Professioni Sanitarie 11 Marzo 2019 17:13

Sociologi della salute, Toniolo (Siss): «Legge Lorenzin ci ha riconosciuti come professionisti socio-sanitari, ma non abbiamo né Ordine, né Collegio»

«Analizzare i bisogni di salute e progettare le migliori soluzioni per soddisfarli». Il presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute descrive i principali compiti del sociologo della salute e le nuove sfide professionali, tra pubblico e privato

di Isabella Faggiano

Regione che vai, bisogno di salute che trovi. Quanti posti letto servono agli anziani negli ospedali dell’Emilia Romagna? E in Sicilia, qual è il numero di pazienti che necessita di assistenza domiciliare? In quali luoghi della Penisola c’è la più alta richiesta di residenze per il recupero di tossicodipendenti? Le risposte a queste domande non sono casuali, ma frutto di accurati studi condotti da diversi professionisti che, in sinergia, operano nel mondo della Sanità.

«Analizzare i bisogni di salute e progettare le migliori soluzioni per soddisfarli sono i due principali compiti del sociologo della salute – ha spiegato Franco Toniolo, presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute -. Mansioni che svolge in sinergia con altre figure professionali che operano all’interno delle strutture del Sistema Sanitario Nazionale, dai programmatori, agli economisti, fino agli statistici».

Non è un caso, dunque, che il sociologo della salute, proprio quest’anno, festeggi i suoi primi 40 anni di vita, come il nostro SSN. «Stando alla letteratura – ha specificato il presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute – la figura del sociologo ha almeno due secoli di storia. Ma la necessità di creare una figura che fosse specializzata nell’analisi del bisogno di salute (il sociologo della salute, appunto) è nata solo quando la Sanità è diventata “pubblica”, con l’istituzione del SSN».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, PARLA IL PADRE DELLA ‘RIFORMA’ FRANCESCO SAVERIO PROIA: «ORA METTERE A FRUTTO RISULTATI. NELLE CURE DOMICILIARI POSSONO AVERE RUOLO DECISIVO»

Parallelamente, negli anni, il sociologo della salute si è fatto largo anche in altri contesti, in risposta alla crescente privatizzazione di alcuni comparti del Sistema: «Cooperative, privato sociale, terzo settore: sono questi i contesti in cui oggi trova una collocazione professionale più favorevole», ha sottolineato Toniolo.

Accanto alle mansioni di analisi e progettazione, il sociologo della salute può svolgere anche una funzione di “terapista”: «Si tratta prevalentemente di terapie di gruppo o familiari – ha specificato il presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute – in cui il sociologo ha la mansione di “socio-terapista”».

Ma quanti sono, oggi, i sociologi della salute che lavorano in Italia, tra pubblico e privato? «Difficile stabilirlo con certezza – ha risposto Toniolo -. I professionisti impegnati nel SSN sono circa 600. Cifra calata di almeno 300 unità nel giro di pochi anni e destinata a ridursi ai minimi termini, nel giro di un decennio, se non si provvederà ad uno sblocco del turnover. Il numero di coloro che lavorano nel privato, invece, non può essere stabilito». A rendere più complesso il censimento della categoria è l’assenza di un’iscrizione obbligatoria ad un ordine professionale o collegio.

«Il sociologo della salute – ha spiegato il presidente Toniolo – è un professionista laureato in sociologia, facoltà che, come molte altre, prevede una laurea triennale di base e un biennio specialistico. Il conseguimento di successivi master, corsi o scuole di specializzazione, è a discrezione del singolo studente». Il primo tentativo di un riconoscimento professionale (laurea a parte) è arrivato solo lo scorso anno: «Dopo una lunga battaglia, alla fine del 2017, i sociologi della salute hanno ottenuto la certificazione prevista dalla norma tecnica Uni. Nel frattempo però, con l’entrata in vigore della legge Lorenzin questa figura professionale è stata inserita tra le professioni socio sanitarie».

E raggiungere un doppio traguardo, nel giro di pochi mesi, ha rigettato nel limbo il tentativo di ottenere uno specifico riconoscimento professionale. «Dopo l’entrata in vigore della legge Lorenzin – ha spiegato Toniolo – la possibilità di ottenere la certificazione Uni è stata congelata. Ma ad oggi, restiamo l’unica professione tra quelle socio-sanitarie a non essere dotate né di un Ordine, né di un Collegio. Speriamo, dunque, – ha concluso il presidente Società italiana di Sociologia delle Salute – che le Istituzioni di competenza definiscano presto e con chiarezza la nostra posizione».

 

Articoli correlati
Radiologia domiciliare e teleradiologia, Lenza (TSRM Roma): «Svolta per decongestionare Pronto soccorso e liste di attesa»
Il Presidente della commissione d’Albo dei TSRM di Roma Andre Lenza crede nel PNRR: «Le professioni sanitarie avranno ruolo fondamentale nella sua implementazione»
di Francesco Torre
TSRM, Cornacchione (Faster): «Migliorare formazione universitaria con professori Tecnici di Radiologia»
La presidente della Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia spiega: «Stiamo lavorando per creare delle basi per poter avviare le carriere universitarie anche con borse di studio che possano favorire i professionisti che vogliono avviare questo tipo di percorso»
di Francesco Torre
Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?
Tra le professioni sanitarie è annoverabile l'osteopatia. Il punto alla luce di una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Terapisti occupazionali, Cda di Roma: «Siamo ancora troppo pochi nelle Asl e nei servizi per l’età evolutiva»
Secondo Luigia Fioramonti, presidente della Commissione d’Albo di Roma, bisogna lavorare per «avere una buona formazione e essere presenti in tutti i servizi sanitari per tutelare la salute dei cittadini». Spiega Arnaldo Pezzola (Cda Roma): «Fondamentale la sinergia con i caregiver che ci consente di svolgere un lavoro a 360 gradi anche sull’ambiente»
di Francesco Torre
Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»
Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre