Salute 22 Luglio 2022 10:16

Bambini: sport anche in estate? Lo specialista dice sì, ma con qualche accorgimento

Il sudore non va mai temuto, l’esperto: «È l’assenza di sudorazione durante l’attività fisica a dover destare preoccupazione e non il contrario»

«Non correre altrimenti sudi!». Quanti figli hanno ascoltato questa frase e quanti genitori l’hanno pronunciata almeno una volta nella vita? Sicuramente tanti. O, forse, troppi, considerando che sudare non solo non fa male ma è una reazione del corpo del tutto fisiologica e necessaria. «È l’assenza di sudorazione durante l’attività fisica a dover destare preoccupazione e non il contrario – assicura Attilio Turchetta, responsabile della medicina dello sport dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma -. Sudare serve a mantenere bassa la temperatura corporea e, quindi, ci salva la vita. Credenze popolari in voga soprattutto tra gli anni ’60 e ‘70, secondo le quali l’eccessiva sudorazione potrebbe causare febbre o far pullulare batteri, sono del tutto ridicole e infondate», aggiunge lo specialista.

Durante lo sport un bicchiere d’acqua ogni 20 minuti

E, allora, se il sudore non va temuto, il via libera allo sport anche in estate è totale. Ovviamente, con i giusti accorgimenti. Ecco quali. «La prima parola d’ordine è idratazione – sottolinea Turchetta -. In estate è consentito praticare attività fisica a patto che si beva a sufficienza, ovvero la quantità d’acqua adeguata nei tempi giusti. Solo per fare un esempio, un bambino di 10 anni che pratica attività fisica d’estate dovrebbe bere un bicchiere d’acqua da 200 ml ogni 20 minuti. E non è una quantità poi così esigua se si pensa che una lattina di Coca-Cola è 333 ml – aggiunge l’esperto -. Inoltre, è necessario sottolineare che per i bambini bere non è un gesto spontaneo come per gli adulti. Se i nostri figli sono sempre pronti a dirci che hanno fame, sono molto meno bravi a riconoscere e comunicare il senso di sete. Ma l’ostacolo può essere superato semplicemente ricordandogli di idratarsi di tanto in tanto».

Solo cotone, anche i tessuti tecnici sono inutili

La regola numero due è vestire i bambini in maniera adeguata: no al torso nudo ed al capo scoperto. «È necessario che durante l’attività sportiva si indossi una maglietta leggera in fibre naturali e un cappello, possibilmente bianco. Mai preferire i tessuti sintetici, nonostante non necessitino di stiratura: meglio una maglietta un po’ sgualcita, ma di cotone – assicura Turchetta -. No anche ad i tessuti tecnici: lasciamo acquistare ed indossare questa tipologia di capi agli sportivi professionisti – sottolinea lo specialista -. Poi, pur evitando rigorosamente di esporsi al sole durante le giornate più calde è necessario sempre spalmare della crema solare protettiva su tutto il corpo, ripetendo l’operazione di tanto in tanto, soprattutto dopo il bagno al mare o in piscina».

Lo sport aiuta a crescere

Sono pochi e semplici, dunque, gli accorgimenti necessari affinché i bambini possano divertirsi in totale libertà, praticando gli sport più disparati anche quando le temperature superano i 30 gradi. «L’estate, essendo il periodo in cui bambini e ragazzi hanno maggior tempo libero a disposizione è anche il momento ideale per cimentarsi in sport meno usuali o che comunque non è possibile praticare d’inverno, quando tra la scuola e lo studio pomeridiano resta giusto qualche ora libera per dedicarsi ad una sola tipologia di attività fisica. Ma provare nuovi sport non significa semplicemente fare movimento e perfezionare le proprie capacità di coordinazione motoria, vuol dire anche arricchire il bagaglio esperienziale del bambino e – conclude Turchetta – migliorare le sue capacità sociali e relazionali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La storia di Elena ci suggerisce che le cure palliative ancora devono affermarsi nella pratica clinica quotidiana
Di Bruno Nicora, Medico palliativista
di Bruno Nicora, Medico palliativista
Perché d’estate la coppia scoppia. Tutta “colpa” del sole
Recine (psicoterapeuta): «Durante la stagione estiva il nostro corpo, complice la luce del sole presente in modo più intenso e per molte più ore, produce più serotonina, l’ormone della felicità. Al contrario, d’inverno, in presenza di meno luce naturale, il nostro corpo è portato a generare più melatonina, associata a tranquillità, stabilità e serenità»
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
L’estate italiana 2022 è la più calda di sempre. Bollino rosso in 16 città
L’ondata di calore sarà molto intensa, ma di durata inferiore rispetto alle precedenti. Coldiretti: «La tendenza al surriscaldamento in Italia è evidente e la classifica degli anni più caldi negli ultimi due secoli si concentra nell’ultimo decennio»
Attenzione alla Curcuma: cancellati gli effetti benefici dalle etichette. Ecco perché
Dopo nuovi episodi di danni al fegato associati al consumo di integratori alimentari alla curcuma, il Ministero della Salute dispone una nuova avvertenza di rischio: «In caso di alterazioni della funzione epatica, biliare o di calcolosi delle vie biliari, l’uso del prodotto è sconsigliato». Sul foglio illustrativo spariscono gli effetti fisiologici finora esplicitamente attribuiti alla sostanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale