Salute 5 Marzo 2019

Professioni sanitarie, parla il padre della ‘riforma’ Francesco Saverio Proia: «Ora mettere a frutto risultati. Nelle cure domiciliari possono avere ruolo decisivo»

«Bisogna modificare l’organizzazione del lavoro in sanità avvalendosi delle competenze di queste professioni che adesso sono autonome e responsabili permettendogli di fare prestazione sempre più efficienti e tempestive per i cittadini», sottolinea l’ex dirigente del Ministero della Salute che aggiunge: «C’è la necessità di costruire spazi dirigenziali per le professioni diverse dagli infermieri, ma leggi ci sono»

«Mettere insieme 19 professioni sanitarie è stato meno difficile di quanto avrei pensato. Con le commissioni d’Albo ogni professione si autogestisce nel gran condominio dell’Ordine: io l’ho sempre chiamato la ‘confederazione elvetica’ dove la Commissione d’albo è il governo del cantone. “Unità nella diversità” si diceva una volta». Francesco Saverio Proia, già dirigente del Ministero della Salute e consulente Aran, è stato uno dei ‘padri’ del percorso che ha portato le professioni sanitarie a confluire nell’ordine multialbo TSRM e PSTRP. Un percorso lungo, partito dall’individuazione dei profili, passato per la legge 42 del 1999 e conclusosi con la legge 3 del 2018 che ha istituito Albi e Ordine: «L’unica soluzione possibile – racconta Proia a Sanità Informazione – ci parve quella di aggregare l’Ordine dei Tecnici di Radiologia medica alle altre professioni approfittando della generosità dei tecnici di radiologia che hanno perso la loro soggettività ordinistica e li hanno accolti tutti. Senza questa soluzione non ci sarebbe stata possibilità». Ora secondo Proia è tempo di guardare avanti e raccogliere le sfide per il futuro: «Bisogna modificare l’organizzazione del lavoro in sanità, come già in molte aziende sanitarie si fa, avvalendosi delle competenze di queste professioni che adesso sono autonome e responsabili, quindi ampliando, incrementando e specializzando queste professioni permettendogli di fare prestazione sempre più efficienti e tempestive per i cittadini». La speranza è quella di vedere sempre più professionisti sanitari in incarichi dirigenziali: «Tutte le leggi regionali lo prevedono, quindi si tratta da passare alla previsione all’attuazione concreta».

Dottor Proia, lei ha seguito una buona parte dell’iter normativo che ha portato poi all’approvazione della legge Lorenzin istitutiva dell’Ordine. Qual è ora il prossimo passo per le professioni sanitarie?

«Il prossimo passo dopo una marcia durata decenni è quello di mettere a frutto i risultati ottenuti. Prima c’è stata la legge 42, poi la 251 del 2000, poi la 43 del 2006 e infine la Lorenzin sugli Ordini. La riforma delle professioni sanitarie si è completata. Ora bisogna da una parte modificare l’organizzazione del lavoro in sanità, come già in molte aziende sanitarie si fa, avvalendosi delle competenze di queste professioni che adesso sono autonome e responsabili, quindi ampliando, incrementando e specializzando queste professioni, permettendogli di fare prestazione sempre più efficienti e tempestive per i cittadini. Cittadini che ormai, per il mutato quadro epidemiologico e demografico, sono in prevalenza soggetti con polipatologie, malati cronici ultrasessantenni che hanno bisogno di una risposta nuova soprattutto sul territorio. Queste professioni sono in grado di poter dare delle prestazioni andando a domicilio, nelle Case della salute, evitando il ricorso all’ospedalizzazione impropria avvenuto in questi anni. D’altra parte c’è la necessità di costituire questo meraviglioso Ordine plurialbo che abbiamo realizzato, dove finalmente le professioni, che erano già regolamentate, hanno avuto la possibilità di avere un albo. Adesso ce l’hanno, le iscrizioni sono quasi completate, nessun ordine ha avuto una risposta così. Quindi con le commissioni d’Albo ogni professione si autogestisce nel gran condominio che è questo grande Ordine: io l’ho sempre chiamato la confederazione elvetica dove la commissione d’albo è il governo del cantone, “unità nella diversità” si diceva una volta».

Molti hanno parlato di una rivoluzione culturale, ma ancora non tutti i professionisti forse hanno capito l’importanza di questo cambiamento…

«In Italia i cambiamenti sulla carta sono immediati, sui fatti concreti ancora no. Con le nuove norme si fa fatica ad ambientarsi. Io sono positivo, nel senso che ho visto molta rispondenza da parte dei professionisti interessati, ho visto molte aziende sanitarie che hanno colto l’occasione di questa innovazione, come è vero che più di metà Italia non usa a pieno questo potenziale. In Italia qualsiasi modifica che sembra una razionalizzazione diventa un atto rivoluzionario. È duro a cambiare il vecchio modo di essere».

Presto vedremo sempre più dirigenti sanitari provenienti dal mondo delle professioni sanitarie?

«Già ce ne sono molti. L’altro anno erano 600. Nel frattempo sono stati banditi dei concorsi quindi aumenteranno. È vero che la maggioranza di essi sono infermieri. C’è la necessità di costruire spazi dirigenziali per le professioni diverse dagli infermieri. È più facile costruire incarichi dirigenziali per gli infermieri che da soli sono due terzi del personale. Però come la legge 251 ha disposto, per ogni area, che sono quattro più quella degli assistenti sociali, va previsto uno specifico dirigente. Il dirigente della riabilitazione, della prevenzione, dei tecnici sanitari e del servizio sociale professionale. Questa è la fase più difficile. Però tutte le leggi regionali lo prevedono, quindi si tratta da passare alla previsione all’attuazione concreta. Però se si legge per esempio il bollettino sociale della regione Lazio i concorsi sono stati indetti, si stanno svolgendo le prove per tecnici sanitari, i fisioterapisti, ecc.».

È stato difficile mettere insieme 19 professioni sanitarie?

«Meno difficile di quanto avrei pensato. Il primo disegno di legge fu quello della legge 42: avevamo previsto la costituzione di specifici ordini per ogni professione ma poi abbiamo avuto attacchi da chi non voleva gli ordini. L’unica soluzione possibile ci parve quella di aggregare l’Ordine dei Tecnici di Radiologia medica alle altre professioni approfittando della generosità dei tecnici di radiologia che hanno perso la loro soggettività ordinistica e li hanno accolti tutti. Senza questa soluzione non ci sarebbe stata possibilità. Non ha avuto contraccolpi. È anche vero che c’è la possibilità per l’albo che supera i 50mila iscritti di diventare un Ordine a parte».

Articoli correlati
#UnGiornoCon | Il podologo: dallo studio al domicilio, sempre a contatto con il paziente
Abbiamo chiesto a Maria Cristina Rufini, podologa iscritta all’AIP, come si svolge la giornata tipo di un podologo libero professionista: «Le patologie variano a seconda della fascia di età. Nel paziente anziano si tratta per lo più di ipercheratosi, di ispessimenti e di unghie onicogrifosi. Mentre nel paziente giovane si interviene sulle unghie incarnite sulle onicogrifosi»
Terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, Tossali (AITNE) e Santiani (ANUPI TNEE): «Poco presenti nei servizi, chiediamo coinvolgimento»
Al Congresso TSRM e PSTRP anche i rappresentanti delle due associazioni maggiormente rappresentative di categoria. Stimati 5mila professionisti
Fragilità, al Forum di Firenze la prima Conferenza Nazionale. Perciballi (TSRM e PSTRP): «Puntiamo a progetti comuni tra professionisti della sanità»
Il 27 novembre va in scena alla Fortezza di Basso il primo evento di questo tipo. Apre una lectio magistralis del professore Paolo Cendon. La referente per le relazioni con la cittadinanza e la promozione dei valori del maxi Ordine delle professioni sanitarie: «Obiettivo proporre il Codice Etico Unico delle 19 professioni alle altre federazioni della sanità»
Perfusionisti e tecnici cardiologia, Ghitti (A.I.Te.Fep.): «Molte aree scoperte da questa figura, ma siamo risorsa nell’arresto cardiaco»
La professione è entrata nel maxi Ordine TSRM e PSTRP. «Noi ci occupiamo di tutto quello che è la parte diagnostica e assistenziale cardiologica. I pacemaker, i defibrillatori, l’ecocardiografia, l’emodinamica. L’altra parte della professione è la parte della perfusione», sottolinea il Presidente dell’Associazione Italiana Tecnici della Fisiopatologia cardiocircolatoria e Perfusione cardiovascolare
Sicurezza sul lavoro, parla Di Giusto (UNPISI): «Non basta inasprimento pene, servono incentivi e strategia culturale»
Il Presidente dell’Unione nazionale personale ispettivo sanitario d’Italia sottolinea: «Oggi la politica guarda esclusivamente alla parte sanzionatoria mentre la cultura della sicurezza e della prevenzione dovrebbe essere favorita». La professione dei tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi lavoro è confluita nel maxi Ordine TSRM e PSTRP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...