interventi chirurgici addominali o affetti da insufficienza renale e patologie metaboliche. Chi se ne nutre cresce meglio e viene dimesso prima dalla terapia intensiva»

di Isabella Faggiano
Banche del latte umano donato: l’Italia è prima in Europa

L’Italia è al primo posto in Europa per numero di Banche del latte umano donato. Il nostro Paese ne ospita 38, seguito dalla Francia che ne conta 36. «Ogni anno sono 10 mila i litri di latte raccolto, donati da circa 950 donne – dice Guido Moro, presidente dell’Associazione italiana Banche del latte umano donato -. Cifre presto destinate ad aumentare per l’apertura di ulteriori nuove Banche su tutto il territorio nazionale».

UN DONO PER I PIÙ PICCOLI

«I primi bambini ad essere nutriti con il latte donato – continua Moro – sono i neonati con basso peso alla nascita, inferiore a 1.500 grammi. Le mamme di questi piccoli riescono difficilmente ad allattare al seno, sia per la nascita prematura del proprio figlio, che può ritardare o ridurre la montata lattea, sia per il forte stress a cui sono sottoposte, che influisce negativamente sulla produzione del latte».

Quando il latte donato a disposizione è maggiore di quello utile ad alimentare i nati pre-termine, può essere utilizzato anche per altre categorie di neonati. «Soprattutto – sottolinea il presidente Aiblud – per i lattanti sottoposti ad interventi chirurgici addominali, che hanno subìto resezioni intestinali o affetti da insufficienza renale e patologie metaboliche».

UN BENE PREZIOSO PER LA SALUTE

I bambini nutriti con latte materno donato avranno molti vantaggi, soprattutto da un punto di vista clinico. «Questo prezioso e naturale alimento è in grado di proteggerli da alcune patologie gravi e molto diffuse nel periodo neonatale – aggiunge Moro -. Tra le più temute c’è l’enterocolite necrotizzante, una patologia infiammatoria dell’intestino che può produrre perforazione e necrosi della parete intestinale, causando morte nel 30% dei casi. Molti studi validati scientificamente hanno dimostrato che il latte materno donato è in grado di proteggere i neonati che se ne nutrono dall’enterocolite necrotizzante. Più in generale, i bambini tollerano meglio questo tipo di alimentazione rispetto al latte in formula. Crescono meglio e vengono dimessi molto prima dalla terapia intensiva».

LE ASPIRANTI DONATRICI 

Tutte le mamme che stanno già allattando il proprio bambino al seno possono donare il proprio latte prodotto in eccesso. «È sufficiente rivolgersi alla Banca del latte più vicina e comunicare la propria disponibilità – dice il presidente Aiblud -. Superato un primo colloquio telefonico per conoscere lo stato di salute generale della donna, sarà necessario presentarsi personalmente alla Banca per sottoporsi ad un prelievo di sangue. Le analisi consentiranno di controllare eventuali infezioni intercorrenti, tra cui l’HIV, l’epatite B e C. In questo preciso momento storico anche il Covid-19».

«Non c’è un limite di età delle mamme donatrici. Però si consiglia di attendere almeno tre settimane dall’inizio dell’allattamento prima di decidere di donare. Questo per assicurarsi che la produzione di latte abbia un’abbondanza stabile nel tempo. Una volta cominciato, una mamma potrà donare il proprio latte fino al compimento del primo anno di vita del suo bambino».

LA FILIERA DI CONTROLLO DEL LATTE

Le Banche del latte non garantiscono solo che la donatrice sia in salute. Anche che il latte donato deve rispettare un certo standard di qualità. «Accertata l’idoneità della donna – spiega Moro – si passa ad analizzare un campione del latte prelevato durante la prima donazione. Se ne controllano i requisiti microbiologici e l’assenza di inquinanti e batteri. Solo se il latte risulterà appropriato si proseguirà con la raccolta. Di volta in volta poi verrà sottoposto ad accurati processi di pastorizzazione».

DONARE FA BENE ANCHE ALLE MAMME

Il latte in eccesso può nuocere alla donna se il seno non viene regolarmente ed adeguatamente svuotato. «Non è mai necessario “convincere” una donna alla donazione: chi non dona il proprio latte è solo perché non sa che è possibile farlo. Il latte in eccesso va necessariamente tirato e nessuno preferirebbe buttarlo, invece di offrirlo a chi ne ha bisogno. È necessario, infatti, chiarire che si tratta di una donazione totalmente gratuita che, in Italia, a differenza di altri Paesi – conclude Moro – non avviene mai a scopo di lucro». È, dunque, un gesto meraviglioso che, per ora, ha un unico difetto: essere diffuso in modo disomogeneo sul territorio nazionale.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Giada, donatrice di latte umano: «Contribuire al benessere dei neonati più fragili lenisce anche le proprie sofferenze»
Salvatori (neonatologo): «Al Bambino Gesù la Banca del latte umano donato (Blud), una delle 39 presenti in Italia. La struttura seleziona, raccoglie, conserva e distribuisce il latte materno, donato da mamme volontarie in maniera totalmente gratuita»
di Isabella Faggiano
Vaccino in gravidanza, 450 donne al primo open day organizzato da Regione Lombardia
L’iniziativa del Dipartimento donna, mamma e neonato del Fatebenefratelli Sacco ha messo a disposizione un team di ginecologi ed ostetriche: «I vaccini a mRNA sono assolutamente sicuri in tutti i trimestri della gravidanza e durante l’allattamento»
di Federica Bosco
Allattamento al seno, va garantito anche in caso di ricovero. Ecco come
L’interruzione dell’allattamento al seno nuoce alla salute di mamme e piccoli. Dal Gruppo di lavoro multiprofessionale coordinato dal Tavolo Tecnico Operativo interdisciplinare (TAS) del Ministero della Salute le linee di indirizzo per consentire alla madre di stare con il suo bambino in caso di ospedalizzazione e viceversa
di Isabella Faggiano
Vaccino anti-Covid. Le risposte del professor Lanzone su gravidanza, allattamento e fertilità
Il direttore di Ostetricia del Gemelli: «Il vaccino anti-Covid non è sconsigliato né in gravidanza, né in allattamento. Non c’è nessuna correlazione validata scientificamente con alterazioni del ciclo mestruale o interazioni con la pillola anticoncezionale»
di Isabella Faggiano
Vaccino anti-Covid in gravidanza? Viora (Aogoi): «La donna sia informata e libera di scegliere»
Le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita hanno condiviso un position paper sulla vaccinazione anti-Covid in gravidanza: «Il vaccino non va escluso a priori. Vanno valutati i rischi e i benefici caso per caso, soprattutto per le donne che lavorano in ambito sanitario»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco