Professioni Sanitarie 15 Marzo 2019

Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva: un’eccellenza italiana. Bonifacio (Anupi TNPEE): «Non ci sono professionisti simili in Europa e nel mondo»

«Attraverso un’attività di abilitazione, riabilitazione e prevenzione ci si prende cura delle disabilità dell’età evolutiva, nella fascia di età 0-18 anni, all’interno della cornice teorica del modello biopsicosociale della disabilità proposto dall’Organizzazione Mondale della Sanità», sottolinea il presidente dell’Associazione Nazionale Unitaria TNPEE

di Isabella Faggiano

Se un bambino non riesce a realizzare e conquistare serenamente tutte le tappe necessarie alla sua naturale crescita, a causa di disabilità dovute a ritardi di acquisizione, disturbi o patologie, può chiedere aiuto al Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva (TNPEE). E può farlo solo in Italia. «Sì perché – spiega Andrea Bonifacio, presidente Nazionale dell’Anupi TNPEE, ai microfoni di Sanità Informazione – il terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva è una figura unica. Non esiste in nessun Paese d’Europa, e quasi in tutto il mondo, un professionista simile a quello italiano».

Il Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva, attraverso un’attività di abilitazione, riabilitazione e prevenzione, si occupa delle disabilità dell’età evolutiva, nella fascia di età 0-18 anni. «È un’eccellenza nel mondo perché nasce dalla tradizione italiana di unificazione della dimensione neurologica e psichiatrica, con la fondazione dello specialista della neuro-psichiatria infantile in ambito medico – aggiunge Bonifacio -. Il terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva è forgiato all’interno di questa cultura, di una storia che privilegia sempre una visione integrata del bambino, che si sviluppa in sinergia con le sue funzioni».

Il TNPEE opera, infatti, nella cornice teorica del modello biopsicosociale della disabilità proposto dall’Organizzazione Mondale della Sanità: pone attenzione alla globalità dello sviluppo, considerando l’equilibrio complessivo e l’integrazione di tutte le funzioni e le competenze, così come l’interazione tra stadio di sviluppo e evoluzione della patologia.

È una figura nata negli anni ’70 e, come molte altre professioni sanitarie, ha dovuto di recente adeguarsi ai nuovi cambiamenti come quelli contenuti nella legge Lorenzin, che ha sancito la costituzione di un albo professionale: «Finora sono circa 4.800 le richieste di iscrizioni al nuovo albo giunte dai nostri professionisti – racconta Andrea Bonifacio -. Si tratta della quasi totalità dei Terapisti che, in Italia, sono stimati intorno alle 5 mila unità».

Un numero di professionisti non elevatissimo se paragonato a quello di altre professioni sanitarie, ma di grande interesse per il mercato del lavoro. «Le competenze del terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva sono molto specialistiche. La sua preparazione – dice Bonifacio – è costantemente sollecitata dalla formazione continua, altra eccellenza italiana, sinonimo di garanzia della qualità delle prestazioni offerte. I professionisti hanno l’obbligo, ma anche l’abitudine di informarsi sulle nuove evidenze scientifiche che vanno poi tradotte in procedure cliniche. Il Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva è da sempre ai primi posti tra le professioni sanitarie, in genere al quinto o sesto gradino della classifica, per la possibilità di trovare una prima occupazione ad un anno dalla laurea – racconta il presidente dell’Anupi TNPEE -. Generalmente si accede in sistemi lavorativi privati o privati-convenzionati. La criticità purtroppo della nostra professione è rappresentata proprio dalla scarsa presenza territoriale a livello pubblico e ospedaliero, anche in servizi essenziali per la popolazione come quelli dedicati alla prevenzione. Ed è proprio in questa direzione che le associazioni di categoria si stanno impegnando già da tempo affinché – conclude il presidente Bonifacio – al terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva sia riconosciuto uno spazio di lavoro adeguato ai bisogni di salute dei cittadini anche nel settore pubblico».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, scontro su deroga per iscrizione a Ordini. Grillo: «Salviamo posto a 20mila operatori». Beux (TSRM-PSTRP): «Non iscriveremo abusivi»
È battaglia sulla norma che consente di accedere a queste professioni per chi ha lavorato per un periodo minimo di 36 mesi, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni. M5S difende provvedimento, opposizioni e associazioni di categoria non ci stanno
Tecnici di laboratorio, professione in evoluzione. La presidente ANTEL Cabrini: «Con nuovo Ordine multialbo sfida è creare rete di professionisti»
Con la legge Lorenzin è tra le 17 professioni entrate nell’’Ordine TSRM e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione. Il vicepresidente Casalino: «Ancora poche possibilità per noi di ricoprire ruoli dirigenziali. Sulla formazione mancano dottorati specifici»
Tecnici della riabilitazione psichiatrica, la presidente AITeRP Famulari: «Presto linee guida per formazione omogenea»
La figura professionale è presente in tutti i dipartimenti di salute mentale, ma lavora anche in centri residenziali o diurni, nei servizi psichiatrici di diagnosi e cura e in quelli per le doppie diagnosi, in contesti domiciliari, svolgendo una funzione sia sanitaria, che sociale
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, Ministero della Salute chiarisce: obbligo da subito di iscrizione a Ordine o rischio sanzioni
Iscrizione necessaria sia nella libera professione sia nell'ambito della dipendenza presso strutture pubbliche o private. Al momento però si sono iscritti 80mila professionisti, meno della metà dei 180-200mila professionisti stimati. Il chiarimento chiesto dal Presidente dell’Ordine TSRM e PSRTP Alessandro Beux
Risonanze magnetiche, Ordine TSRM contesta il decreto su standard di sicurezza: «Rischio rallentamento delle attività, pronti ad azioni legali»
L’Ordine presieduto da Alessandro Beux sottolinea la necessità che nella gestione del rischio clinico ci sia «il coinvolgimento di tutti i professionisti sanitari». Dietro l’angolo «un aumento dei costi e del contenzioso inter-professionale e una serie di ricadute medico-legali e assicurative»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...