Salute 26 Aprile 2023 13:21

Allerta influenza canina, virus «parente» dell’aviaria ora minaccia l’uomo

Dovremmo iniziare a preoccuparci della cosiddetta «influenza canina», una forma mutata di influenza aviaria che si sta lentamente evolvendo. E’ l’allerta lanciata da un gruppo di ricercatori della China Agricultural University di Pechino in uno studio pubblicato sulla rivista eLife

Allerta influenza canina, virus «parente» dell’aviaria ora minaccia l’uomo

Dovremmo iniziare a preoccuparci della cosiddetta «influenza canina», una forma mutata di influenza aviaria che si sta lentamente evolvendo. E’ l’allerta lanciata da un gruppo di ricercatori della China Agricultural University di Pechino in uno studio pubblicato sulla rivista eLife. Il virus H3N2 ha iniziato a colpire i cani circa 2 decenni fa. Può causare raffreddore e tosse, e in casi estremi può addirittura essere mortale. Diventato progressivamente un virus specifico per il cane, il timore è che evolva per attaccare anche l’uomo. I ricercatori cinesi hanno già individuato segni che l’agente patogeno si stia adattando per infettare gli esseri umani.

Il virus «canino» riesce a riconoscere meglio i recettori delle cellule umane

Test su campioni di virus prelevati da cani infettati di recente mostrano che ora l’agente patogeno è in grado di riconoscere meglio i recettori delle cellule umane, rispetto a un decennio fa. Questo significa che le particelle virali possono infettare le cellule umane più facilmente, penetrando nella parete cellulare. In altre parole, il virus ha fatto un passo in avanti verso il superamento dell’ostacolo che finora gli ha impedito di diffondersi tra gli esseri umani. «I nostri risultati hanno mostrato che i cani possono fungere da intermediari per l‘adattamento dei virus dell’influenza aviaria agli esseri umani», spiegano i ricercatori.

Preoccupa il potenziale pandemico a lungo termine

Ad oggi, non è stato segnalato neanche un caso di influenza canina nell’uomo in tutto il mondo. Tuttavia, il nuovo studio mostra la minaccia del «potenziale pandemico a lungo termine» che l’H3N2 rappresenta ora per gli esseri umani. «I cambiamenti nel virus canino lo stanno apparentemente adattando meglio alla trasmissione all’interno dei mammiferi, come ci si potrebbe aspettare dopo un periodo così lungo nei cani», sottolinea James Wood, capo del dipartimento di medicina veterinaria dell’Università di Cambridge. «Il virus non sembra rappresentare una minaccia per la salute particolarmente preoccupante per i cani. Si potrebbe essere più preoccupati – conclude – per il potenziale pandemico a lungo termine in altre specie come gli esseri umani».

Articoli correlati
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Vivere con un cane o un gatto rallenta il declino cognitivo
Uno studio dell’Università del Maryland, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha rivelato che la convivenza con un animale domestico può rallentare il tasso di declino cognitivo man mano che si invecchia, soprattutto se si porta a spasso il cane
Vaccini e prevenzione primaria, i consigli dei pediatri per proteggere i bambini dalla “triade” influenza-RSV-Covid
Siamo vicinissimi a una nuova stagione che rischia di mettere a dura prova i bambini, le famiglie e gli ospedali. Tra il Virus Respiratorio Sinciziale (VRS), l'influenza e il Covid, si temono ancora una volta gli effetti di questa pericolosa "triade". A dare indicazioni utili su come proteggere i più piccoli sono stati gli specialisti della Società Italiana di Pediatria
Cani e gatti sono serbatoi di virus, da quello della rabbia al Sars-CoV-2
Gli animali da compagnia sono possibili veicoli di infezioni e malattie, ancora in gran parte sottovalutati. La dinamica dei rischi legati ai contatti tra esseri umani e animali domestici è in continua evoluzione, influenzata dai cambiamenti sociali e ambientali degli ultimi anni. A dirlo è un gruppo di ricercatori internazionale in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...