Professioni Sanitarie 3 Ottobre 2022 16:29

Una cattiva igiene orale mette a rischio la salute cognitiva

Un nuovo studio ha individuato la correlazione tra cattiva salute orale e decadimento cognitivo, Cittone (igienista dentale): «La presenza di periodontite conclamata, perdita di uno o più denti, tasche gengivali profonde e perdita di osso alveolare si sono rivelati associati ad una peggiore salute cognitiva, con un rischio 1,5 volte superiore rispetto a coloro che godono di una buona salute orale».

Una cattiva igiene orale mette a rischio la salute cognitiva

La bocca può dirci molto di più di ciò che si comunica attraverso le parole. La salute orale, infatti, è in grado di offrire un quadro molto attendibile del benessere complessivo dell’individuo, del suo stile di vita ed anche del livello socio-economico. Ma se finora gli scienziati hanno correlato soprattutto i problemi cardiaci ed il diabete alla cattiva salute orale, oggi, attraverso un recentissimo studio, i riflettori sono puntati pure sulla relazione tra alcune patologie della bocca, demenza e decadimento cognitivo.

Lo studio

La ricerca, pubblicata sul Journal of the American Geriatrics Society (Asher S. Et al, Periodontal Health, cognitive decline and dementia. A systematic review acne meta-analysis of longitudinal studies, JGS, 2022;1-15) nasce dalla selezione di 47 diversi studi.  «I ricercatori – commenta Alice Alberta Cittone, igienista dentale, vice presidente Cda Igienisti Dentali Ordine TSRM-PSTRP – hanno evidenziato come la presenza di periodontite conclamata, perdita di uno o più denti, tasche gengivali profonde e perdita di osso alveolare si siano rivelati associati ad una peggiore salute cognitiva, con un rischio 1,5 volte superiore». Numeri che fanno emergere la necessità di un’educazione della popolazione e di una presa in carico delle fasce più svantaggiate, specialmente tra la popolazione più adulta.

Attenzione agli anziani

«L’assenza di educazione orale aumenta il rischio di perdita precoce dei denti e apre la strada a stati infiammatori, cattiva nutrizione (anche per le difficoltà di masticazione) e carenza di nutrienti che lentamente determina il deterioramento cognitivo», aggiunge l’esperta. Questi risultati, infatti, insieme agli altri già acquisiti in passato, devono condurre verso strategie che vadano incontro agli anziani in modo che possano avere controlli più frequenti, educazione alla gestione delle protesi e sedute di igiene. «La relazione tra igiene orale e salute cognitiva può essere letta in diversi modi – sottolinea Cittone -, dalla maggiore esposizione ad agenti infettivi di una bocca con malattie gengivali, ad una peggiore alimentazione a causa di disturbi della masticazione, mancanza dei denti o dolore che possono portare a malnutrizione generale e carenze di elementi specifici».

I limiti della ricerca

Tuttavia, pur aprendo ad importanti prospettive per lo studio e l’approfondimento delle demenze e del decadimento cognitivo, questo studio ha dei limiti: «Innanzitutto, non è stato possibile tenere conto del trattamento parodontale, della gravità e della durata dell’esposizione – sottolinea Cittone -. In caso di perdita dei denti, il motivo esatto non era noto. A causa della sostanziale variabilità dei test cognitivi e delle definizioni di declino cognitivo negli studi inclusi, non è stato possibile separare in modo affidabile il deterioramento patologico/MCI da altri tipi di declino cognitivo (ad esempio, correlato all’età) che potrebbero non evolvere necessariamente in demenza. Inoltre, gli studi disponibili sul declino cognitivo non hanno specificato chiaramente se la demenza incidente fosse stata esclusa dalla loro analisi. Purtroppo, come sempre accade sulle patologie multifattoriali, creare un legame di correlazione escludendo tutte le altre concause, diventa davvero difficile».

Un nuovo orientamento per la prevenzione

Tuttavia, qualche certezza c’è. «La ricerca ha già confermato in numerosi ambiti la correlazione tra igiene orale e peggioramento o rischio di una patologia con il diabete, con le patologie cardiache e con le terapie oncologiche, questo ci dà una conferma del fatto che una corretta igiene orale è sempre meglio di una assente attenzione al cavo orale», dice Cittone. Queste evidenze potranno essere sfruttate soprattutto nell’ambito della prevenzione,  «poiché – sottolinea la professionista sanitaria – da tempo sappiamo come il microbiota incida sulla nostra salute generale e il cavo orale è il distretto iniziale dell’apparato digerente da cui parte tutto. Sicuramente è utile per uno screening più attento della popolazione e per poter, nel tempo, essere sempre più certi delle correlazioni del cavo orale con il resto del corpo».

Dagli studi scientifici alla pratica quotidiana

Oltre che dai dati scientifici, questa correlazione tra salute orale e decadimento cognitivo ha trovato spesso riscontro anche nella pratica professionale quotidiana: «Da clinica – racconta la professionista sanitaria – posso dire che ho sempre riscontrato un miglioramento generale nei miei pazienti con demenza senile, vuoi anche solo perché se la bocca non fa male è più facile alimentarsi e dare il giusto apporto di carboidrati, proteine e grassi al corpo. È importante anche sottolineare come questi studi dimostrino, in ogni caso, quanto sia fondamentale la salute orale e affidarsi ai professionisti dentisti ed igienisti dentali per prevenire e quindi di quanto ancora lo Stato italiano debba lavorare sulla prevenzione come diritto di tutti, visto che ad oggi, a parte rare eccellenze come la Dental School di Torino, chi vuole prevenire deve affidarsi a professionisti nel settore privato, quindi con un esborso economico che – conclude Cittone – non tutti possono permettersi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
«TSRM è tecnologia, assistenza e umanizzazione delle cure». Parla la presidente FASTeR Patrizia Cornacchione
La FASTeR, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, riunisce sette associazioni scientifiche di Tecnici di Radiologia ed è impegnata nel promuovere qualsiasi tipo di formazione che possa finalizzare la crescita della professione. Il Presidente: «La nostra professione attualmente non ha ancora dei colleghi con ruoli accademici incardinati nelle università, stiamo lavorando su questo».
Il ruolo della professione ostetrica per la prevenzione: dall’autopalpazione del seno al pap test
Finale (FNOPO): «Nella pratica osserviamo il Piano Nazionale di prevenzione 2020-25, mettendo in atto tutte le direttive che le Regioni declinano localmente ed offriamo alle donne gli strumenti necessari affinché possano tutelare la propria salute attraverso azioni di prevenzione»
Corsa delle Professioni Sanitarie 2022: la salute corre per Unicef
In più di 100 al Parco di Monza per l’evento organizzato dall’Ordine TSRM e PSTRP di Milano, Como, Lecco, Lodi, Monza Brianza e Sondrio. Il Presidente dell’Ordine Diego Catania: «Siamo la forza del SSN, ora ci presentiamo alla cittadinanza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa