Salute 11 Giugno 2018

AISM compie 50 anni. Al Forlanini in mostra le tavole artistiche dei pazienti. GUARDA LA GALLERY

«Oggi ho 23 anni e la malattia ne ha 12. Quello che sono nel bene e nel male lo devo anche a lei». Questa una delle storie raccontate sui 12 pannelli che fanno parte della mostra ‘Io non sclero’ i cui autori sono persone affette da sclerosi multipla

L’AISM compie 50 anni. L’Associazione Italia Sclerosi Multipla, nata nel 1968 per rappresentare i diritti e sostenere i bisogni dei pazienti affetti da SM, festeggia il suo mezzo secolo trascorso ad affermare una cultura d’informazione e sensibilizzazione per una malattia che oggi colpisce 2,3 milioni di persone nel mondo.

PER VEDERE LA MOSTRA AL COMPLETO E LEGGERE TUTTE LE STORIE CLICCA QUI

Tantissime le iniziative in programma in questi mesi per celebrare l’anniversario dell’Associazione, fra queste la mostra ‘Io non sclero’ all’ospedale San Camillo Forlanini di Roma dove è aperta al pubblico l’esibizione di 12 tavole artistiche che sintetizzano con parole, tratti e colori le difficoltà motorie e cognitive che un paziente deve affrontare quotidianamente. Le opere sono state realizzate da persone che hanno deciso di raccontare la loro storia attraverso illustrazioni cariche di significato.

La mostra fa parte del progetto nazionale ‘Io non sclero’, sviluppato da Biogen e dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere (Onda), in collaborazione con l’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism) e con il patrocinio della Società italiana di neurologia (Sin).

LEGGI ANCHE: MALATTIE CRONICHE, ACETI (CITTADINANZATTIVA): «TANTO FUMO E NIENTE ARROSTO. PAZIENTI SENZA RISPOSTE»

«Le storie vere, di chi ha deciso di non lasciarsi abbattere dalla malattia – spiega Angela Martino, Presidente dell’Associazione italiana sclerosi multipla – ci offrono una fotografia reale delle necessità dei pazienti e dei loro familiari e questo ci porta a riflettere sulle risposte concrete che oggi associazioni, istituzioni e società civile possono dare alle famiglie, perché la sclerosi multipla non colpisce solo la persona ma l’intero nucleo familiare. Per questo l’Associazione lavora ogni giorno per raggiungere l’obiettivo che guida tutte le nostre attività: un mondo libero dalla sclerosi multipla».

«Un’iniziativa che porta alla luce la realtà complessa di chi è costretto a convivere con la sclerosi multipla – commenta Fabrizio d’Alba, direttore generale del San Camillo-Forlanini all’AdnKronos – e che offre un momento di scambio e di confronto tra pazienti, familiari e operatori sanitari. Come azienda ospedaliera guardiamo con piacere a tutte le iniziative che mettono al centro le emozioni dei pazienti e dei loro familiari, perché ci permettono di ampliare le nostre conoscenze scientifiche, sanitarie e gestionali con testimonianze di vita reale».

Articoli correlati
Sclerosi multipla, Francesco Vacca (Presidente Aism): «Ricerca e giovani al centro del mio programma»
Le priorità del neopresidente: «La presa in carico per la riabilitazione, i PDTA nazionali, la presenza capillare su tutto il territorio nazionale di centri clinici multidisciplinari»
di Isabella Faggiano
Giornata Mondiale Sclerosi Multipla. Eleonora racconta la sua voglia di vivere: «Io non sono la mia patologia»
Per l’edizione 2019, che quest’anno si celebra il 30 maggio in 70 paesi del mondo, lanciata la campagna #MyInvisibileMS per sensibilizzare sull’ invisibilità dei sintomi. Questa malattia è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali: colpisce una persona ogni 3 ore
di Isabella Faggiano
Reddito di cittadinanza, Grillo: «Speso per farmaci e visite»
Lo ha dichiarato il ministro della Salute intervenendo oggi a Roma al Congresso dell'Associazione Italiana Sclerosi Multipla. Annunciata anche la cancellazione dei i ticket per alcune patologie non esenti
Giornata mondiale sclerosi multipla: SIN e AISM insieme per il bene dei pazienti
In occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi Multipla, la Società Italiana di Neurologia (SIN) annuncia gli importanti progetti che sta costruendo in collaborazione con l’Associazione Italiana di Sclerosi Multipla (AISM) Unite per il bene dei pazienti, SIN e AISM, insieme alle diverse figure professionali e a tutti gli altri attori coinvolti, stanno definendo le Linee […]
Sclerosi multipla e orologio circadiano: scoperto un possibile legame nell’insorgenza della malattia
Un team di ricercatori dell'Università Sapienza di Roma ha definito per la prima volta la variazione dell’alternanza luce/buio come fattore scatenante di risposte immunitarie incontrollate, alla base di molte malattie autoimmuni come la sclerosi multipla. Lo studio, che apre nuove prospettive cliniche, è pubblicato sulla rivista Amino Acids
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone