Professioni Sanitarie 2 Dicembre 2019

Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, Tossali (AITNE) e Santiani (ANUPI TNEE): «Poco presenti nei servizi, chiediamo coinvolgimento»

Al Congresso TSRM e PSTRP anche i rappresentanti delle due associazioni maggiormente rappresentative di categoria. Stimati 5mila professionisti

 Sono i professionisti sanitari che si occupano di prevenzione, terapia e riabilitazione delle malattie neuropsichiatriche infantili. Con la legge 3 del 2018 i Tecnici della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva sono confluiti nel maxi Ordine delle professioni sanitarie TSRM e PSTRP e hanno partecipato al primo Congresso nazionale che si è svolto a Rimini. A Rimini abbiamo incontrato i rappresentanti delle due associazioni maggiormente rappresentative: Maria Letizia Tossali, Presidente AITNE, Associazione italiana Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva e Giulio Santiani, Vicepresidente ANUPI TNEE, Associazione dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Alla politica chiedono «attenzione» per una figura unica nel panorama europeo e che si faccia ricorso sempre di più a questi specialisti, mentre spesso «nei servizi si usano spesso operatori generici».

LEGGI ANCHE: TERAPISTA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITÀ DELL’ETÀ EVOLUTIVA: UN’ECCELLENZA ITALIANA. BONIFACIO (ANUPI TNPEE): «NON CI SONO PROFESSIONISTI SIMILI IN EUROPA E NEL MONDO»

Si è svolto il Primo Congresso della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP. La vostra categoria come si è approcciata a questo evento?

«Per noi è fondamentale il lavoro interdisciplinare – afferma Tossali – è una esigenza importante per l’età evolutiva e quindi è stata un’ottima occasione di scambio e di visibilità anche del mondo sanitario».

«È un momento storico dal punto di vista delle istituzioni perchè finalmente tutte le professioni sanitarie hanno un contenitore ordinistico e questo per noi in particolare è significativo perché occupandoci solo di età evolutiva finiamo per essere sempre un po’ a latere delle grandi decisioni perché i bambini hanno una grande importanza ma spesso poca rilevanza», sottolinea Santiani.

Quanti siete come categoria professionale?

«C’è molto sommerso, siamo intorno ai 5mila» chiarisce Tossali.

Alla politica cosa chiedete?

«Noi chiediamo attenzione alla nostra categoria professionale perché siamo poco presenti nei servizi, chi c’è non è sufficientemente valorizzato, non siamo coinvolti nelle decisioni che riguardano l’età evolutiva. Le competenze le abbiamo e secondo noi è il momento di farlo» sottolinea Tossali.

«L’aspetto di essere nei servizi per l’età evolutiva dove è necessario uno specialista dell’età evolutiva. Lo Stato investe molte risorse per formare degli specialisti. Per tre anni gli studenti si formano sull’età evolutiva e poi nei servizi si usano spesso operatori generici» chiarisce Santiani.

Se una famiglia vuole trovare uno specialista come voi dove deve andare?

«All’interno dei servizi ci sono le strutture relative che hanno nomi diversi sul territorio. Comunque diciamo di solito che si tratta di servizi per l’età evolutiva. Possono essere servizi per l’età evolutiva possono essere servizi di tutela e riabilitazione per l’età evolutiva, oppure di neuropsichiatria infantile, di solito all’interno delle Asl o nei dipartimenti materno infantili c’è questo ambito dedicato all’età evolutiva che si occupa dei disturbi di sviluppo. Quindi una famiglia con dei dubbi può rivolgersi lì se parliamo di sistema sanitario pubblico» spiega Tossali.

Nello specifico di cosa vi occupate?

«In particolare dei disturbi dello sviluppo quindi tutto ciò che abitualmente viene conosciuto come ciò che viene riabilitato o abilitato. Andiamo dalle grandi sindromi come lo spettro autistico fino ai disturbi DHD più tutti i disturbi dell’apprendimento, i disturbi comportamentali e le grandi sindromi di tipo genetico» chiarisce Tossali.

«E anche i disturbi della comunicazione», aggiunge Santiani.

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Agostini (ANDID): «Ecco perché i dietisti giocano ruolo chiave nella prevenzione»
Sono circa 4mila i dietisti in Italia. La professione è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Essere insieme a tutte le altre professioni non può che arricchirci» sottolinea Susanna Agostini, consigliere ANDID, Associazione Nazionale Dietisti
#UnGiornoCon | Il podologo: dallo studio al domicilio, sempre a contatto con il paziente
Abbiamo chiesto a Maria Cristina Rufini, podologa iscritta all’AIP, come si svolge la giornata tipo di un podologo libero professionista: «Le patologie variano a seconda della fascia di età. Nel paziente anziano si tratta per lo più di ipercheratosi, di ispessimenti e di unghie onicogrifosi. Mentre nel paziente giovane si interviene sulle unghie incarnite sulle onicogrifosi»
Professioni sanitarie, Beux ad Anelli (FNOMCeO): «La sanità non è del medico»
La lettera aperta del presidente della Federazione nazionale degli Ordini TSRM-PSTRP dopo le polemiche nate dall'adozione della delibera del Veneto che estende le competenze dei profili delle professioni sanitarie senza aver consultato i rappresentanti dei medici
Fragilità, al Forum di Firenze la prima Conferenza Nazionale. Perciballi (TSRM e PSTRP): «Puntiamo a progetti comuni tra professionisti della sanità»
Il 27 novembre va in scena alla Fortezza di Basso il primo evento di questo tipo. Apre una lectio magistralis del professore Paolo Cendon. La referente per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori del maxi Ordine delle professioni sanitarie: «Obiettivo proporre il Codice Etico Unico delle 19 professioni alle altre federazioni della sanità»
Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»
Il Presidente dell’Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia sottolinea: «Oggi la politica guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere favorita». La professione dei tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Formazione

Triennio Ecm in scadenza, Speranza: «Nella riforma del Ssn ruolo fondamentale avrà la formazione»

Presidente della Commissione Ecm, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha posto l’accento sull’importante ruolo dell’aggiornamento professionale: «Do un grande peso alla formazione continu...