Salute 5 Giugno 2019

A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»

Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco

Immagine articolo

Tutta colpa delle fake news e della cultura antiscientifica. È un coro unanime quello andato in scena oggi all’Università Statale di Milano, dove è stato presentato il Patto trasversale per la Scienza. Il Patto, che in principio era un appello, si trasforma ora in associazione con l’obiettivo di vigilare sull’operato dei politici e agire nella società affinché la cultura della scienza e il rispetto del metodo scientifico divengano un patrimonio comune del nostro Paese.

Tra i promotori i virologi Guido Silvestri e Roberto Burioni, oltre all’epidemiologo Pierluigi Lopalco e all’immunologo Andrea Cossarizza che saranno rispettivamente presidente e vicepresidente del Patto.

Tra i punti qualificanti del Patto, a cui hanno aderito anche politici di primo piano come Matteo Renzi e Beppe Grillo, il primo punto sottolinea la necessità che tutte le forze politiche italiane si impegnino a «sostenere la Scienza come valore universale di progresso dell’umanità che non ha alcun “colore politico”, e che ha lo scopo di aumentare la conoscenza umana e migliorare la qualità di vita dei nostri simili».

LEGGI ANCHE: DAL “SIERO BONIFACIO” ALLA CURA DI BELLA, ROBERTO BURIONI RACCONTA “BALLE MORTALI”

Nel Patto si chiede che nessuna forza politica italiana si presti a sostenere o tollerare in alcun modo «forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina che mettono a repentaglio la salute pubblica come il negazionismo dell’AIDS, l’anti-vaccinismo, le terapie non basate sulle prove scientifiche» e poi che «tutte le forze politiche italiane si impegnano a governare e legiferare in modo tale da fermare l’operato di quegli pseudoscienziati che con affermazioni non-dimostrate ed allarmiste creano paure ingiustificate tra la popolazione nei confronti di presidi terapeutici validati dall’evidenza scientifica e medica».

E poi negli altri punti si chiede l’impegno ad implementare programmi capillari di informazione sulla Scienza per la popolazione e la garanzia di assicurare alla Scienza adeguati finanziamenti pubblici «a partire da un immediato raddoppio dei fondi ministeriali per la ricerca biomedica di base».

«Noi ci siamo impegnati, sui vaccini ora l’opinione pubblica è molto più sensibile. Nella scienza vincono i dati, vince la verità dei dati che emerge dal consenso della comunità scientifica», ha sottolineato Roberto Burioni da sempre in prima linea a sostegno dell’obbligo vaccinale.

Secondo i dati presentati in Italia ci sono 20 morti all’anno di tetano, mille casi all’anno di pertosse, 2526 casi di morbillo nel 2018 (e 864 nel 2019), 163 casi di rosolia in gravidanza tra il 2005 e il 2015. Il neopresidente del Patto Lopalco non ha escluso di «portare in tribunale chi scrive e racconta falsità come i presunti morti da vaccini».

Sul palco anche l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin che ha parlato dei dati sulle coperture vaccinali: «L’Italia ha raggiunto il 95% degli obbligatori in legge per i bambini nati nel 2015, ma abbiamo un grandissimo ritardo per quelli nati nel 2010. Oltre alla sensibilizzazione su tutti i nuovi bambini nati adesso, bisogna informare anche i ragazzi già grandi dei licei e delle medie. L’obbligatorietà non è il fine della legge ma è un mezzo, bisogna ricostruire un ponte della cultura scientifica. Solo il 1520% di chi lavora in ospedale si vaccina contro l’influenza. Chi è a contatto con i malati deve essere il primo ad essere vaccinato».

Oltre all’ex magistrato Raffaele Guariniello e alla deputata ex M5S Elena Fattori, a aderito al Patto anche Silvio Garattini, Presidente dell’Istituto Mario Negri, che ha ammonito: «Penso che tutto questo è dovuto all’educazione scolastica, la scienza non è entrata nella scuola che è ancora di tipo letterario, filosofico. Manca la scienza come metodologia e la scienza come portatrice di conoscenza. La prima cosa che devono fare i parlamentari è inserire la scienza nei programmi scolastici».

Articoli correlati
Dalla vitamina C ai farmaci miracolosi, dilagano online le bufale sul Coronavirus
«Con questi messaggi allarmistici sui siti si fa clickbaiting e ci si guadagna soldi. Proliferano perché c’è sempre un interesse a raccontare una favoletta che fa presa» spiega Alessandro Conte, responsabile del sito della FNOMCeO “Dottoremaèveroche”
Coronavirus, Silvestri (Emory University): «Ecco come gli USA si preparano all’epidemia»
Il professore di Patologia, tra gli animatori del Patto trasversale per la Scienza, racconta come gli Stati Uniti stanno vivendo l’epidemia: «Formazione del personale e sanificazione tra le misure messe in campo». Poi sottolinea: «La tendenza degli americani ad essere più "regolari", insieme al più alto livello di risorse disponibili, può aiutarci a gestire meglio l'emergenza»
Coronavirus, Silvio Garattini: «Attenzione sì, panico no. Ogni anno in Italia 6mila morti da influenza»
Lo scienziato e farmacologo concorda con le misure adottate ma invita a ridimensionare l’emergenza: «Un sacrificio che dobbiamo accettare tutti perché è un virus nuovo, ma senza creare allarmismi o diventare ossessivi indossando mascherine o pagando cifre enormi per l’amuchina»
Coronavirus, Bassetti (Sita): «Con questi numeri non è pandemia». Russo (FI): «Occasione per ribadire centralità medico»
Alla Camera il convegno promosso dall’associazione Giuseppe Dossetti – I valori: «Basiamoci su una medicina fondata sulle evidenze e non sugli allarmi. Il Case Fatality Rate è del 2,3%». «È necessario che i medici imparino a comunicare meglio», ha detto il presidente dell'OMCeO Roma Antonio Magi
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, Consulcesi: «Proteggere operatori sanitari anche dalle psicosi»
Il presidente Tortorella: «Scienza prevalga su cattiva informazione ma media, istituzioni, politici e anche aziende facciano la loro parte senza paralizzare il Paese: sarebbe grave errore bloccare le frontiere Italia-Svizzera. Nella nostra realtà tutti al lavoro regolarmente anche in Ticino per garantire ai camici bianchi il massimo supporto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 aprile, sono 860.793 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 42.354 i decessi e 178.378 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...