Salute 27 gennaio 2015

AIFA, Rapporto Osmed: sempre più psicofarmaci nei cassetti degli italiani

Il ministro Lorenzin: “Necessari più controlli per l’appropriatezza delle prescrizioni”

Immagine articolo

Cresce costantemente la spesa sanitaria in Italia: nei primi 9 mesi del 2014 ogni italiano ha acquistato circa 23 confezioni di medicinali, di cui 14 in regime di assistenza convenzionata.

E’ quanto emerge dal Rapporto Osmed dell’Agenzia italiana del farmaco, la cui nuova edizione è stata presentata oggi a Roma in una conferenza stampa che ha visto protagonisti il direttore generale dell’AIFA, Luca Pani, e il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin. Tra i temi più caldi la sostenibilità del sistema sanitario e le voci di corridoio che parlano di un aumento dei ticket, un argomento su cui il ministro è stato chiaro: “L’aumento dei ticket non è in questione, mentre la sostenibilità di alcuni farmaci innovativi è attualmente una priorità. Dobbiamo riuscire nell’intento di distribuire gratuitamente alcuni farmaci salvavita estremamente costosi, ma per farlo – continua il ministro – dobbiamo non solo ridurre gli sprechi, ma anche immaginare nuovi percorsi d’acquisto di questi farmaci”.

E se i medicinali cardiovascolari si confermano i più utilizzati, cresce l’acquisto di psicofarmaci: nell’ambito dell’assistenza convenzionata, gli antidepressivi sono la categoria più prescritta. Un dato che potrebbe nascondere una carenza di servizi in ambito psichiatrico. “L’aumento del consumo dei farmaci antidepressivi  cela un profondo disagio della popolazione ed evidenzia la necessità di incrementare i servizi di supporto – osserva Lorenzin -.  Anche per quanto riguarda l’abuso degli oppioidi tra gli anziani – che non c’entra nulla con la terapia del dolore –  bisogna lavorare sia sull’appropriatezza della prescrizione sia sull’assistenza del paziente”. Altro tema caldissimo, le nuove regole sulle terapie sperimentali, sotto i riflettori dopo il caso Stamina: “Bisogna che il sistema di controllo e di erogazione di farmaci non sperimentati, che rientrano quindi nelle cure palliative, faccia un salto in avanti rispetto all’evidenza scientifica-  sostiene il ministro, ma per riuscirci – conclude – dobbiamo implementare la cultura della scienza nel nostro Paese”.

Tags

Articoli correlati
Stefano Vella racconta la sua “rabbia”: «Lasciare Aifa scelta dolorosa, ma difendere salute globale del futuro inizia dalla cura dei migranti»
VIDEO INTERVISTA | L’ormai ex presidente dell’Agenzia del Farmaco a qualche giorno di distanza dalla sua irrevocabile lettera di addio ad una delle cariche più prestigiose e ambite della sanità italiana ha ritrovato il filo dei pensieri e accetta di parlare della sua esperienza in AIFA e delle prospettive dell'agenzia e della scelta delle dimissioni come di una pagina dolorosa da superare in fretta per tornare a dedicarsi alla ricerca.
Aifa, Ministero Salute propone Luca Li Bassi come direttore generale. Grillo: «Riporto in Italia un cervello in fuga»
Il nome del chirurgo milanese sarà sottoposto alla Conferenza Stato-Regioni. Per lui una lunga carriera internazionale. Il Ministro: «Tra i primi compiti quello di garantire a tutti i pazienti i trattamenti innovativi che la ricerca mette a disposizione»
Nave Diciotti, De Martini (Lega): «Da medico dico basta strumentalizzazioni. Garantite cure a migranti, mentre i malati italiani…»
L’oculista eletto in Sardegna per il partito di Salvini replica a quanti hanno polemizzato con la gestione sanitaria della vicenda e ricorda: «Perché nessuno si indigna per i cittadini che arrivano da noi medici piangendo perché non hanno soldi per medicine?». Poi promette l’impegno per la sanità della sua Regione: «Siamo passati da otto Asl a un unico Ats, peggioramento evidente. Ora invertire tendenza»
Aifa senza vertici a settembre? Il ministero della Salute: «Presto indicazione nuovo Dg. Operatività Agenzia garantita»
Dopo le dimissioni del presidente Stefano Vella e l'imminente scadenza del mandato dell'attuale Direttore generale Mario Melazzini, le associazioni di pazienti temono l'impossibilità di ottenere autorizzazioni necessarie per alcuni farmaci. Ma il ministero le tranquillizza
Progetto Interceptor: in AIFA la prima Riunione plenaria dei Centri partecipanti
Si è svolta  presso l’Agenzia Italiana del Farmaco la prima Riunione Plenaria dei Centri partecipanti a “INTERCEPTOR”, un progetto di studio che ha l’obiettivo di  identificare il “marcatore” o l’“insieme di marcatori” in grado di predire con accuratezza la conversione della diagnosi di declino cognitivo lieve (Mild Cognitive Impairment, MCI) in malattia di Alzheimer. Questo, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...