Salute 20 Aprile 2018

Aggressioni medici, pioggia di adesioni al sit in dell’OMCeO Palermo

Da Cittadinanzattiva Sicilia all’Associazione diabetici Palermo fino al Comitato consultivo dell’azienda Arnas Civico di Palermo: tante le realtà presenti alla manifestazione in in Piazza Politeama. Amato: «Sensibilizzare i cittadini investendo nella comunicazione»

Stop alla violenza nei confronti dei professionisti della sanità. Questo è il messaggio lanciato dall’OMCeO Palermo che ha organizzato un sit-in pacifico per sabato 21 aprile alle 15.30 in piazza Politeama.

L’ordine provinciale si schiera contro ogni forma di aggressione – a partire dall’escalation di soprusi e violenze che si consumano, ormai quasi ogni giorno, ai danni di medici e dei professionisti della sanità negli ospedali e nei luoghi di emergenza – rilanciando l’appello a tutti i medici siciliani, rappresentanti istituzionali, sindacali e associazioni di pazienti, a manifestare pacificamente. Un’emergenza particolarmente sentita in Sicilia ma che ormai riguarda tutta Italia, come accaduto anche nei giorni scorsi con tre aggressioni a Bari, Napoli, Roma.

LEGGI ANCHE: SPECIALE AGGRESSIONI AL PERSONALE SANITARIO

«Le violenze nelle strutture sanitarie rappresentano un cortocircuito culturale causato dalla crisi di un intero Paese – spiega il presidente dell’OMCeO di Palermo Toti Amato – e le tensioni dei pazienti sono l’espressione della ricaduta di un disagio profondo. Per questo, sarebbe un grosso sbaglio cercare e confinare le cause di tutta questa violenza nelle strutture ospedaliere. Per ripristinare, tra pazienti e professionisti della sanità, quel clima perduto di stima, fiducia e rispetto, occorre innanzitutto sensibilizzare tutti i cittadini investendo nella comunicazione. E in questo percorso tutti i professionisti della carta stampata, tv e web rappresentano lo strumento indispensabile più efficace».

All’iniziativa di domani parteciperanno anche Cittadinanzattiva Sicilia, l’Associazione diabetici Palermo e il Comitato consultivo dell’azienda Arnas Civico di Palermo. «Le aggressioni nelle aree emergenziali hanno raggiunto livelli preoccupanti e si rendono necessarie e urgenti misure concrete da parte delle istituzioni preposte – spiega Franco Sammarco, presidente dell’Associazione diabetici, nonché del Comitato consultivo Arnas Civico -. È necessario ricostruire un rapporto sano e sereno tra pazienti, medici e operatori sanitari basato innanzitutto sulla stima e la fiducia reciproca, le uniche due condizioni in grado di assicurare la migliore assistenza possibile». «Non basta condannare ed esprimere solidarietà – ribadisce Cittadinanzattiva – Ci vuole un piano articolato di azioni e iniziative che sia in grado di fronteggiare tanta inaccettabile violenza. Un piano che sia frutto dei contributi congiunti delle rappresentanze degli operatori sanitari, delle aziende e delle organizzazioni di tutela dei cittadini utenti dei servizi sanitari».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Umbria, inchiesta scuote la regione: arrestati segretario Pd e assessore Sanità Barberini per irregolarità nei concorsi
Nell'indagine sarebbero coinvolti anche 6 dirigenti dell'azienda ospedaliera, tra i quali il direttore generale e il direttore amministrativo dell'Azienda ospedaliera Emilio Duca. Perquisita l’abitazione e gli uffici del presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini
Responsabilità professionale, Fondazione Italia In Salute: «Nelle regioni dov’è applicata la legge Gelli diminuiscono i contenziosi»
Presentati alla Camera i primi dati sull’applicazione della legge. Federico Gelli: «Quello che ci sembra interessante è l’andamento tendenziale: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini. Questo mi sembra il primo risultato». Dal report emergono diseguaglianze tra regioni
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Sanità, le novità del Def 2019: assunzioni, digitalizzazione e liste d’attesa
In attesa dell’approvazione del Def (Documento di Economia e Finanza), prevista nelle prossime ore, è stata diffusa la bozza del Programma nazionale di Riforma (uno degli allegati al Def). Tra i settori oggetto di riforma, un capitolo è dedicato alla Sanità.
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni