Salute 23 Gennaio 2019 11:05

Aggressioni, a Gallarate paziente si suicida e parenti danno in escandescenza. Infermiera presa a pugni

L’episodio avvenuto all’ospedale Sant’Antonio Abate di Gallarate, in provincia di Varese. Il giovane era seguito dal Servizio per le Tossicodipendenze (SerT)

Si è rivolto al Pronto soccorso per un malore, ad una prima valutazione i medici gli hanno assegnato il ‘codice bianco’ e dopo 40 minuti di attesa si è lanciato dalla finestra del quinto piano. È successo all’ospedale Sant’Antonio Abate a Gallarate, in provincia di Varese. Si trattava di un 33enne seguito dal Servizio per le Tossicodipendenze (SerT) e – come riportato dal Corriere della Sera Milano – al gesto inconsulto è seguito un pomeriggio di violenza che ha messo letteralmente sottosopra l’intero ospedale.

Dopo il suicidio del paziente sono intervenuti i parenti che quando il magistrato ha dato il consenso per la rimozione del corpo, sono andati su tutte le furie: grida e insulti contro il personale sanitario, panche ribaltate e un’aggressione fisica ad un’infermiera che è stata colpita da un pugno sul viso.

LEGGI ANCHE: TRIBUNALE DELLA SALUTE, FOAD AODI (OMCEO ROMA) ADERISCE ALLA PETIZIONE: «PROPOSTA CORAGGIOSA. PIÙ IL MEDICO LAVORA IN SERENITÀ PIÙ È TUTELATO IL DIRITTO ALLA SALUTE»

«È stato un momento di panico puro – ha dichiarato al Corriere il dottor Carlo Costantini, responsabile del Pronto soccorso -. In quel momento eravamo pieni di pazienti da visitare, con molti parenti che li attendevano nella sala d’attesa: c’è stato il fuggi fuggi generale». Intanto la polizia sta ricostruendo l’accaduto per accertare le singole responsabilità.

Articoli correlati
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
Violenza fisica e verbale su operatori sanitari: trend in crescita. Patto tra istituzioni, sindacato e aziende ospedaliere
In occasione della prima giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, (12 marzo) in Regione Lombardia una tavola rotonda organizzata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gregorio Mammì ha messo a confronto medici, infermieri, sindacati, aziende sanitarie e politica con l’obiettivo di trovare sinergie per ridimensionare il fenomeno
Violenza contro sanitari, Inail: «Tre quarti delle aggressioni riguardano donne. Tecnici salute i più colpiti»
Il 46% degli assalti avviene in ospedali e cliniche. Il 28% nei servizi di assistenza sociale residenziale. In occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e sociosanitari che si celebra il 12 marzo, l’Istituto analizza gli infortuni lavorativi derivanti da aggressioni e minacce
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi