Salute 11 Giugno 2021 11:14

A Cremona concerto live di musica classica per i pazienti ricoverati in ospedale

Per la prima volta con “La musica in ogni stanza” in diretta dall’Auditorium Giovanni Arvedi del Museo del Violino, le note del concerto della giovane talentuosa Sofia Manvati hanno raggiunto 420 degenti. Per Rossi (direttore generale dell’Ospedale di Cremona) «la musica crea vibrazioni e armonie nel cervello ed ha un effetto salvifico»

di Federica Bosco

Ricominciare a vivere creando una connessione tra l’ospedale e la città sulle note della musica classica.  È quanto è stato fatto lo scorso 8 giugno a Cremona con il concerto di una giovane talentuosa violinista, Sofia Manvati, che ha suonato uno Stradivari dall’Auditorium Giovanni Arvedi del museo del violino per i pazienti collegati in diretta dalle loro stanze. Una prima mondiale che per il direttore generale dell’Ospedale, Giuseppe Rossi, ha un effetto salvifico.

«Questa è una bella esperienza che significa ripartenza per la città e per i pazienti che ancora non riescono a ricevere le visite dei loro famigliari, grazie ad un mezzo alternativo. Cremona è una città legata al violino, Lena Yokohama aveva suonato lo scorso anno sul nostro tetto durante la pandemia creando un momento molto emozionante di resilienza. Ci è sembrato molto bello quest’anno riproporre l’iniziativa, ma in una maniera totalmente diversa, come ripartenza».

Riconnettere la città sulle note di Vivaldi, Bach e Paganini

420 pazienti hanno avuto modo di applaudire l’esibizione della giovane violinista: trenta minuti di musica per riconnettere la città sulle note di Vivaldi, Bach e Paganini.  Dalle neomamme con i loro piccoli, ai pazienti di pneumologia, pediatria e cardiologia, tutti avvolti in un abbraccio ideale dalla musica.

«La musica crea vibrazioni e armonie dentro il nostro cervello. Questo è un dato che i neuroscienziati possono confermare. La particolarità di questo evento poi è che il violino è uno Stradivari ed è stato suonato da un’allieva del nostro conservatorio che ha appena ricevuto un premio internazionale come migliore giovane violinista. È una combinata che rende merito al nostro territorio che ha diverse eccellenze ed è riuscito a metterle in sintonia. E in questo particolare momento, anche i luoghi di cura devono essere parte integrante del tessuto sociale e culturale della città – ha aggiunto Rossi – nel senso più complesso ed esteso del termine».

Dal più alto numero di malati al più alto tasso di vaccinazione così l’ospedale di Cremona ha sconfitto il Covid

L’evento – patrocinato dal Comune di Cremona – e realizzato grazie alla collaborazione fra ASST di Cremona, Museo del Violino, Cremona1 e Medialife System è anche lo spartiacque tra il passato segnato dalla malattia e il presente proiettato grazie ai vaccini verso una nuova normalità

«Noi siamo sempre stati il territorio che ha avuto il più alto tasso di impatto della malattia da Covid, ma in questo momento abbiamo anche il più alto tasso di vaccinazione e questo ha ricadute positive sull’andamento epidemiologico, infatti, il nostro ospedale oggi è privo di pazienti Covid».

Cura e Cultura un progetto della Comunicazione dell’ASST di Cremona

«La musica in ogni stanza rientra nelle iniziative promosse dalla Comunicazione dell’ASST di Cremona in tema di Cura e Cultura – ha spiegato Stefania Mattioli (Responsabile Comunicazione ASST Cremona) ed è stata l’occasione per coinvolgere in modo corale gli operatori sanitari (in particolare i responsabili dell’area dipartimentale e i coordinatori Infermieristici), con un gesto insolito verso le persone ricoverate. La musica infonde benessere e nei momenti di vulnerabilità si fa essenziale».

 

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola