Salute 10 Aprile 2019

Autismo, nuove prospettive per l’inserimento nel mondo del lavoro

Tavola Quadrata di FIMP a Napoli per promuovere relazioni sociali e employability. In programma un progetto di job guidance in collaborazione con Unione Industriali di Napoli

Ventotto miliardi di euro all’anno, solo in Italia: questo, alla luce dei più recenti studi in materia, il costo necessario per la riabilitazione dei soggetti affetti da autismo e disabilità neuropsichiatriche. Costi ripartiti tra il Servizio Sanitario Nazionale, il sistema educativo e le famiglie, e purtroppo, in quest’ultimo caso, non proporzionali al reddito. Tutto ciò a fronte di un ulteriore dato allarmante, e cioè che l’80% dei soggetti autistici adulti, a prescindere dal grado di gravità della sindrome, non ha nessun tipo di occupazione.

Di questa realtà e delle possibili soluzioni si è discusso di recente a Napoli, durante la Tavola Quadrata “Genetica, epigenetica e autismo” organizzata dalla FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri) presso l’OMCeO del capoluogo campano.

Costi insostenibili a fronte di un mancato inserimento nel mondo del lavoro, perchè i centri di riabilitazione rimangono, pur dopo aver completato un percorso di studi, l’unica opzione praticabile anche per i soggetti che potrebbero essere impiegati in attività lavorative. La sostanziale mancanza di alternativa incide significativamente, in modo negativo, sulla qualità di vità degli individui affetti da autismo, così come l’approccio puramente clinico e l’intervento precoce, seppur necessari, non sono sufficienti a supportare sul lungo periodo il reale inserimento in società dei ragazzi autistici.

«Quello che appare prioritario – spiega la dottoressa Paola Magri, esperta nel settore dei Disturbi dello Spettro Autistico – è iniziare a ragionare in termini di benessere reale, tenendo conto di parametri ben precisi per la valutazione della qualità della vita. Uno di questi parametri – continua – è l’Employability, che non riguarda solo il contesto occupazionale ma in generale la capacità di vivere ed essere inseriti in un contesto sociale. Un secondo parametro sono le Social Connection, esaminate attraverso una lente d’ingrandimento – specifica la Magri – il fatto che un bambino con disabilità cognitive frequenti la scuola non è un indicatore, o meglio, da solo non basta; indicatori validi sono la sua partecipazione alle gite, alle attività extracurriculari, eccetera. D’altra parte – conclude – se un ragazzo autistico completa un percorso di studi ma da adulto non sarà autosufficiente nelle attività quotidiane è evidente che una falla nel sistema c’è, e bella grossa».

E’ in quest’ottica che nasce il percorso di job guidanceTalent Academy” per persone con disabilità cognitive, avviato da “DinAmiche”, un’associazione di donne senza scopo di lucro, in collaborazione con Alpine Learning Group, centro di eccellenza internazionale, e con Unione Industriali di Napoli. La dottoressa Magri, coordinatrice scientifica del progetto che verrà ufficialmente presentato l’8 aprile a Napoli presso la sede dell’Unione Industriali, ne anticipa ai nostri microfoni le finalità : «L’inserimento e il coinvolgimento nella società anche attraverso il lavoro, che tenga conto delle personali attitudini ed inclinazioni dei ragazzi, guidati da un job coach, è l’obiettivo della nostra iniziativa».

Articoli correlati
Processo Panzironi, Magi (OMCeO Roma): «Ecco perché ho denunciato il ‘guru’ di Life 120. Così tuteliamo medici e salute dei cittadini»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Roma Antonio Magi annuncia che si costituirà parte civile nel processo per esercizio abusivo della professione medica nei confronti di Adriano Panzironi: «Altri Ordini ci seguiranno». Poi sottolinea: «Non serve legge che definisca atto medico, definizione è nota». A marzo la prima udienza
Stati Generali Ricerca, encomio solenne alla dottoressa Capobianchi, capo della squadra che ha isolato il coronavirus
«Nella gestione dell’epidemia fondamentale la ricerca ma anche la filiera di formazione e informazione a tutti i livelli del sistema sanitario»
Salute, Samantha De Grenet e OMCeO Milano insieme nella promozione dello Sport
Samantha De Grenet è ufficialmente la madrina della squadra Basket Medici Milano Asd. «Sono orgogliosa di far parte di questo virtuoso progetto che promuove la solidarietà e il  benessere psico-fisico, che si può raggiungere attraverso la sana alimentazione e l’attività sportiva, come può essere il basket» afferma la Showgirl che ha infatti ricevuto presso l’Ordine […]
Meyer, parte la campagna “Il Meyer diventa più  grande per i più piccoli”. Carlo Conti testimonial  
Una grande struttura immersa nel verde per accogliere i bambini che devono effettuare giornalmente visite e analisi specialistiche: si tratta del Parco della Salute dell’Ospedale Meyer di Firenze che ospiterà, oltre all’attività specialistica, anche il nuovo reparto di Psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza
Covid-19: un docufilm ECM anti-psicosi e fake news per medici e pazienti
Progetto gratuito di edutainment promosso da Consulcesi con autorevoli collaborazioni scientifiche e tecnologie più avanzate come la realtà aumentata. Tortorella: «La potenza comunicativa del cinema, combinando divulgazione scientifica al coinvolgimento emotivo, per contrastare il virus e la cattiva informazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 febbraio 2020 sono 83.704 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 36.654 mentre i morti sono 2.859. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...
Diritto

Reperibilità notturna, Palermo (Anaao): «Se succede un “fattaccio” gli avvocati controllano se il medico ha riposato almeno 11 ore»

Il Segretario del sindacato spiega a Sanità Informazione i motivi alla base del ricorso alla Commissione europea: «Rischi enormi per la salute dei pazienti e per il professionista. Speriamo in pronu...