Professioni Sanitarie 11 Marzo 2019

Sociologi della salute, Toniolo (Siss): «Legge Lorenzin ci ha riconosciuti come professionisti socio-sanitari, ma non abbiamo né Ordine, né Collegio»

«Analizzare i bisogni di salute e progettare le migliori soluzioni per soddisfarli». Il presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute descrive i principali compiti del sociologo della salute e le nuove sfide professionali, tra pubblico e privato

Regione che vai, bisogno di salute che trovi. Quanti posti letto servono agli anziani negli ospedali dell’Emilia Romagna? E in Sicilia, qual è il numero di pazienti che necessita di assistenza domiciliare? In quali luoghi della Penisola c’è la più alta richiesta di residenze per il recupero di tossicodipendenti? Le risposte a queste domande non sono casuali, ma frutto di accurati studi condotti da diversi professionisti che, in sinergia, operano nel mondo della Sanità.

«Analizzare i bisogni di salute e progettare le migliori soluzioni per soddisfarli sono i due principali compiti del sociologo della salute – ha spiegato Franco Toniolo, presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute -. Mansioni che svolge in sinergia con altre figure professionali che operano all’interno delle strutture del Sistema Sanitario Nazionale, dai programmatori, agli economisti, fino agli statistici».

Non è un caso, dunque, che il sociologo della salute, proprio quest’anno, festeggi i suoi primi 40 anni di vita, come il nostro SSN. «Stando alla letteratura – ha specificato il presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute – la figura del sociologo ha almeno due secoli di storia. Ma la necessità di creare una figura che fosse specializzata nell’analisi del bisogno di salute (il sociologo della salute, appunto) è nata solo quando la Sanità è diventata “pubblica”, con l’istituzione del SSN».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, PARLA IL PADRE DELLA ‘RIFORMA’ FRANCESCO SAVERIO PROIA: «ORA METTERE A FRUTTO RISULTATI. NELLE CURE DOMICILIARI POSSONO AVERE RUOLO DECISIVO»

Parallelamente, negli anni, il sociologo della salute si è fatto largo anche in altri contesti, in risposta alla crescente privatizzazione di alcuni comparti del Sistema: «Cooperative, privato sociale, terzo settore: sono questi i contesti in cui oggi trova una collocazione professionale più favorevole», ha sottolineato Toniolo.

Accanto alle mansioni di analisi e progettazione, il sociologo della salute può svolgere anche una funzione di “terapista”: «Si tratta prevalentemente di terapie di gruppo o familiari – ha specificato il presidente della Società italiana di Sociologia delle Salute – in cui il sociologo ha la mansione di “socio-terapista”».

Ma quanti sono, oggi, i sociologi della salute che lavorano in Italia, tra pubblico e privato? «Difficile stabilirlo con certezza – ha risposto Toniolo -. I professionisti impegnati nel SSN sono circa 600. Cifra calata di almeno 300 unità nel giro di pochi anni e destinata a ridursi ai minimi termini, nel giro di un decennio, se non si provvederà ad uno sblocco del turnover. Il numero di coloro che lavorano nel privato, invece, non può essere stabilito». A rendere più complesso il censimento della categoria è l’assenza di un’iscrizione obbligatoria ad un ordine professionale o collegio.

«Il sociologo della salute – ha spiegato il presidente Toniolo – è un professionista laureato in sociologia, facoltà che, come molte altre, prevede una laurea triennale di base e un biennio specialistico. Il conseguimento di successivi master, corsi o scuole di specializzazione, è a discrezione del singolo studente». Il primo tentativo di un riconoscimento professionale (laurea a parte) è arrivato solo lo scorso anno: «Dopo una lunga battaglia, alla fine del 2017, i sociologi della salute hanno ottenuto la certificazione prevista dalla norma tecnica Uni. Nel frattempo però, con l’entrata in vigore della legge Lorenzin questa figura professionale è stata inserita tra le professioni socio sanitarie».

E raggiungere un doppio traguardo, nel giro di pochi mesi, ha rigettato nel limbo il tentativo di ottenere uno specifico riconoscimento professionale. «Dopo l’entrata in vigore della legge Lorenzin – ha spiegato Toniolo – la possibilità di ottenere la certificazione Uni è stata congelata. Ma ad oggi, restiamo l’unica professione tra quelle socio-sanitarie a non essere dotate né di un Ordine, né di un Collegio. Speriamo, dunque, – ha concluso il presidente Società italiana di Sociologia delle Salute – che le Istituzioni di competenza definiscano presto e con chiarezza la nostra posizione».

 

Articoli correlati
Responsabilità sanitaria, Fnopo: «Giornata storica la firma dell’Accordo con il Consiglio Superiore Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense»
«La firma dell’accordo con il CSM e il CNF è un risultato che potremmo definire quasi storico – commentano i vertici FNOPO - . Sono stati mesi di confronto attento e incessante che ha avuto sempre un solo obiettivo: garantire al sistema giudiziario, ai professionisti coinvolti in contenziosi e ai cittadini che reputano di aver subìto un danno, la migliore assistenza di qualità e imparzialità»
Numero chiuso, pubblicate le date dei test: si parte il 3 settembre con Medicina
Nelle prossime settimane verranno comunicati i contenuti delle prove ed il numero di posti disponibili. Ecco il calendario completo dei test
Professioni sanitarie, parla il padre della ‘riforma’ Francesco Saverio Proia: «Ora mettere a frutto risultati. Nelle cure domiciliari possono avere ruolo decisivo»
«Bisogna modificare l’organizzazione del lavoro in sanità avvalendosi delle competenze di queste professioni che adesso sono autonome e responsabili permettendogli di fare prestazione sempre più efficienti e tempestive per i cittadini», sottolinea l’ex dirigente del Ministero della Salute che aggiunge: «C’è la necessità di costruire spazi dirigenziali per le professioni diverse dagli infermieri, ma leggi ci sono»
Professioni sanitarie, Vito De Filippo (Partito Democratico): «Legge Lorenzin svolta decisiva: non c’è bisogno di sanatoria, strumenti ci sono»
«Una storia bella ma troppo lunga: il tema dell’integrazione delle professioni sanitarie è un pilastro importante della nostra sanità che necessita sinergie e coordinamento». Così l’ex sottosegretario alla Salute Vito De Filippo per le celebrazioni del 20° anniversario delle professioni sanitarie
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Professioni sanitarie, Perciballi (Consumatori): «Maxi Ordine garanzia per cittadini, ma lavoriamo per ridurre contenziosi»
La referente del Movimento Consumatori ha partecipato alle celebrazioni per i 20 anni della legge 42 del 1999. «Aver raggiunto la possibilità di avere degli ordini professionali è un punto di partenza, adesso informiamo i cittadini» sottolinea a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone