Salute 18 Gennaio 2022 10:29

“Abili, disabili, ma tutti diversamente abili”: in viaggio con Paola Binetti per la conquista dei diritti dei disabili

Erika Stefani, ministro per le Disabilità: «L’inclusione, specie nel mondo del lavoro, non può essere prevista soltanto da una legge. Serve una nuova visione della disabilità, un rinnovato approccio culturale. L’attività legislativa deve essere seguita da campagne di comunicazione e di sensibilizzazione efficaci»

“Abili, disabili, ma tutti diversamente abili”: in viaggio con Paola Binetti per la conquista dei diritti dei disabili

Un viaggio tra le tappe politiche, giuridiche e sociali che hanno conferito centralità ai diritti dei disabili: è questo il cammino che la senatrice dell’Udc Paola Binetti ha tracciato nel suo ultimo libro “Abili, disabili, ma tutti diversamente abili”. Un testo che vede la pubblicazione proprio a ridosso dell’approvazione del Testo unico sulle Malattie rare e della legge sulla disabilità, dopo trent’anni dalla legge 104/1992”. «Oggi, in Senato – commenta Binetti -, ho scelto di presentare il mio ultimo libro assieme alle associazioni di categoria, coinvolgendo anche l’impresa e la filiera dello sport poiché ritengo urgente cambiare prospettiva sui diritti delle persone disabili. Senza dubbio l’assistenza è essenziale e va potenziata ma non basta. È necessario, infatti, investire in maniera strategica e strutturale sull’inserimento lavorativo di queste persone, rendendole parte attiva della società».

L’inclusione non si costruisce solo con le leggi

La necessità di sviluppare un approccio diverso in materia di disabilità è condivisa anche da Erika Stefani, ministro per le Disabilità, intervenuta con un videomessaggio durante la presentazione del libro. «L’inclusione specie nel mondo del lavoro, non può essere prevista soltanto da una legge – sottolinea il ministro -. Serve una nuova visione della disabilità, un rinnovato approccio culturale. Pensiamo troppo spesso che una legge possa risolvere qualsiasi problema. L’iter legislativo è essenziale e contribuisce al miglioramento della vita delle persone fragili ma non basta. L’attività legislativa deve essere seguita da campagne di comunicazione e di sensibilizzazione efficaci. Eventi come quello di oggi ne sono la dimostrazione». Presenti all’iniziativa l’onorevole Giusy Versace, Vincenzo Falabella, presidente Fish, Federazione italiana per il superamento dell’handicap, Luca Pancalli, presidente del Comitato italiano paralimpico e il manager Michelangelo Simonelli.

Il testo

«Nel mio libro – continua Binetti – ho affrontato il tema della disabilità da due punti di vista: sanitario e sociosanitario. Il primo riguarda l’evoluzione che c’è stata nella cultura contemporanea della valutazione e della comprensione della realtà concreta in cui vivono le persone disabili, cercando di disegnare un itinerario che inizialmente poteva andare dalla protezione un po’ “separatista” con cui venivano guardate le persone con gravi disabilità per cui o rimanevano in casa o venivano accolte in istituti o in quelle realtà composite che hanno alle loro spalle la testimonianza dei grandi santi del Novecento. Successivamente, a metà del secolo scorso, è partita una grande operazione: piano piano ci si è resi conto che avere un approccio esclusivamente sanitario, era una condizione necessaria, ma assolutamente insufficiente. Così, siamo passati a quello che è l’approccio sociosanitario. Un approccio che peraltro viene colto bene anche dalla legge 104, in cui i bisogni dei pazienti vengono considerati in questo modo, quindi includono per esempio le iniziative per l’inclusione scolastica e il welfare sportivo (la possibilità di svolgere attività sportive o comunque di poter coltivare interessi personali). L’approccio sociosanitario vero e proprio è stato determinante, perché ha cambiato la percezione di queste persone. Ha fatto capire agli altri che le persone con disabilità avevano in qualche modo bisogno di esprimere un potenziale di capacità e non solo – conclude la senatrice – di essere arroccate in diagnosi di incapacità».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
ASMD o Malattia di Niemann Pickpazienti, associazioni e clinici fanno il punto sulle novità
Al termine del mese dedicato alla patologia, un evento al MoMec di Roma promosso dall’Associazione Italiana Niemann Pick ONLUS, in partnership con Sanofi e con la collaborazione di OMaR
Le politiche future per la disabilità, l’appello di FISH per la nuova legislatura
In un documento la FISH chiede politiche e servizi inclusivi, strumenti normativi ed interventi normativi adeguati, il tutto in linea con i principi valoriali della Convenzione Onu sui diritti per le persone con disabilità
Malattie rare, Bologna (IAC): «Proseguire anche nella prossima legislatura lavoro su decreti attuativi»
«L’approvazione della legge sulle malattie rare, di cui sono stata firmataria e relatrice, è stato un grande traguardo di questa legislatura; una legge di iniziativa parlamentare che ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro ed é riuscita a superare molti ostacoli, costruendo una cornice normativa per la tutela di due milioni di malati e […]
Testo unico malattie rare, 6 mesi sono già stati persi. Omar consegna una ‘road map’ alle istituzioni
Macchia (OMaR): «I tempi sono stretti, per questo abbiamo raccolto criticità e indicazioni che speriamo possano essere usati dalle istituzioni competenti per procedere con i decreti e regolamenti attuativi»
Lovegiver: ecco chi è e cosa fa
Maximiliano Ulivieri, nel 2013, ha fondato il Comitato Lovegiver, per promuovere la professione dell’O.E.A.S., l’operatore per l’assistenza emotiva, affettiva e sessuale di persone con disabilità fisico e/o cognitiva
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa