Lavoro 11 Marzo 2020 12:01

Coronavirus, Cartabellotta (GIMBE): «Lombardia come Wuhan. State a casa perché Sud non può reggere uno tsunami simile»

La Fondazione GIMBE ha creato una pagina di monitoraggio sull’epidemia di COVID-19. «Il virus è nel nostro Paese da molto tempo, si diffonde molto rapidamente e l’impennata è evidente in tutte le Regioni» spiega il presidente Nino Cartabellotta. Poi ammonisce: «Attenzione perché l’epidemia sta mettendo in ginocchio uno dei migliori Sistemi sanitari regionali del Paese»

Coronavirus, Cartabellotta (GIMBE): «Lombardia come Wuhan. State a casa perché Sud non può reggere uno tsunami simile»

«L’impennata dei decessi in Lombardia, indipendentemente dalle condizioni cliniche e dall’età, è una spia rossa: l’epidemia sta mettendo in ginocchio uno dei migliori servizi sanitari regionali del Paese». Non usa mezzi termini o perifrasi vaghe per descrivere la difficile situazione attuale Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE – Evidence for Health. Da settimane è attivissimo sui social, in televisione e sui giornali nel complicato compito di dare una corretta interpretazione ai dati che arrivano, smentire bufale, offrire preziose indicazioni scientifiche basate sull’evidenza dei dati.

«Le drastiche misure adottate dal Governo sono in linea con le recenti evidenze scientifiche pubblicate dalla Fondazione GIMBE – sottolinea a Sanità Informazione -. In assenza di un vaccino o di farmaci mirati, le misure di distanziamento sociale (isolamento dei malati, quarantena dei soggetti esposti, tracciatura dei contatti, chiusura delle scuole, misure per gli ambienti di lavoro e divieto di assembramenti) sono l’unica arma a nostra disposizione per contrastare l’epidemia. Queste misure infatti, riducendo la trasmissione del virus, ritardano il picco dell’epidemia, ne riducono l’entità e distribuiscono i casi su un arco temporale più lungo per consentire al sistema sanitario di prepararsi adeguatamente e consentire una migliore gestione dei casi sintomatici».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E SANITÀ PRIVATA, AIOP: «MASSIMA DISPONIBILITÀ». ARIS: «PRONTE CASE DI CURA E RSA PER LIBERARE OSPEDALI»

Cartabellotta è stato sin da subito un fautore di misure draconiane, sostenendo che «politiche e strategie attendiste sono fallimentari» contro il coronavirus. Per questo non si stanca mai di ripetere l’hashtag #stateacasa per fermare l’avanzata dell’epidemia. La Fondazione GIMBE ha anche attivato un sito apposito, coronavirus.gimbe.org, una pagina di monitoraggio dell’epidemia di COVID-19 con dati e spunti preziosi per capire cosa sta succedendo.

Negli ultimi giorni, soprattutto dopo il caos generato dai provvedimenti restrittivi riguardanti solo le regioni del nord (ma poi estesi a tutto il Paese), il presidente della Fondazione GIMBE aveva persino invocato l’applicazione dell’articolo 120 della Costituzione secondo cui in caso di grave pericolo per l’incolumità e la sicurezza pubblica il Governo può sostituirsi a Regioni ed Enti Locali. «L’efficacia delle misure prese è sempre condizionata da un’attuazione tempestiva e da un’elevata aderenza alle raccomandazioni da parte di amministratori locali e cittadini – ricorda Cartabellotta -. Se in Cina il successo di tali misure è stato favorito dal regime autoritario, in un Paese democratico come l’Italia bisogna necessariamente puntare sulla massima responsabilità dei cittadini. La fuga delle persone verso sud è stata un’azione sconsiderata generata dal panico, che potrebbe avere conseguenze negative sulla diffusione del virus nelle regioni del centro sud. Peraltro, nel nostro Paese il virus è presente da molto tempo, si diffonde molto rapidamente e l’impennata è evidente in tutte le Regioni. Il 9 marzo, escludendo Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, i casi in tutte le altre Regioni erano 1.573 (17,2% del totale), il 24 febbraio solo 7. Dal 5 marzo nessuna è indenne».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, SILVESTRI (EMORY UNIVERSITY): «ECCO COME GLI USA SI PREPARANO ALL’EPIDEMIA»

A preoccupare è però soprattutto la Lombardia, che Cartabellotta definisce la “nostra Wuhan”. «La situazione peggiora di giorno in giorno, ma considerato che il virus non conosce confini, è indispensabile la rigorosa osservanza delle misure di distanziamento sociale, perché le Regioni del centro-sud, già in affanno a garantire i livelli essenziali di assistenza, non potranno reggere uno tsunami come quello lombardo». Secondo Cartabellotta, infatti, non c’è da gioire per la decelerazione della crescita dei pazienti in terapia intensiva: vuol dire semplicemente che «si stanno esaurendo i posti in terapia intensiva».

Altro capitolo quello dei tagli alla sanità. Da sempre GIMBE ha denunciato il costante definanziamento che il Sistema sanitario nazionale ha subìto nell’ultimo decennio. E quando qualcuno prova a negarlo, la reazione di Cartabellotta è netta. Come nel caso del deputato di Italia Viva Luigi Marattin, che ha contestato nei giorni scorsi alcune affermazioni di Walter Ricciardi in questo senso. «Io mi sono semplicemente limitato a contestare le affermazioni di Marattin che continua a etichettare come “bufala” il saccheggio della sanità pubblica fatto da tutti i Governi, a partire dal 2010 – spiega Cartabellotta -. Senza voler entrare nel merito di scaramucce politiche, è indubbio riconoscere l’eccellente lavoro del Mef per mettere a posto i conti della sanità. Stando ai numeri, l’analisi indipendente della Fondazione GIMBE dimostra che nel periodo 2010-2019 sono stati sottratti alla sanità pubblica 37 miliardi di euro: 24,7 miliardi per tagli da manovre finanziarie e spending review nel 2010-2015, cui si aggiungono altri 12,1 miliardi nel 2015-2019 per manovre di “definanziamento”, ovvero è stato assegnato alla sanità meno di quanto stabilito».

Infine la polemica sul documento della Siaarti che stabilisce chi salvare e chi no in caso di posti limitati in terapia intensiva: «Il cosiddetto “triage inverso” viene applicato durante le catastrofi (disastri aerei, ferroviari, terremoti).  Eticamente può essere discutibile, ma è inevitabile dal punto di vista pratico quando il volume di malati supera le capacità dell’assistenza sanitaria, sia in termini di struttura che di personale» taglia corto il presidente GIMBE.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (1 luglio): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Covid-19, GIMBE: «Spingere vaccini e richiami per contenere il sovraccarico degli ospedali»
«Con la corsa ai tamponi per inseguire i contagi il Paese è a rischio paralisi indipendentemente dalle nuove regole sulla quarantena. Il sistema di testing è già in tilt»
Cartabellotta (GIMBE): «Il sistema delle regioni a colori è anacronistico. Va ripensato o cancellato»
Il Presidente della Fondazione GIMBE: «Difficile fare previsioni rispetto all’era pre-vaccini. Gli ospedali reggono, ma il personale è stressato»
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
GIMBE: «3,8 milioni i lavoratori non vaccinati, rischio caos tamponi»
«Il fabbisogno settimanale stimato di tamponi antigenici rapidi è compreso tra 7,5 e 11,5 milioni. L’attuale sistema che punta su farmacie e centri autorizzati non potrà garantire, almeno nel breve termine, un’adeguata offerta di test a prezzi calmierati. Considerare obbligo vaccinale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...