Salute 23 Gennaio 2019 11:05

Aggressioni, a Gallarate paziente si suicida e parenti danno in escandescenza. Infermiera presa a pugni

L’episodio avvenuto all’ospedale Sant’Antonio Abate di Gallarate, in provincia di Varese. Il giovane era seguito dal Servizio per le Tossicodipendenze (SerT)

Si è rivolto al Pronto soccorso per un malore, ad una prima valutazione i medici gli hanno assegnato il ‘codice bianco’ e dopo 40 minuti di attesa si è lanciato dalla finestra del quinto piano. È successo all’ospedale Sant’Antonio Abate a Gallarate, in provincia di Varese. Si trattava di un 33enne seguito dal Servizio per le Tossicodipendenze (SerT) e – come riportato dal Corriere della Sera Milano – al gesto inconsulto è seguito un pomeriggio di violenza che ha messo letteralmente sottosopra l’intero ospedale.

Dopo il suicidio del paziente sono intervenuti i parenti che quando il magistrato ha dato il consenso per la rimozione del corpo, sono andati su tutte le furie: grida e insulti contro il personale sanitario, panche ribaltate e un’aggressione fisica ad un’infermiera che è stata colpita da un pugno sul viso.

LEGGI ANCHE: TRIBUNALE DELLA SALUTE, FOAD AODI (OMCEO ROMA) ADERISCE ALLA PETIZIONE: «PROPOSTA CORAGGIOSA. PIÙ IL MEDICO LAVORA IN SERENITÀ PIÙ È TUTELATO IL DIRITTO ALLA SALUTE»

«È stato un momento di panico puro – ha dichiarato al Corriere il dottor Carlo Costantini, responsabile del Pronto soccorso -. In quel momento eravamo pieni di pazienti da visitare, con molti parenti che li attendevano nella sala d’attesa: c’è stato il fuggi fuggi generale». Intanto la polizia sta ricostruendo l’accaduto per accertare le singole responsabilità.

Articoli correlati
Stanchi nel corpo, avviliti nello spirito. Lo stato d’animo dei professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza
La situazione in Italia resta grave e la pressione sugli ospedali non si alleggerisce. Medici e infermieri lavorano senza sosta, al limite delle forze. Ma devono difendersi anche dal fuoco amico
Contenziosi, aggressioni e assicurazioni: l’importanza della tutela legale in sanità
Mellacina (Cisl Medici Lazio): «I contenziosi sono in aumento, fondamentale tutela legale»
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Aggressioni in sanità, Falconi: «Legge non basta, bisogna tornare ad investire sul personale»
Il Presidente del Tribunale dei diritti e doveri del medico: «Credo che ci saranno molte cause dopo l’emergenza Covid. Mi auguro che la magistratura faccia il suo dovere»
Dottoressa aggredita con mozzarelle, Fnomceo: «La legge non è sufficiente»
Familiare di un paziente lamentava attesa lunga e ha scagliato contenitore di mozzarelle contro il medico, solidarietà dal presidente Anelli. Scotti (presidente OdM Napoli): «Temo per ottobre, pandemia e crisi sociale potrebbero fare del medico un capro espiatorio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 gennaio, sono 99.755.496 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.141.228 i decessi. Ad oggi, oltre 68,41 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»