Salute 5 Marzo 2019 17:28

Professioni sanitarie, parla il padre della ‘riforma’ Francesco Saverio Proia: «Ora mettere a frutto risultati. Nelle cure domiciliari possono avere ruolo decisivo»

«Bisogna modificare l’organizzazione del lavoro in sanità avvalendosi delle competenze di queste professioni che adesso sono autonome e responsabili permettendogli di fare prestazione sempre più efficienti e tempestive per i cittadini», sottolinea l’ex dirigente del Ministero della Salute che aggiunge: «C’è la necessità di costruire spazi dirigenziali per le professioni diverse dagli infermieri, ma leggi ci sono»

«Mettere insieme 19 professioni sanitarie è stato meno difficile di quanto avrei pensato. Con le commissioni d’Albo ogni professione si autogestisce nel gran condominio dell’Ordine: io l’ho sempre chiamato la ‘confederazione elvetica’ dove la Commissione d’albo è il governo del cantone. “Unità nella diversità” si diceva una volta». Francesco Saverio Proia, già dirigente del Ministero della Salute e consulente Aran, è stato uno dei ‘padri’ del percorso che ha portato le professioni sanitarie a confluire nell’ordine multialbo TSRM e PSTRP. Un percorso lungo, partito dall’individuazione dei profili, passato per la legge 42 del 1999 e conclusosi con la legge 3 del 2018 che ha istituito Albi e Ordine: «L’unica soluzione possibile – racconta Proia a Sanità Informazione – ci parve quella di aggregare l’Ordine dei Tecnici di Radiologia medica alle altre professioni approfittando della generosità dei tecnici di radiologia che hanno perso la loro soggettività ordinistica e li hanno accolti tutti. Senza questa soluzione non ci sarebbe stata possibilità». Ora secondo Proia è tempo di guardare avanti e raccogliere le sfide per il futuro: «Bisogna modificare l’organizzazione del lavoro in sanità, come già in molte aziende sanitarie si fa, avvalendosi delle competenze di queste professioni che adesso sono autonome e responsabili, quindi ampliando, incrementando e specializzando queste professioni permettendogli di fare prestazione sempre più efficienti e tempestive per i cittadini». La speranza è quella di vedere sempre più professionisti sanitari in incarichi dirigenziali: «Tutte le leggi regionali lo prevedono, quindi si tratta da passare alla previsione all’attuazione concreta».

Dottor Proia, lei ha seguito una buona parte dell’iter normativo che ha portato poi all’approvazione della legge Lorenzin istitutiva dell’Ordine. Qual è ora il prossimo passo per le professioni sanitarie?

«Il prossimo passo dopo una marcia durata decenni è quello di mettere a frutto i risultati ottenuti. Prima c’è stata la legge 42, poi la 251 del 2000, poi la 43 del 2006 e infine la Lorenzin sugli Ordini. La riforma delle professioni sanitarie si è completata. Ora bisogna da una parte modificare l’organizzazione del lavoro in sanità, come già in molte aziende sanitarie si fa, avvalendosi delle competenze di queste professioni che adesso sono autonome e responsabili, quindi ampliando, incrementando e specializzando queste professioni, permettendogli di fare prestazione sempre più efficienti e tempestive per i cittadini. Cittadini che ormai, per il mutato quadro epidemiologico e demografico, sono in prevalenza soggetti con polipatologie, malati cronici ultrasessantenni che hanno bisogno di una risposta nuova soprattutto sul territorio. Queste professioni sono in grado di poter dare delle prestazioni andando a domicilio, nelle Case della salute, evitando il ricorso all’ospedalizzazione impropria avvenuto in questi anni. D’altra parte c’è la necessità di costituire questo meraviglioso Ordine plurialbo che abbiamo realizzato, dove finalmente le professioni, che erano già regolamentate, hanno avuto la possibilità di avere un albo. Adesso ce l’hanno, le iscrizioni sono quasi completate, nessun ordine ha avuto una risposta così. Quindi con le commissioni d’Albo ogni professione si autogestisce nel gran condominio che è questo grande Ordine: io l’ho sempre chiamato la confederazione elvetica dove la commissione d’albo è il governo del cantone, “unità nella diversità” si diceva una volta».

Molti hanno parlato di una rivoluzione culturale, ma ancora non tutti i professionisti forse hanno capito l’importanza di questo cambiamento…

«In Italia i cambiamenti sulla carta sono immediati, sui fatti concreti ancora no. Con le nuove norme si fa fatica ad ambientarsi. Io sono positivo, nel senso che ho visto molta rispondenza da parte dei professionisti interessati, ho visto molte aziende sanitarie che hanno colto l’occasione di questa innovazione, come è vero che più di metà Italia non usa a pieno questo potenziale. In Italia qualsiasi modifica che sembra una razionalizzazione diventa un atto rivoluzionario. È duro a cambiare il vecchio modo di essere».

Presto vedremo sempre più dirigenti sanitari provenienti dal mondo delle professioni sanitarie?

«Già ce ne sono molti. L’altro anno erano 600. Nel frattempo sono stati banditi dei concorsi quindi aumenteranno. È vero che la maggioranza di essi sono infermieri. C’è la necessità di costruire spazi dirigenziali per le professioni diverse dagli infermieri. È più facile costruire incarichi dirigenziali per gli infermieri che da soli sono due terzi del personale. Però come la legge 251 ha disposto, per ogni area, che sono quattro più quella degli assistenti sociali, va previsto uno specifico dirigente. Il dirigente della riabilitazione, della prevenzione, dei tecnici sanitari e del servizio sociale professionale. Questa è la fase più difficile. Però tutte le leggi regionali lo prevedono, quindi si tratta da passare alla previsione all’attuazione concreta. Però se si legge per esempio il bollettino sociale della regione Lazio i concorsi sono stati indetti, si stanno svolgendo le prove per tecnici sanitari, i fisioterapisti, ecc.».

È stato difficile mettere insieme 19 professioni sanitarie?

«Meno difficile di quanto avrei pensato. Il primo disegno di legge fu quello della legge 42: avevamo previsto la costituzione di specifici ordini per ogni professione ma poi abbiamo avuto attacchi da chi non voleva gli ordini. L’unica soluzione possibile ci parve quella di aggregare l’Ordine dei Tecnici di Radiologia medica alle altre professioni approfittando della generosità dei tecnici di radiologia che hanno perso la loro soggettività ordinistica e li hanno accolti tutti. Senza questa soluzione non ci sarebbe stata possibilità. Non ha avuto contraccolpi. È anche vero che c’è la possibilità per l’albo che supera i 50mila iscritti di diventare un Ordine a parte».

Articoli correlati
Covid-19, Miraglia (ONB): «Ancora tanti biologi non vaccinati, eppure siamo in prima linea»
Il Vicepresidente dell’Ordine dei Biologi Pietro Miraglia denuncia: «C’è molta confusione perché quando hanno dato le linee guida sulla vaccinazione la parola ‘biologo’ non compariva». Poi conferma disponibilità per la campagna vaccinale ma spiega: «Serve una norma che ci consenta di inoculare i vaccini, ora possiamo fare solo prelievi»
Tecnici di neurofisiopatologia: «In prima linea per la valutazione dei sintomi neurologici da Covid e da lungo allettamento»
Insegnamenti e criticità della pandemia: «La medicina territoriale può fare la differenza nella gestione degli ammalati: siamo arrivati direttamente al letto dei pazienti Covid-free. Penalizzati gli studenti universitari che hanno dovuto rinunciare alla formazione sul campo»
di Isabella Faggiano
Professioni sanitarie, al via iter di ratifica della Costituzione Etica della FNO TSRM e PSTRP
«Dopo l'approvazione da parte della Commissione, in poco più di due mesi, a seguito dei vari passaggi formali, si giungerà alla sua adozione definitiva» ha sottolineato il Presidente Alessandro Beux
Gli Operatori socio-sanitari festeggiano il ventesimo compleanno
Il regalo più atteso, Minghetti (Migep): «Chiediamo il riconoscimento tra le professioni dell’area socio-sanitaria per regolamentare competenze, posizione economica e formazione e un registro regionale con iscrizione obbligatoria contro l’abusivismo»
di Isabella Faggiano
Educatori professionali, Titta (CdA Roma): «Puntare su assistenza domiciliare per rilanciare servizi. Stop a Ddl che ‘sdoppia’ la professione»
Il Presidente della Commissione d’Albo degli Educatori professionali di Roma e membro del Consiglio direttivo Anep spiega: «Gli iscritti chiedono più assunzioni nel settore pubblico». Poi chiede di «creare in ogni quartiere organizzazioni sociosanitarie integrate»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...