Salute 16 Maggio 2018 15:01

Fiaso lancia il network dei responsabili del personale di Asl e Ospedali

A Bologna riuniti oltre cento dirigenti responsabili. Ripa di Meana: «Possiamo dare un contributo al futuro del sistema di assistenza nel nostro Paese»

Un network dei responsabili del personale della Aziende sanitarie ed Ospedaliere con l’obiettivo strategico di valorizzare il capitale umano che sorregge la sanità pubblica. Lo ha lanciato la Fiaso, Federazione di Asl e Ospedali, che ha riunito il 14 maggio a Fico Eataly World a Bologna cento dirigenti responsabili della gestione del personale.

Il Presidente della Fiaso, Francesco Ripa di Meana, ha ricordato che «i dirigenti delle nostre Aziende che lavorano a vari livelli alla governance del personale fino ad oggi non hanno avuto un luogo di rappresentanza dove confrontarsi. Con la creazione del Network Fiaso mettiamo finalmente in rete la comunità dei Responsabili delle risorse umane per dire insieme a tutto il Top e Middle management che in questa fase di cambiamento siamo presenti e possiamo dare un contributo al futuro del sistema di assistenza nel nostro Paese».

Ripa di Meana ha sottolineato che «l’era dei commissariamenti, dei vincoli più stringenti di bilancio e dei blocchi del turn over ha finito per stimolare le Aziende ad innovare, con una organizzazione del personale che si è fatta trasversale nonostante contratti e legislazione siano rimasti più o meno gli stessi. E questo è stato possibile affiancando ai Dg figure manageriali che li aiutassero nella governance delle risorse umane. Figure – conclude Ripa di Meana – che Fiaso ha voluto valorizzare istituendo il Forum del Middle management che le ricomprende e al quale verrà dedicata una intera giornata della nostra Convention nazionale convocata per il ventennale della Federazione, che coincide con il quarantennale del nostro Ssn, il cui futuro non può prescindere dalla migliore valorizzazione e gestione del suo capitale umano».

Il network ricomprende non solo i responsabili delle risorse umane ma tutti coloro che a vario titolo concorrono nelle Aziende alle gestione delle medesime risorse. Il prossimo appuntamento in programma è a settembre a Napoli per approfondire le tematiche affrontate nel primo incontro bolognese.

«Le proiezioni che indicano nei prossimi anni una progressiva carenza di medici stanno già oggi generando una competizione tra Aziende per attrarre il maggior numero di loro, con il rischio di lasciare scoperte le piante organiche nelle sedi meno appetibili – spiega Luca Baldino, Dg della Ausl di Piacenza e coordinatore Fiaso per l’Emilia Romagna -. Per questo serve un governo di allocazione delle risorse che può rappresentare una opportunità di cambiamento, magari per studiare il passaggio di alcune competenze da professionalità mediche a non mediche».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

 

Articoli correlati
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Covid, report Fiaso: «Primo lieve calo ricoveri (-2%), intensive stabili»
«In linea con l’andamento dei contagi in calo registriamo la prima discesa dei ricoveri di questa ondata epidemica estiva legata alla variante omicron 5», commenta il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore
Italiani più longevi e in salute, ma personale sanitario ridotto del 5,6%. I 30 anni delle aziende sanitarie pubbliche
Al Ministero della Salute manager Fiaso a confronto. Tra i Dg età media 58 anni, 22% le donne, solo il 10% ha esperienza in più regioni. Migliore: «Direttori cruciali nel Ssn, ma serve personale: già 10 regioni su 20 hanno avviato le stabilizzazioni Covid»
Rallenta la discesa dei ricoveri per Covid, -3,9% in una settimana
La riduzione dei ricoveri Covid negli ospedali continua ma rallenta. Il numero dei pazienti registrati negli ospedali sentinella aderenti alla rete di Fiaso diminuisce del 3,9%. È quanto emerge dalla rilevazione settimanale effettuata da Fiaso
di Redazione
Fiaso: «Si consolida il trend di calo,-16,3% di pazienti nei reparti Covid»
Per la quinta settimana consecutiva diminuisce il numero di pazienti ricoverati nelle aree Covid, sia nei reparti ordinari sia nelle terapie intensive, del 16,3%. I dati del Report degli ospedali sentinella della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...