Salute 31 Gennaio 2020

Allarme Coronavirus, rischio psicosi. Lo psicologo: «Fondamentale non farsi trasportare dall’onda emotiva»

La paura è comprensibile, ma quali sono i rischi che corriamo? «Ad oggi non risulta un’emergenza in Italia: l’allerta può essere giustificata solo dagli esperti e dal ministero». Facciamo chiarezza con il dottor Stefano Lagona

Il bilancio delle vittime del coronavirus si aggrava di ora in ora: 213 morti e diecimila contagi, più del numero complessivo raggiunto dalla Sars. L’Onu l’ha definita “un’emergenza sanitaria globale” e l’Italia, ad oggi, è l’unico Paese ad aver bloccato i voli con la Cina.

La notizia dei primi due casi accertati da coronavirus anche in Italia – due turisti cinesi in visita a Roma, attualmente ricoverati allo Spallanzani – è bastata per generare ansia e preoccupazione nei cittadini. E c’è un nuovo caso sospetto, sempre a Roma: un operaio romeno che, nella notte, è stato trasferito dall’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli allo Spallanzani, a scopo precauzionale.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CONSIGLIO DEI MINISTRI PROCLAMA STATO DI EMERGENZA PER SEI MESI: «È CONSEGUENZA DELLA DICHIARAZIONE DELL’OMS»

La paura prende il sopravvento e genera effetti a catena: gli italiani disertano ristoranti e negozi cinesi, nelle scuole dilaga l’ansia – il pericolo discriminazioni è dietro l’angolo – e le farmacie sono prese d’assalto alla ricerca di guanti e mascherine.

Ma quali rischi si corrono? La psicosi è fondata, ha ragione d’essere o no? Lo abbiamo chiesto al dottor Stefano Lagona, psicologo e psicoterapeuta.

Dottore, qual è il meccanismo psicologico che scatta nelle persone di fronte ad eventi così imprevisti e minacciosi come un allarme sanitario? Cosa genera il panico e quali sono le reazioni più frequenti?

«Le cosiddette “psicosi da contagio” non rappresentano una novità e la storia della cultura occidentale ne è ricca. Solitamente il meccanismo si origina dalla paura di essere contagiati improvvisamente da un morbo di cui non esiste, ad oggi la cura. Inoltre, la paura del contagio si accompagna solitamente all’attribuzione di una colpa a specifici gruppi sociali, ritenuti responsabili del contagio, e ad una forma di colpevolizzazione delle autorità competenti, non in grado di arginare e gestire il diffondersi dell’epidemia. Questo aspetto motiva gli individui ad adottare interventi preventivi in forma autonoma, talvolta palesemente inutili, in quanto si pensa che gli organi sanitari non riescano a contenere il dilagare del fenomeno».

Perché si arriva a episodi di razzismo e emarginazione, in questo caso nei confronti dei cinesi?

«Il virus di provenienza asiatica ha portato alcuni ad avere atteggiamenti discriminatori nei confronti della popolazione cinese residente in Italia. Il danno è evidente, in termini sia economici che sociali e si fonda sull’assunto palesemente errato che una determinata categoria, unicamente sulla base della propria provenienza geografica, sia responsabile dell’epidemia. In anni recenti, giusto per fare un po’ di storia, abbiamo assistito alla diffusione nella cultura di massa, a dire il vero non completamente debellata, della credenza che l’HIV fosse una sindrome che colpiva una categoria specifica della popolazione: gli omossessuali – si arrivò addirittura a parlare di Gay Related Immunodeficiency Syndrome – sindrome da immunodeficienza correlata all’essere gay. Solo il tempo e le ricerche scientifiche riuscirono ad arginare questa discriminazione».

Quali sono i consigli che si sente di dare alla popolazione per gestire l’ansia e la paura?

«L’unico consiglio è quello di non lasciarsi trasportare dall’onda emotiva, seguire i canali istituzionali di informazione medico scientifica e seguire le indicazioni, se e quando arriveranno, degli esperti. Ad oggi non risulta un’emergenza in Italia e questo è un dato. Abbiamo assistito a comportamenti dettati dall’impulsività (acquisto in massa di mascherine protettive, boicottaggio di locali gestiti da cinesi ecc) ma l’allerta può essere giustificata solo in caso di dati forniti dal Ministero».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Coronavirus, Gimbe: «In 7 giorni +23% nuovi casi. Stop a posizioni estreme che disorientano cittadini»
Nell’ultima settimana +328 nuovi casi, +361 “attualmente positivi” e, per la prima volta dopo mesi salgono i ricoverati con sintomi (+17). Dei 12.609 attualmente positivi il 53% è in Lombardia, il 37,4% tra Emilia-Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Toscana e il 9,6% nelle altre regioni. I dati della Fondazione Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...