Salute 16 Agosto 2022 09:00

A Padova il nuovo centro regionale per la terapia cellulare del diabete

Investiti da Regione Veneto un milione e 296 mila euro. Il centro unico nel nord est permette di eseguire su pazienti affetti da diabete di tipo 1 il trapianto di insule pancreatiche in modo da rimpiazzare le cellule distrutte dal sistema immunitario e riavviare la produzione di insulina

A Padova il nuovo centro regionale per la terapia cellulare del diabete

È la più frequente malattia cronica mondiale, interessa oltre 500 milioni di individui, e quasi quattro milioni in Italia, per la quale attualmente non ci sono cure che permettano la guarigione definitiva. Una battaglia che vede impegnati in studi e ricerche molti centri internazionali. L’Italia è in prima linea. Il Veneto, che ha investito un milione e 296 mila euro, ha istituito presso l’Azienda Ospedaliera di Padova il centro Regionale per la terapia cellulare del diabete dove vengono processate e utilizzate cellule pancreatiche per la cura del diabete.

Nuova terapia cellulare per la cura del diabete di tipo 1

Tutto ha avuto inizio nell’UOC Chirurgia dei Trapianti di Rene e Pancreas che ha studiato e sviluppato tecniche di trapianto di piccole porzioni di organo i cui esiti hanno indotto l’Azienda a proporre di istituire un apposito Centro in grado di prelevare, processare e utilizzare cellule pancreatiche per la cura del diabete di tipo 1.

«Coloro che ne sono affetti, sono obbligati a sottoporsi ad iniezioni giornaliere di insulina per controllare i livelli glicemici con effetti impattanti sulla qualità della vita. In quest’ottica gli studi con le terapie cellulari rappresentano una grande opportunità – spiega Lucrezia Furian, Responsabile del Progetto Centro per la terapia cellulare del diabete di Padova nell’osservatorio delle terapie avanzate -. La procedura del trapianto di insule pancreatiche prevede il prelievo delle cellule del pancreas in grado di produrre l’insulina da un donatore deceduto. Tali cellule vengono successivamente isolate, purificate e infuse nel fegato del paziente diabetico, utilizzando solamente le cellule adibite alla produzione dell’insulina».

Il trapianto di insule pancreatiche permette di rimpiazzare le cellule distrutte dal sistema immunitario e riavviare la produzione di insulina. «Le cellule vengono iniettate in un ramo della vena porta e immesse nel circolo sanguigno che conduce al fegato – aggiunge -. In questo modo si collocano all’interno del fegato». La procedura deve essere effettuata in centri specializzati come quello sorto a Padova, che insieme al Niguarda e al San Raffaele è l’unico per questo tipo di trattamento.

Presente e futuro

La ricerca non si ferma e se entro il 2022 sarà fatto il primo trapianto standard di insule pancreatiche su paziente adulto con terapia di immunosoppressione nei prossimi anni la terapia sarà ancora più efficace. «Entro il 2025 puntiamo ad effettuare il primo trapianto di insule microincapsulate – ammette -, procedura ancora più avanzata in seguito alla quale i pazienti non avranno più bisogno di sottoporsi alla terapia immunosoppressiva».

Un traguardo che permetterà di allargare la pratica a tutti i diabetici insulino-dipendenti. «Le cellule microincapsulate saranno impiantate per via laparoscopica nella cavità peritoneale dove potranno crescere e produrre l’insulina necessaria all’organismo per il controllo dei livelli di zucchero».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
La pandemia ha cambiato le nostre personalità?
Una nuova ricerca suggerisce che siamo meno aperti, piacevoli e coscienziosi. Ma possiamo tornare a come eravamo prima?
di Stefano Piazza
Chirurgia intima: ringiovanimento vaginale e labioplastica tra gli interventi più desiderati
Torna, per il nono anno consecutivo, dal 26 settembre al 1° ottobre 2022, l’appuntamento con la Settimana del Benessere Sessuale (SBS): incontri e consulenze, offerte dagli specialisti in tutta Italia, in tema di sessualità, educazione sessuale e affettività. L’indagine della FISS sulla chirurgia estetica dei genitali: «Chi ha ceduto alla tentazione del bisturi l’ha fatto per colmare un senso di insoddisfazione e per migliorare la relazione sessuale con il partner»
Pubertà precoce femminile, colpa (anche) di smartphone e tablet?
Salerno (SIEDP): «Ancora da stabilire meccanismi di correlazione. Evitare allarmismi ma regolamentare tempistiche d’uso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi