Salute 20 Aprile 2023 00:36

Allarme bisfenolo A in cibo, bottiglie e lattine: Efsa riduce i limiti di 20mila volte

Gli attuali limiti alla presenza di bisfenolo A (BPA) negli alimenti non sono una garanzia di sicurezza per la salute. Per questo, a seguito di una nuova revisione gli scienziati dell’Efsa, Autorità europea per la sicurezza alimentare, hanno abbassato la soglia della dose giornaliera tollerabile di circa 20mila volte

Allarme bisfenolo A in cibo, bottiglie e lattine: Efsa riduce i limiti di 20mila volte

Gli attuali limiti alla presenza di bisfenolo A (BPA) negli alimenti non sono una garanzia di sicurezza per la salute. Per questo, a seguito di una nuova revisione gli scienziati dell’Efsa, Autorità europea per la sicurezza alimentare, hanno abbassato la soglia della dose giornaliera tollerabile da 4 microgrammi (4 milionesimi di grammo) per chilogrammo di peso corporeo al giorno 0,2 nanogrammi (2 miliardesimi di grammo). Una riduzione di circa 20mila volte.

Il bisfenolo A si trova nelle bottiglie e nei bicchieri di plastica, ma anche nelle lattine

Il BPA si trova in moltissimi oggetti di uso comune composti da plastica e resine. Viene ad esempio utilizzata nella produzione bottiglie e i bicchieri di plastica, ma anche nei rivestimenti delle lattine e degli imballaggi di alcuni alimenti. Dal 2017 è stata classificata in Ue come candidata alla sostituzione e dal 2018 il suo uso è stato vietato nei biberon e in altri contenitori di alimenti per bambini di età inferiore ai tre anni. Nell’analisi condotta dall’Efsa sono state esaminate numerose pubblicazioni scientifiche, inclusi oltre 800 nuovi studi pubblicati da gennaio 2013. «Questo ci ha permesso di affrontare importanti incertezze sulla tossicità del BPA», riferisce Claude Lambré, responsabile del panel Panel on Food Contact Materials, Enzymes and Processing Aids.

Il BPA è legato a infiammazioni polmonari allergiche e a malattie autoimmuni

«Negli studi, abbiamo osservato un aumento della percentuale di un tipo di globuli bianchi, chiamati linfociti T helper, nella milza», spiega Lambrè. «Svolgono un ruolo chiave nei nostri meccanismi immunitari cellulari – continua – e un aumento di questo tipo potrebbe portare allo sviluppo di infiammazioni polmonari allergiche e malattie autoimmuni». Il gruppo di esperti ha inoltre tenuto conto di altri effetti potenzialmente dannosi per la salute, come ad esempio quelli sul sistema riproduttivo e metabolico. La Commissione europea e le autorità nazionali discuteranno di eventuali misure normative per dare seguito al parere dell’Efsa.

Colao (Sie): «E’ una delle cause dell’obesità infantile»

«Il bisfenolo A è sotto i riflettori da 25-30 anni», osserva Annamaria Colao, presidente della Società italiana di endocrinologia (Sie). «Fa parte della nostra vita quotidiana. Sappiamo che agisce come distruttore endocrino, in particolare del recettore dell’insulina. E’ uno dei composti chimici che noi specialisti definiamo interferenti obesogeni e è una delle cause dell’obesità nell’infanzia e tra i giovani e con conseguenze sul diabete. E’ stato anche ridotto nelle plastiche per uso alimentare – continua l’esperta, condividendo l’opinione dell’Efsa – e chiunque si può rendere conto che le bottigliette di plastica che oggi usiamo sono molto più morbide che in passato. Ma questo, dal punto di vista medico, potrebbe non bastare: queste sostanze chimiche che entrano nel nostro corpo non dovremmo proprio averle».

Articoli correlati
Endocrinologi AME: «Obesità non dipende solo dal cibo, ma anche da confezioni»
L’attuale epidemia d'obesità non può essere spiegata più solo con lo sbilanciamento tra alimenti introdotti ed energia consumata. A giocare un ruolo importante sono anche i cosiddetti interferenti obesogeni, sostanze contenute in molti alimenti e oggetti di uso comune. L'allarme degli specialisti AME
di Redazione
Dagli interferenti endocrini disturbi cognitivi che si tramandano in generazioni future
Lo studio condotto dall’Università del Texas e presentato in occasione del meeting annuale della Endocrine Society a Chicago - Illinois
Risolve problemi circolatori, migliora l’ipertensione e le capacità visive. Scapagnini (biochimico): «L’elisir di lunga vita è la cioccolata»
Proprio per queste sue proprietà benefiche, la cioccolata è stata riconosciuta dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) come ‘claim salutistico’
Campylobacter, nuovi controlli sulle carni di pollame?
Tra le infezioni umane di origine alimentare che si verificano nell’Unione Europea, quella causata da Campylobacter spp. in particolare dalle specie C. jejuni e C. coli, riveste un significato particolare per la sanità pubblica.  Il pollame rappresenta uno dei principali serbatoi delle diverse specie di Campylobacter. La diffusione delle infezioni negli ultimi 10 anni ha, […]
di Maurizio Ferri - Responsabile scientifico SIMeVeP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Sibling, nasce il Progetto Charlie: “Ascoltiamo le emozioni dei fratelli e delle sorelle dei bambini con disabilità”

Meli (Ass.Famiglie Disabili Lombarde): "Solo concedendo un tempo ed uno spazio dedicato, il sibling si riconosce come persona e non come ‘fratello di’. Il nostro motto, sin dalla nostra co...
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...