Salute 18 Novembre 2022 13:34

Gli asili nido non compromettono lo sviluppo comportamentale

Cari mamma e papà, niente più sensi di colpa quando si lascia il proprio bambino all’asilo nido, anche se per lungo tempo. Uno studio internazionale ha dimostrato che il tempo trascorso in queste strutture per l’infanzia non compromette lo sviluppo comportamentale dei bambini

Gli asili nido non compromettono lo sviluppo comportamentale

Cari mamma e papà, niente più sensi di colpa quando si lascia il proprio bambino all’asilo nido, anche se per lungo tempo. Uno studio internazionale, guidato dalla scienziata Catalina Rey-Guerra del Boston College, ha dimostrato che il tempo trascorso in queste strutture per l’infanzia non compromette lo sviluppo comportamentale dei bambini. I risultati, pubblicati sulla rivista Child Development, confutano le conclusioni di ricerche precedenti che avevano evidenziato una correlazione tra il tempo trascorso all’asilo nido e lo sviluppo di problemi comportamentali.

Nessun legame tra tempo trascorso in asili nido e difficoltà sociali

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno analizzato i dati relativi a 10.105 bambini in età prescolare, raccolti dal 1993 al 2012, e provenienti da Germania, Paesi Bassi, Norvegia, Canada e Stati Uniti. Il team di ricerca ha esaminato in dettaglio i cambiamenti nell’atteggiamento e le difficoltà di interazione con l’esterno dei bambini, come la tendenza a litigare, mordere o relazionarsi in modo aggressivo. Sono stati presi in considerazione anche i rapporti dei genitori e degli insegnanti sul temperamento e sul carattere dei bambini. Attraverso una varietà di test statistici e grazie a sette set di dati, i ricercatori non hanno trovato alcun elemento che sembrasse collegare eventuali problemi comportamentali nei bambini con il tempo trascorso le strutture dedicate alla cura dell’infanzia.

Non sono chiare eventuali conseguenze a lungo termine

Non sono stati inoltre individuati elementi che colleghino difficoltà a relazionarsi socialmente e condizioni familiari legate all’educazione o al reddito della famiglia. «I nostri risultati – commenta Rey-Guerra – sono molto incoraggianti per i genitori che devono affidare i propri figli all’asilo nido. Il nostro lavoro esamina solo i potenziali effetti a breve termine, per cui non sappiamo se possano emergere difficoltà in avanti con gli anni. Speriamo di rispondere agli interrogativi ancora irrisolti nei prossimi studi». E conclude la scienziata: «Capire come il tempo trascorso nella prima infanzia possa condizionare lo sviluppo del bambino è fondamentale per la definizione di strategie mirate e orientate alla salute dei più piccoli».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini, parla Paolo Siani (Pd): «Ddl va modificato: l’obbligo si può togliere ma solo con copertura adeguata e anagrafe»
Il pediatra, membro della Commissione Affari sociali, ha apprezzato il discorso del premier Conte, in particolare la proposta sugli asili nido gratis per redditi bassi: «Governo ha preso una strada buona». Poi sul tema, spinoso, dell’obbligo vaccinale: «Prima di toglierlo bisogna avere la certezza che ci sia una copertura ‘tranquilla’ su tutto il territorio nazionale»
«Il Paese cerca scopritori di possibilità di cure» l’appello di Scaccabarozzi (Pres. Farmindustria) agli studenti di medicina del Campus di Roma
Non più solo in corsia. Oggi i medici servono anche nel settore farmaceutico. È questo il messaggio emerso dall’incontro: “Il farmaco dalla ricerca di base alla terapia: sinergie tra accademia e impresa sulle nuove prospettive occupazionali del settore farmaceutico”, in Università Campus Bio-Medico di Roma. All’evento hanno partecipato Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria, Alessandro Mugelli, […]
Accademia dei pazienti-Eupati Italia, il paziente “esperto” affianca il medico nel percorso terapeutico
Informazione, formazione e competenza: un paziente preparato e consapevole supporta il professionista sanitario con la sua esperienza diretta di malattia, veicola le necessità degli altri ed aiuta ad arginare il fenomeno della disinformazione in salute
Carlo Resti (Health Care Management CUAMM): «Formazione medici fondamentale in tutti i nostri interventi in Africa»
Il medico si è occupato di gestione sanitaria per l’ONG Medici con l’Africa CUAMM in Etiopia. «Fondamentale portare in questi paesi progetti sostenibili insieme ai governi locali»
Al via grande finanziamento mondiale per la ricerca sull’autismo: tra i partner Fondazione Stella Maris e Università di Pisa
Il più grande finanziamento per la ricerca scientifica nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo è stato assegnato dall’Innovative Medicines Initiative a un consorzio internazionale guidato dall’Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (IoPPN) del King’s College di Londra. Partner italiano del consorzio è l’equipe guidata dal Professor Filippo Muratori direttore dell’unità operativa di Psichiatria dello Sviluppo del […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa