Salute 25 Ottobre 2017 15:28

9° Congresso SIC, la contraccezione oggi nelle varie fasi di vita della donna

Firenze ospita il 9° Congresso nazionale della Società Italiana della Contraccezione: dal 26 al 28 ottobre specialisti a confronto per fare il punto su opzioni e scelta in ambito contraccettivo

9° Congresso SIC, la contraccezione oggi nelle varie fasi di vita della donna

Da giovedì 26 ottobre e fino a sabato 28, presso il Palazzo dei Congressi, il capoluogo toscano sarà teatro della nona edizione del Congresso nazionale SIC – Società Italiana della Contraccezione. L’appuntamento, ormai annuale, è riservato a medici e specialisti che operano nel settore e sarà l’occasione per aggiornarsi e confrontarsi su contraccezione, sessualità e salute della donna.

La mission della Associazione Onlus, fondata da un gruppo di esperti ginecologi e ricercatori, è quella di favorire e diffondere la ricerca e l’informazione nonché di promuovere l’aggiornamento e l’educazione permanente in tema di contraccezione. In che modo? Attraverso iniziative culturali mirate a cui partecipano i principali interlocutori del contesto scientifico italiano, le Società scientifiche affini, le libere associazioni di pazienti, il mondo della ricerca e la produzione farmaceutica.

Al giorno d’oggi, è sempre più necessario soddisfare il bisogno d’informazione ed educazione nel campo della contraccezione soprattutto delle ragazze più giovani. Aprirà la tre giorni sulla contraccezione il Presidente della SIC, Professor Antonio Cianci con il focus su: “Lo stato attuale della contraccezione in Italia” e il basso uso di contraccezione ormonale causa disinformazione, cercando di analizzare miscredenze e paure. Lo stesso giorno si parlerà anche di quanto è importante personalizzare la contraccezione per ogni donna, nella costante ricerca di nuove soluzioni in grado di offrire le migliori risposte alle esigenze diverse, di ognuna.

La giornata di venerdì 27 sarà interamente dedicata alla contraccezione con progestinici – influenza sul sistema arterioso, venoso e sul seno – e a quella senza estrogeni: di cosa si tratta, quando è indicata e gli effetti a lungo termine. Da segnalare i dibattiti sulla tutela e il benessere della donna nel corso dell’adolescenza, le criticità della contraccezione ormonale in in questa fascia d’età, con un approfondimento sulla sessualità dell’adolescente oggi tra desiderio e tecnologia.

Nel corso del sabato conclusivo si parlerà di contraccezione nascosta, naturale e di emergenza con considerazioni sulle infezioni virali  e un incontro specifico sulla contraccezione nella paziente con predisposizione genetica per i tumori o dopo il tumore. Non mancheranno analisi sulle diverse opzioni disponibili per la contraccezione ormonale nelle diverse fasi della vita della donna e sul counseling alle pazienti oltre a dibattiti sull’attualità e sul futuro della contraccezione.

L’intento della Società scientifica, attraverso questa iniziativa, è quello di affinare le conoscenze sulla contraccezione degli italiani attraverso un linguaggio semplice e diretto perché la cultura della contraccezione si radichi sempre più in Italia, alla luce dei più recenti studi e ricerche che ne evidenziano benefici e sicurezza.

QUI IL PROGRAMMA COMPLETO DEL CONGRESSO SIC

Con l’obiettivo di far capire quanto è importante prendersi cura della propria salute sessuale e riproduttiva fin dalla più giovane età e con persone opportunamente formate, si inserisce il progetto della Regione Emilia Romagna: contraccezione gratuita per i giovani under 26 presso i consultori ed istituzione di spazi giovani e spazi giovani adulti per assicurare loro protezione e sicurezza nei rapporti.

La proposta di delibera è stata illustrata in Commissione consiliare congiunta (Politiche per la salute e Politiche sociali) alla presenza dell’Assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi che dichiara: «Prendersi cura in ogni fase della vita, già a partire dall’adolescenza, della propria salute sessuale e riproduttiva significa preservare e proteggere la salute globale- sottolinea – . Per questo, come Regione, vogliamo promuovere e rafforzare servizi mirati, dedicati ai giovani e giovanissimi. In quest’ottica, dare alle donne, e agli uomini, la possibilità di procurarsi metodi anticoncezionali gratuiti è un elemento di protezione, oltre che fisica, psicologica: l’esperienza della gravidanza inaspettata, sia che si decida di portarla avanti che di interromperla, incide profondamente sul vissuto delle persone, tanto più se molto giovani. Dunque – aggiunge l’assessore Venturi- la contraccezione gratuita può contribuire a far diminuire sensibilmente le gravidanze inaspettate e ridurre ulteriormente le interruzioni volontarie di gravidanza, seppur già in costante calo in Emilia-Romagna» conclude l’assessore.

Il documento fornisce indicazioni sugli Spazi Giovani –  spazi all’interno dei Consultori e delle Case della salute – da uniformare in tutto il territorio dell’Emilia-Romagna per rendere omogenea l’offerta di servizi ai ragazzi tra i 14 e i 19 anni: ad accesso diretto, senza appuntamento, impegnativa e oneri da parte dei cittadini. Inoltre, istituisce gli Spazi Giovani Adulti – dai 20 ai 34 anni – pensati per persone più grandi, che prevedono: contraccezione gratuita nei consultori per tutte le donne e gli uomini di età inferiore ai 26 anni, e per le donne di età compresa tra i 26 e i 45 anni con esenzione E02 (disoccupazione) o E99 (lavoratrici colpite dalla crisi) nei 24 mesi successivi a un’interruzione volontaria di gravidanza e nei 12 mesi dopo il parto. Lo scopo? Prevenire le gravidanze inaspettate e le malattie sessualmente trasmissibili.

Articoli correlati
In arrivo pillola anticoncezionale on demand, si prende prima del sesso
Presto addio a vecchia pillola anticoncezionale. In arrivo un cocktail che si assume poco prima di fare sesso
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
Anaao-Assomed: «Femminilizzazione della professione medica è un valore per il SSN»
L’Anaao Assomed vuole, pertanto, esprimere un primo pensiero di vicinanza alle donne che curano, affermando i valori della vita e della pace, e a quelle, vittime di una follia senza giustificazioni
Trauma migratorio: la storia di Alma e delle altre donne che fuggono dalla guerra
In occasione della giornata internazionale della donna, Antoniano Onlus con il progetto SIMPLE dà voce a chi fugge da guerre e violenze e cerca rifugio in un’altra terra. Grazie agli psicologi dell’associazione Approdo, mette in campo strategie per costruire il futuro
Il primo ospedale Covid d’Italia si tinge di rosa. A Castel San Giovanni nasce l’ospedale delle donne
Cattadori (U.O. Qualità e Ricerca): «Abbiamo trasformato una grande difficoltà, come quella della gestione dell’emergenza Covid, in un’opportunità. Durante la pandemia era necessario continuare a garantire cura e assistenza in sicurezza e ci siamo attrezzati per farlo»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...