Salute 10 Aprile 2019

Autismo, nuove prospettive per l’inserimento nel mondo del lavoro

Tavola Quadrata di FIMP a Napoli per promuovere relazioni sociali e employability. In programma un progetto di job guidance in collaborazione con Unione Industriali di Napoli

Ventotto miliardi di euro all’anno, solo in Italia: questo, alla luce dei più recenti studi in materia, il costo necessario per la riabilitazione dei soggetti affetti da autismo e disabilità neuropsichiatriche. Costi ripartiti tra il Servizio Sanitario Nazionale, il sistema educativo e le famiglie, e purtroppo, in quest’ultimo caso, non proporzionali al reddito. Tutto ciò a fronte di un ulteriore dato allarmante, e cioè che l’80% dei soggetti autistici adulti, a prescindere dal grado di gravità della sindrome, non ha nessun tipo di occupazione.

Di questa realtà e delle possibili soluzioni si è discusso di recente a Napoli, durante la Tavola Quadrata “Genetica, epigenetica e autismo” organizzata dalla FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri) presso l’OMCeO del capoluogo campano.

Costi insostenibili a fronte di un mancato inserimento nel mondo del lavoro, perchè i centri di riabilitazione rimangono, pur dopo aver completato un percorso di studi, l’unica opzione praticabile anche per i soggetti che potrebbero essere impiegati in attività lavorative. La sostanziale mancanza di alternativa incide significativamente, in modo negativo, sulla qualità di vità degli individui affetti da autismo, così come l’approccio puramente clinico e l’intervento precoce, seppur necessari, non sono sufficienti a supportare sul lungo periodo il reale inserimento in società dei ragazzi autistici.

«Quello che appare prioritario – spiega la dottoressa Paola Magri, esperta nel settore dei Disturbi dello Spettro Autistico – è iniziare a ragionare in termini di benessere reale, tenendo conto di parametri ben precisi per la valutazione della qualità della vita. Uno di questi parametri – continua – è l’Employability, che non riguarda solo il contesto occupazionale ma in generale la capacità di vivere ed essere inseriti in un contesto sociale. Un secondo parametro sono le Social Connection, esaminate attraverso una lente d’ingrandimento – specifica la Magri – il fatto che un bambino con disabilità cognitive frequenti la scuola non è un indicatore, o meglio, da solo non basta; indicatori validi sono la sua partecipazione alle gite, alle attività extracurriculari, eccetera. D’altra parte – conclude – se un ragazzo autistico completa un percorso di studi ma da adulto non sarà autosufficiente nelle attività quotidiane è evidente che una falla nel sistema c’è, e bella grossa».

E’ in quest’ottica che nasce il percorso di job guidanceTalent Academy” per persone con disabilità cognitive, avviato da “DinAmiche”, un’associazione di donne senza scopo di lucro, in collaborazione con Alpine Learning Group, centro di eccellenza internazionale, e con Unione Industriali di Napoli. La dottoressa Magri, coordinatrice scientifica del progetto che verrà ufficialmente presentato l’8 aprile a Napoli presso la sede dell’Unione Industriali, ne anticipa ai nostri microfoni le finalità : «L’inserimento e il coinvolgimento nella società anche attraverso il lavoro, che tenga conto delle personali attitudini ed inclinazioni dei ragazzi, guidati da un job coach, è l’obiettivo della nostra iniziativa».

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Autismo, ok a risoluzione Commissione Affari Sociali: tra le richieste aumento pensioni di invalidità e più personale nei servizi di salute mentale
Prima firmataria Maria Teresa Bellucci di Fratelli d’Italia. Alla base delle richieste al governo la mancata attuazione di alcune disposizioni normative. Governo viene impegnato anche ad assegnare i beni confiscati alla mafia e degli enti locali per realizzare attività socio-educative-sportive e sostenere l’imprenditorialità con la creazione di fattorie sociali e dell'orticoltura
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
Maratona Patto per la salute, le richieste di Ail: equità nell’accesso alle cure e garantire accessibilità ai farmaci
L'associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma ha presentato al ministro Grillo le sue proposte su equità nell’accesso alle cure, mobilità sanitaria e governance farmaceutica nel corso delle tre giornate di ascolto e confronto dedicate ai protagonisti del servizio sanitario nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone