Professioni Sanitarie 2 Dicembre 2019 16:42

Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, Tossali (AITNE) e Santiani (ANUPI TNEE): «Poco presenti nei servizi, chiediamo coinvolgimento»

Al Congresso TSRM e PSTRP anche i rappresentanti delle due associazioni maggiormente rappresentative di categoria. Stimati 5mila professionisti

 Sono i professionisti sanitari che si occupano di prevenzione, terapia e riabilitazione delle malattie neuropsichiatriche infantili. Con la legge 3 del 2018 i Tecnici della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva sono confluiti nel maxi Ordine delle professioni sanitarie TSRM e PSTRP e hanno partecipato al primo Congresso nazionale che si è svolto a Rimini. A Rimini abbiamo incontrato i rappresentanti delle due associazioni maggiormente rappresentative: Maria Letizia Tossali, Presidente AITNE, Associazione italiana Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva e Giulio Santiani, Vicepresidente ANUPI TNEE, Associazione dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Alla politica chiedono «attenzione» per una figura unica nel panorama europeo e che si faccia ricorso sempre di più a questi specialisti, mentre spesso «nei servizi si usano spesso operatori generici».

LEGGI ANCHE: TERAPISTA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITÀ DELL’ETÀ EVOLUTIVA: UN’ECCELLENZA ITALIANA. BONIFACIO (ANUPI TNPEE): «NON CI SONO PROFESSIONISTI SIMILI IN EUROPA E NEL MONDO»

Si è svolto il Primo Congresso della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP. La vostra categoria come si è approcciata a questo evento?

«Per noi è fondamentale il lavoro interdisciplinare – afferma Tossali – è una esigenza importante per l’età evolutiva e quindi è stata un’ottima occasione di scambio e di visibilità anche del mondo sanitario».

«È un momento storico dal punto di vista delle istituzioni perchè finalmente tutte le professioni sanitarie hanno un contenitore ordinistico e questo per noi in particolare è significativo perché occupandoci solo di età evolutiva finiamo per essere sempre un po’ a latere delle grandi decisioni perché i bambini hanno una grande importanza ma spesso poca rilevanza», sottolinea Santiani.

Quanti siete come categoria professionale?

«C’è molto sommerso, siamo intorno ai 5mila» chiarisce Tossali.

Alla politica cosa chiedete?

«Noi chiediamo attenzione alla nostra categoria professionale perché siamo poco presenti nei servizi, chi c’è non è sufficientemente valorizzato, non siamo coinvolti nelle decisioni che riguardano l’età evolutiva. Le competenze le abbiamo e secondo noi è il momento di farlo» sottolinea Tossali.

«L’aspetto di essere nei servizi per l’età evolutiva dove è necessario uno specialista dell’età evolutiva. Lo Stato investe molte risorse per formare degli specialisti. Per tre anni gli studenti si formano sull’età evolutiva e poi nei servizi si usano spesso operatori generici» chiarisce Santiani.

Se una famiglia vuole trovare uno specialista come voi dove deve andare?

«All’interno dei servizi ci sono le strutture relative che hanno nomi diversi sul territorio. Comunque diciamo di solito che si tratta di servizi per l’età evolutiva. Possono essere servizi per l’età evolutiva possono essere servizi di tutela e riabilitazione per l’età evolutiva, oppure di neuropsichiatria infantile, di solito all’interno delle Asl o nei dipartimenti materno infantili c’è questo ambito dedicato all’età evolutiva che si occupa dei disturbi di sviluppo. Quindi una famiglia con dei dubbi può rivolgersi lì se parliamo di sistema sanitario pubblico» spiega Tossali.

Nello specifico di cosa vi occupate?

«In particolare dei disturbi dello sviluppo quindi tutto ciò che abitualmente viene conosciuto come ciò che viene riabilitato o abilitato. Andiamo dalle grandi sindromi come lo spettro autistico fino ai disturbi DHD più tutti i disturbi dell’apprendimento, i disturbi comportamentali e le grandi sindromi di tipo genetico» chiarisce Tossali.

«E anche i disturbi della comunicazione», aggiunge Santiani.

Articoli correlati
Giornata malattie rare, l’approccio multiprofessionale della FNO TSRM PSTRP a sostegno dei pazienti
Tra le varie iniziative in cantiere sul tema delle malattie rare la FNO TSRM PSTRP ha in programma per il prossimo 29 giugno un evento formativo in occasione della Giornata mondiale della Sclerodermia
Professioni Sanitarie, Ordine TSRM PSTRP di Milano lancia corso per costruire la dirigenza del futuro
L'Ordine di Milano ha inaugurato un corso sul management delle professioni sanitarie. «Capacità di osservazione, curiosità e spirito di iniziativa sono le fondamenta su cui costruire la Dirigenza del futuro» ha spiegato il presidente Diego Catania
Ordine TSRM PSTRP Roma, gli obiettivi della Lista “Sinergia”
Al centro del progetto «una rappresentanza politica delle professioni sul territorio, tale da costituire una presenza attiva e costante in tutti i contesti comunali». Le elezioni si svolgeranno il 16, 17, 18 e 19 dicembre
Simulazione in formazione, ecco come la realtà virtuale prepara i farmacisti ad affrontare le sfide reali
Dalla “clean room” alla ricerca clinica, fino a capitolati di gara e interazione con il paziente, Zanon (SIFO): «La figura del farmacista è poliedrica e, per questo, anche la sua formazione, compresa quella post laurea, deve essere altrettanto variegata. L’utilizzo della simulazione ha segnato un punto di svolta importante nei processi formativi»
UNID, Luperini nuovo presidente. Dai Quaderni dell’Igienista dentale al Progetto Grazia, le iniziative in corso
Maurizio Luperini sostituisce Domenico Tomassi, alla guida per tre anni. «Vogliamo dedicarci alla formazione, avremo una sessione ad hoc dedicata a ricerca e sviluppo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...