Salute 12 Marzo 2020

Anziani e Coronavirus, Peperoni (Sumai): «Sono la categoria più a rischio ma spesso sottovalutano la situazione»

Nonostante i rischi (e i divieti) gli over 65 continuano ad affollare ambulatori e non solo. Il geriatra: «Fatalismo e scarsa informazione sono un mix esplosivo. Ma le occasioni di contagio ci sono anche per gli anziani più scrupolosi»

Immagine articolo

Fanno parte della categoria più fragile e a rischio ma non tutti riescono ad adeguarsi alle nuove norme previste dal dpcm del 9 marzo, che ha imposto forti restrizioni alla circolazione e all’aggregazione delle persone per arginare l’epidemia di Coronavirus. Parliamo degli anziani, gli over 65, che costituiscono una grande fetta della popolazione nel nostro Paese e che allo stato attuale fanno registrare la maggior parte dei decessi da Coronavirus. Certo, le persone che non rispettano le direttive sono tante e di tutte le età, senza particolari distinzioni, ma nel caso delle persone anziane il discorso si fa un po’ più delicato. Abbiamo chiesto al Vicepresidente Nazionale Sumai Gabriele Peperoni, specialista in Geriatra, di spiegarci come effettivamente gli anziani stiano vivendo questo periodo di emergenza.

Dottore, innanzitutto ci aiuti a capire quanto effettivamente probabilità di contagio e mortalità siano alte nella terza età.

«Nel paziente anziano le due cose si sovrappongono, perchè l’anziano è in linea di massima immunodepresso, con un sistema neuroendocrino che, come tutti gli organi, invecchia con l’avanzare dell’età. E’ un organismo insomma sempre meno in grado di contenere un’infezione, ed è il motivo per cui l’anziano è più esposto al contagio. Se a questo si somma una generica fragilità, delle cronicità e delle comorbilità, ecco che è anche più facile che il soggetto non riesca a superare la malattia, a reagire alle criticità della stessa come può fare un giovane».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CARTABELLOTTA (GIMBE): «LOMBARDIA COME WUHAN. STATE A CASA PERCHÉ SUD NON PUÒ REGGERE UNO TSUNAMI SIMILE»

Il fattore età, preso singolarmente, quanto incide sulla mortalità? E’ più a rischio un anziano sano o un giovane malato?

«La premessa necessaria da fare per rispondere a questa domanda è che l’invecchiamento in salute è un traguardo da raggiungere. Anche gli anziani che arrivano a 80 o 90 anni facendo anche attività sportiva, che sono attivi fisicamente e cerebralmente, possono sottendere a delle patologie più o meno importanti, come l’ipertensione, il diabete, una cardiopatia sclerotica, per cui accade che magari il loro sistema immunitario sia più attivo rispetto alla media dei coetanei. Tuttavia il problema del decadimento persiste, è fisiologico. Fare un paragone con un soggetto cinquantenne con delle patologie è complesso, ma sicuramente l’anziano ha un grande fattore di rischio in più connaturato all’età».

Qual è l’atteggiamento che sta riscontrando nei suoi pazienti rispetto all’emergenza Coronavirus?

«Sto riscontrando un atteggiamento abbastanza fatalista. I pazienti continuano a venire in ambulatorio nonostante tutte le raccomandazioni a non uscire di casa e ad evitare situazioni affollate e contatti promiscui. Si sono infatti rese necessarie cautele aggiuntive come contingentare l’accesso agli ambulatori, anche perchè l’85% dei pazienti degli ambulatori sono over 75enni. C’è sicuramente l’effetto onda dei prenotati di uno o due mesi fa quando l’epidemia non era scoppiata in Italia, ma in ogni caso o non c’è una sufficiente percezione di ciò che sta accadendo e dei rischi a cui l’anziano si espone, oppure c’è l’idea fatalista del potersela in qualche modo cavare».

C’è il rischio, paventato da più fronti e ormai sempre più probabile, che a causa del sovraffollamento delle terapie intensive ben presto si dovrà operare una selezione tra i malati e il criterio sarebbe l’aspettativa di vita, in base ai parametri vitali e all’età. I suoi pazienti come vivono quest’idea?

«Innanzitutto, è bene specificare che i criteri di accesso alla terapia intensiva non possono e non devono tener conto esclusivamente dell’età, ma dei parametri vitali, appunto, presenti al momento del ricovero. Ci si potrebbe trovare davanti un trentenne con una patologia importante o terminale e un sessantenne in ottima salute. E’ evidente che la “scelta” in questo caso non può essere fatta pesando solo il fattore anagrafico, ma esaminando il quadro clinico globale. Di certo, trovarsi nei panni dei colleghi rianimatori chiamati a prendere questo tipo di decisioni deve essere drammatico. Nella nostra società invecchiare è un successo, e non possiamo, in un momento difficile come questo, scaricare sugli anziani tutto il peso della situazione. Spesso poi si tende a ragionare in astratto, e non si tiene conto che questi anziani potrebbero essere i nostri genitori. I miei pazienti, quelli più informati, mi chiedono delucidazioni su questa faccenda, giustamente allarmati. Il problema è che poi, come le dicevo, continuano a uscire di casa. Vero è che un anziano sano è difficile da tenere chiuso in casa per tre settimane. E comunque, le occasioni di contagio ci sarebbero anche se si riuscisse in quest’impresa: non dimentichiamoci che molti di loro vivono con le badanti, che si muovono spesso con mezzi pubblici e potrebbero portare il virus in casa».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Tamponi e test sugli anticorpi, il ruolo dei laboratori privati nella lotta al Covid-19
Le amministrazioni locali reclutano i centri dotati di biologia molecolare. Lamberti (presidente Federlab): «Impensabile far fronte all’emergenza senza schierare tutta la forza laboratoristica presente in Italia»
La richiesta delle forze dell’Ordine al Governo: «Fateci i tamponi». Risposta positiva solo da Veneto e Lombardia
Stefano Paoloni (Segretario Nazionale Sap): «Agenti dichiarati sospetti Covid-19 senza aver fatto loro il tampone, mentre nelle pattuglie solo un agente può indossare la mascherina. Non si può andare in guerra a mani nude»
di Federica Bosco
Convalescenza post Covid-19, come fare per riprendersi pienamente?
Ideati ad Ancona i Protocolli di Educazione terapeutica dedicati alle persone in fase di recupero post-infezione, con il patrocinio della Simfer, la società scientifica dei fisiatri italiani
La difficile Giornata Mondiale dell’Autismo ai tempi del Coronavirus
Sono giorni duri per le famiglie delle persone con disturbi dello spettro autistico. De Martis (ANGSA): «Ci sono famiglie che stanno saltando, preparare Asl e istituzioni a scenari di straordinarietà». Bonsignori (FIA): «Non siete soli, ma ora dobbiamo capire se abbiamo lavorato bene» 
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 1 aprile: Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, al momento 80.572 persone […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 aprile, sono 937.783 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 47.261 i decessi e 190.330 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...