Salute 17 Giugno 2021 16:55

Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»

Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»

Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»

Ora che l’emergenza Covid-19 sta progressivamente rientrando, è fondamentale ritornare a occuparsi di tutto quello che è stato messo in secondo piano a causa della pandemia. In primis, la fertilità. È proprio da qui che dobbiamo ripartire se vogliamo guardare con speranza al futuro. È questo il messaggio che gli esperti della Società Italiana di Riproduzione Umana (SIRU) lanciano in occasione della Giornata nazionale della fertilità, che si celebra il prossimo 18 giugno. «Quello di cui ora abbiamo proprio bisogno non è solo di riprendere e cercare di recuperare visite e interventi rimandati a causa della pandemia, ma anche di iniziative mirate a contrastare l’importante e costante calo del desiderio di genitorialità che abbiamo registrato in questi ultimi anni e ulteriormente aumentato in questi ultimi mesi», spiega Antonino Guglielmino, presidente della SIRU. «Il perdurare della pandemia, e le conseguenti incertezze sul futuro emerse, hanno scoraggiato molti progetti genitoriali», aggiunge.

Secondo la SIRU, da quando è esplosa la pandemia abbiamo assistito a un’iniziale maggiore interesse delle coppie a mettere al mondo un figlio, seguito poi da un drastico calo. Il fenomeno è tanto evidente nel settore della procreazione medicalmente assistita. «Se teniamo conto del consumo dei farmaci per la stimolazione ovarica, solitamente utilizzati per le procedure di Pma, il cambio repentino di rotta – spiega Guglielmino – è molto evidente: se la scorsa estate abbiamo registrato un aumento di circa il 20 per cento delle richieste di pma, ora abbiamo, in alcune regioni, un calo del 30 per cento dell’uso di farmaci necessari per la pma. Le coppie che cercavano intenzionalmente una gravidanza, ora sembrano aver cambiato idea, preoccupati dalle incertezze e probabilmente da quello che gli aspetta nel futuro».

Tra le iniziative proposte da SIRU per far ripartire la voglia di genitorialità dando sicurezza e certezze dobbiamo aiutare e consentire l’accesso ai percorsi produttivi. «I primi passi necessari per dare una spinta concreta alle nascite e contrastare il calo della fecondità grazie alla Pma – dice Guglielmino – sono: sostegno alle coppie attraverso l’attuazione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) in materia di procreazione medicalmente assistita per consentire un agevole  e uniforme accesso alle cure in maniera a tutte le coppie in tutta l’Italia; divulgazione e applicazione  delle nuove linee guida redatte dalla SIRU per  garantire sicurezza e qualità dei trattamenti di riproduzione assistita in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale e il superamento della legge 40 che ha rivelato in questi anni di essere incompleta e superata dalle evidenze scientifiche;  inoltre sarebbe necessaria  una campagna di sensibilizzazione sulla salute riproduttiva e di sensibilizzazione verso la popolazione sui temi della prevenzione dell’infertilità e della donazione dei gameti; e infine sostenere e implementare la ricerca scientifica sulla riproduzione umana».

Secondo la SIRU, non c’è modo migliore per celebrare la fertilità che sostenere iniziative concrete che la favoriscano. «Non possiamo guardare con ottimismo al futuro senza pensare prioritariamente a contrastare questa grave emergenza denatalità», conclude Guglielmino.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gli anelli deboli della crisi? Rasi (Consulcesi): «Frammentarietà e implementazione delle decisioni del governo»
«La colpa dei 133 mila morti di Covid-19 in Italia è da ritrovare anche nell’assenza di standardizzazione del trasferimento delle conoscenze che man mano si acquisivano, che invece doveva essere rapido e immediato»
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
Variante Omicron, Speranza al G7: «Ora supportare concretamente vaccinazione nei Paesi più fragili»
Le parole del Ministro della Salute nell’incontro convocato per discutere della nuova variante proveniente dal Sudafrica. Intanto sono 33 i casi confermati ma nessun morto o caso grave
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano