Salute 23 Marzo 2021 11:59

Autismo al tempo del Covid: da OISMA gli strumenti per aiutare insegnanti e genitori

Giuseppe, un ragazzo di 18 anni autistico insignito del titolo di Alfiere della Repubblica dal Presidente Mattarella per il suo impegno durante la DAD e la capacità di essere da stimolo per i compagni, è l’esempio che esiste anche in età adulta una plasticità cerebrale che permette di apprendere mettendo in gioco le emozioni positive

di Federica Bosco
Autismo al tempo del Covid: da OISMA gli strumenti per aiutare insegnanti e genitori

Si chiama Giuseppe Varone ed è un ragazzo autistico di 18 anni di Aosta che il presidente Sergio Mattarella ha insignito del titolo di Alfiere della Repubblica per il suo impegno durante il periodo di didattica a distanza e per la sua capacità di essere da stimolo per i compagni diventando lo speaker radiofonico di un programma per ragazzi autistici. La notizia, che sembra il lieto fine di una favola dei giorni nostri, in realtà è frutto di un prezioso lavoro dei genitori e degli insegnanti che hanno saputo, nonostante la distanza, tenere acceso l’interesse del ragazzo che ha trasformato l’isolamento in una occasione di crescita personale e di socialità con i compagni. Un risultato non sempre possibile, in particolare quando i disturbi della sfera autistica si riconoscono tardi o si nascondono.

In Gran Bretagna e Stati Uniti prime diagnosi in media intorno ai 6 o 7 anni

Secondo un’indagine realizzata in Gran Bretagna e negli Stati Uniti su circa 2500 bambini e ragazzi autistici, è emerso che la prima diagnosi arriva in media intorno ai 7 anni in Uk e ai 5 negli Usa, ma in alcuni casi addirittura verso i 18 anni. Un ritardo che a causa del Covid e del distanziamento sociale potrebbe addirittura aumentare. Ragione per cui è fondamentale capire subito e agire immediatamente per non cadere nell’errore di un isolamento irreversibile.

Le linee guida di OISMA per aiutare genitori e insegnanti

OISMA (Osservatorio italiano di studio e monitoraggio dell’autismo) è un’associazione di promozione sociale che, con la sua presidente psicologa Rosaria Ferrara, ha messo a punto delle linee guida per aiutare genitori e insegnanti. «All’interno dello spettro autistico non è raro trovare casi di ragazzi che ricevono la diagnosi in età scolare o addirittura durante l’adolescenza. Questo fa capire due cose – analizza Ferrara -: l’intercettazione precoce non sempre funziona, e ci sono elementi che sfuggono all’attenzione di chi potrebbe riconoscerli. Esistono poi differenze nell’espressione fenotipica dell’autismo tra maschi e femmine, ovvero in come la società recepisce alcuni comportamenti che vengono più tollerati nelle ragazze piuttosto che nei ragazzi. Per intenderci, se una bambina tende ad isolarsi desta meno preoccupazione rispetto ad un bambino».

Un dato che all’apparenza è irrilevante, ma non a chi fa del monitoraggio dei comportamenti autistici sin dalla più tenera età oggetto di studio. «Abbiamo due sezioni di OISMA bebè – spiega la psicologa -, una a Roma e l’altra a Salerno, entrambe sono strutturate per aiutare a riconoscere i campanelli di allarme sin dai primi anni del bambino. Un esempio? A pochi mesi già un corpo estremamente rigido, o al contrario ipotonico, può esprimere un disturbo». Fondamentale è leggere un segnale e in questo il ruolo dei genitori prima e degli insegnanti poi diventa decisivo.

«I famigliari sono i primissimi che possono accorgersi di un qualcosa che non va. Molte volte però le sensazioni vengono silenziate e scambiate per eccessiva ansia o preoccupazione, mentre invece il loro intuito è capacità di vedere oltre».

Checklist per docenti

Se invece i genitori non riescono a percepire i segnali che il bambino manda, gli insegnanti possono diventare una fonte importante di riferimento sia alla scuola materna che nella primaria. In questo il ruolo di OISMA aps è importante. «Facciamo molte iniziative formative, e durante questo periodo di didattica a distanza abbiamo lanciato diverse campagne per aiutare gli insegnanti». In particolare, sono state istituite delle checklist a cui i docenti possono fare riferimento, anche se, come rimarca la stessa presidente di OISMA, a volte il fenomeno del ritiro sociale dei ragazzi con neurodiversità viene interpretato come una soluzione comoda per la famiglia. E così si tarda l’evidenza di casi di autismo, asperger o Hikikomori.

«Una volta riconosciuti i campanelli di allarme occorre da un lato attivare la famiglia– sottolinea Ferrara – e dall’altra facilitare l’inclusione dello stesso nella classe. Il primo lockdown è stato devastante per i ragazzi autistici, fortunatamente è andata meglio in quelli successivi perché è stata prevista la possibilità di creare piccoli gruppi in presenza».

«Importante è non arrendersi di fronte alle difficoltà. Con questi ragazzi si può fare molto anche quando sembrano ormai adulti perché esiste una plasticità cerebrale che permette di apprendere mettendo in gioco le emozioni positive – spiega – con l’ausilio di stratagemmi che possono spostare la loro attenzione su argomenti più coinvolgenti che aiutano comunque ad arrivare al risultato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Autismo e adolescenza. Il punto di vista della Sima
Il 2 aprile, come ogni anno dalla risoluzione 62/139 del 18 dicembre 2007 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, si è celebrata la Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo (World Autism Awareness Day), nata con la finalità di implementare la ricerca, lo studio, la diagnosi precoce, i servizi e il rispetto dei diritti per le persone autistiche. […]
“Dipingiamo il territorio di blu”, l’autismo al centro del webinar dell’Ordine TSRM e PSTRP di Roma
Il 2 aprile, Giornata Mondiale della consapevolezza dell’autismo, si svolge a partire dalle 16.30 l’evento dell’Ordine di Roma dedicato alle persone con disturbi dello spettro autistico
I tocchi virtuali suscitano reazioni reali. Dalla realtà virtuale immersiva nuove possibilità di trattamento del dolore cronico
La ricercatrice: «Persone con disturbo dello spettro autistico, donne e uomini vittime di violenza sessuale e fisica, che rifiutano il contatto fisico, potrebbero trarre giovamento dall’utilizzo della realtà virtuale: sperimenterebbero solo le sensazioni piacevoli, senza il fastidio del tocco reale»
di Isabella Faggiano
Covid-19, over 65 esclusi da vaccinazione a scuola. Tuzi (M5S): «Così 50mila esclusi, non c’è logica medica»
«Bisogna modificare rapidamente i piani vaccinali e prevedere un monitoraggio regionale per impedire che si possano verificare nuovamente situazioni similari» spiega il medico e deputato Cinque Stelle
Adolescenza in tempo di pandemia
di d.ssa Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
di d.ssa Stefania Tempesta, psicologa Odp Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...