Salute 29 Gennaio 2019

Usa, sì agli antibiotici sugli agrumi. Gli scienziati: «Una strada pericolosa che rischia di aumentare l’antibiotico-resistenza»

Ignorando i moniti degli esperti, l’Epa (Ente di protezione ambientale statunitense) ha autorizzato l’utilizzo di antibiotici come pesticidi sugli agrumi. Un decisione che sconcerta per il rischio di aumentare a dismisura il problema della resistenza batterica mettendo in pericolo la salute delle persone

Immagine articolo

Prima i limoneti, ora anche gli aranceti. Come riporta il Salvagente, L’Epa (l’Ente di protezione ambientale statunitense) dell’era Trump continua a creare scalpore: dopo aver autorizzato l’uso di antibiotici per combattere il mal secco dei limoni, ha approvato anche l’irrorazione di aranceti con l’antibiotico ossitetraciclina. Si tratta di un antibiotico utilizzato in medicina umana, per trattare una comune malattia a trasmissione sessuale: la clamidia.

La questione, infatti, è questa: l’ossitetraciclina e gli antibiotici simili funzionano interferendo con la capacità dei batteri di crescere e moltiplicarsi e, in questo modo, secondo gli scienziati, c’è il rischio di aumentare quel fenomeno sempre più diffuso della selezione di batteri resistenti che va sotto il nome di antibiotico–resistenza nelle persone e nell’ambiente. E il rischio di rendere inutile uno degli antibiotici più comuni non si ferma all’ossitetraciclina.

L’Epa, inoltre, a quanto riporta la stampa americana, potrebbe anche approvare l’irrorazione di 280 tonnellate di streptomicina, sugli agrumeti in Florida – un altro antibiotico – ogni anno. Gli esperti parlano di più di 46 volte la quantità di antibiotici simili che gli americani prendono ogni anno per combattere le malattie , tra cui la tubercolosi.
Una minaccia per i consumatori statunitensi (in Europa questi trattamenti non sono ammessi) che non sanno quanti residui di antibiotici troveranno nelle spremute e nei frutti che mangiano. E una strada senza uscita che rischia di togliere ogni efficacia a farmaci che costituiscono una speranza per i malati in tutto il mondo.

Articoli correlati
Aifa, Bonaccini presidente ad interim. Il ministro Grillo firma le nomine del nuovo Cda
La regolare attività dell'Agenzia italiana del farmaco potrà riprendere già questa settimana. Il Consiglio d'amministrazione era fermo da circa due mesi dopo le dimissioni dell'assessore Venturi
Agenas, Lanzarin e Bevere nuovi vertici. Grillo: “Buone intese con Regioni”
La Conferenza Stato-Regioni ha approvato la nomina a Presidente dell'Agenas di Manuela Lanzarin e la conferma nell'incarico di Direttore Generale di Francesco Bevere, in carica dal 2014
Rapporto Aifa su uso farmaci, gli italiani non si fidano dei generici e così si spende di più
È quanto emerge dal Rapporto OsMed 2018 presentato a Roma. Luca Li Bassi, direttore generale dell'Aifa: «In altri Stati la maggioranza della popolazione viene curata con i generici e questo dovrà essere un obiettivo che ci dobbiamo porre per usare al meglio le risorse che abbiamo»
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
«Nessun robot potrà sostituire il medico», gli Stati Generali della professione si interrogano sul rapporto con la scienza
«Nessun algoritmo potrà mai sostituire il medico, perché l'arte professionale sta nell'interpretare i dati secondo le esigenze del paziente», ha spiegato il presidente FNOMCeO, Filippo Anelli aprendo la due giorni di dibattiti dedicati al rapporto tra il medico, la scienza e la società
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti