Salute 3 Maggio 2021 10:20

Attenti ai pesci predatori: pericolosi anche in tavola

Bianchi (Altroconsumo): «Con una sola porzione di pesce spada o di verdesca si supera la dose settimanale di mercurio tollerata dal nostro organismo». L’Associazione ha condotto un’analisi su circa 100 pesci freschi, surgelati, in scatola, affumicati, tra le tipologie maggiormente acquistate dagli italiani. I risultati

di Isabella Faggiano
Attenti ai pesci predatori: pericolosi anche in tavola

Il sistema nervoso e in particolare il cervello in via di sviluppo sono gli organi che maggiormente risentono dei suoi effetti tossici. Si tratta del mercurio, un composto particolarmente nocivo per l’uomo che, in modo più o meno consapevole, portiamo sulle nostre tavole. Questo metallo, infatti, è presente in molti dei pesci pescati nei nostri mari sottoforma di metilmercurio.

Il pescato italiano al microscopio


I pesci di grossa taglia sono tra i più contaminati e con una sola porzione possono far superare la soglia di mercurio settimanale accettabile per i bambini. Fra i pesci più piccoli, invece, la situazione migliora. È emerso da un’analisi condotta da Altroconsumo su circa 100 pesci freschi, surgelati, conservati, in scatola, affumicati.

«Grazie a questo studio – spiega Emanuela Bianchi, coordinatrice del settore Alimentazione di Altroconsumo –  abbiamo verificato la presenza di questa sostanza tra le tipologie di pesci maggiormente acquistati dagli italiani, così da aiutare i consumatori a non superare la soglia di assunzione indicata dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), fissata in 1,3 microgrammi per chilogrammo di peso corporeo».

Ecco i risultati

«Il mercurio tende ad accumularsi nei pesci predatori, che si nutrono di altri  pesci, quindi di carni che a loro volta già contegono questo metallo. Inoltre – aggiunge l’esperta – i pesci di grossa taglia hanno una vita più lunga e, di conseguenza, sono esposti alla sostanza tossica per un tempo maggiore. Con il pesce spada e la verdesca (un tipo di squalo), entrambi appartenenti alla categoria dei predatori, è sufficiente una sola porzione per superare il limite settimanale di mercurio consentito. Se prendiamo in considerazione una porzione di pesce (60 grammi per i bambini di 5 anni, 150 grammi per le altre fasce di età, 50 grammi per il pesce in scatola o affumicato ), mangiando verdesca la dose settimanale tollerabile viene superata di una volta e mezzo circa negli adulti e di due volte e oltre nei bambini. Nel caso del pesce spada – sottolinea Bianchi – il superamento della dose tollerabile è pari a 1,3 volte circa nell’uomo e quasi a due volte nell’adolescente».

I conti tornano invece prediligendo i pesci di piccola taglia. Con una porzione di trota salmonata si arriva al 2% della dose di mercurio tollerata dagli adulti e al 3% nel caso delle altre fasce della popolazione. Altrettanto sicuri – dice l’esperta  – anche sgombro, sardine e salmone che siano freschi, surgelati, in scatola o conservati in altro modo».

Mercurio, da dove viene e perche fa male


Il metallo tossico è un inquinante che può derivare sia da fonti naturali, come le eruzioni dei vulcani e gli incendi delle foreste, sia dalle attività dell’uomo. Per questo, non tutti i mari sono contaminati allo stesso modo. «Il mar Mediterraneo è tra i più inquinati da mercurio – aggiunge Bianchi-. Lo confermano anche le nostre analisi che hanno rilevato una maggiore quantità di mercurio nel tonno rosso, tipico dei nostri mari, rispetto al tonno pinne gialle, pescato in luoghi decisamente meno inquinati (nelle Filippine, Papua Nuova Guinea, Indonesia e Australia del nord, ndr)».

Va chiarito che solo dosi molto elevate di mercurio possono essere fatali. Ma quantità così elevate non sono normalmente associate al consumo di pesce. «Il metallo tossico che entra nel nostro organismo attraverso il cibo risulta nocivo per il sistema nervoso dei più piccoli – spiega Bianchi – Ne è sconsigliata l’assunzione anche alle donne in gravidanza o in allattamento, in quanto è stato accertata la sua capacità di oltrepassare la placenta e raggiungere il feto, così come quella di contaminare il latte materno».

Consigli utili

La presenza di mercurio, però, non deve scoraggiare al consumo del pesce, alimento essenziale per la salute umana. «È fondamentale portare almeno tre porzioni di pesce alla settimana sulle nostre tavole. Per evitare effetti dannosi sarà sufficiente attenersi ad una semplice regola: bandire dalla dieta di bambini e donne incinte o in allattamento i pesci predatori e limitarne il consumo ad una sola porzione ogni sette giorni per il resto della popolazione. Via libera, invece, – conclude l’esperta – al consumo di tutto il resto del pescato».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terra dei Fuochi, dalle piante di ulivo una buona notizia
Secondo uno studio condotto dall’Università di Napoli Federico II in 11 siti sul territorio, l'inquinamento non sarebbe più così diffuso. Ma alcuni esperti avvertono: «Il dato potrebbe essere sottostimato per le caratteristiche degli alberi analizzati»
Inquinamento e Covid-19, i rischi per l’inverno. Piscitelli (SIMA): «Controllare emissioni o rischiamo»
Lo studio pubblicato dalla Società di Medicina Ambientale sul BMJO ha accertato la presenza di RNA virale sul particolato atmosferico in pianura Padana a febbraio-marzo. L’epidemiologo Piscitelli: «L’inquinamento può essere stato un fattore che ha amplificato il fenomeno anche se non sappiamo ancora se il virus sul particolato sia infettivo»
«Prima di prendere qualsiasi decisione, si valuti l’impatto sulla salute dei cittadini». Intervista a Roberta Siliquini
Su Elsevier Public Health, una lettera aperta sull’Health Impact Assessment a firma di un team di studiosi piemontesi, tra cui l'ex presidente del Consiglio Superiore di Sanità. Fra i casi presentati, Tav e Ilva
di Tommaso Caldarelli
Covid-19: nasce Rescop, task force internazionale dei “guardiani dell’ambiente e della salute”
Scienziati e ricercatori hanno risposto positivamente all'appello della Sima e verificheranno la presenza del coronavirus sul particolato atmosferico delle città più colpite
Polveri sottili, Italia maglia nera in Europa per mortalità. In un anno causate oltre 45mila vittime
Brusaferro (ISS): «Costruire un futuro sostenibile deve essere per tutti un impegno imprescindibile perché la nostra salute e soprattutto quella delle generazioni future passa attraverso la salute del pianeta»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco