Professioni Sanitarie 11 Gennaio 2022 11:55

Radiologia domiciliare e teleradiologia, Lenza (TSRM Roma): «Svolta per decongestionare Pronto soccorso e liste di attesa»

Il Presidente della commissione d’Albo dei TSRM di Roma Andre Lenza crede nel PNRR: «Le professioni sanitarie avranno ruolo fondamentale nella sua implementazione»

di Francesco Torre

La casa come primo luogo di cura. È uno degli assunti su cui si basa la missione Salute del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che punta a migliorare l’assistenza delle persone affette da patologie croniche, con particolare attenzione verso gli over 65. Tra gli altri obiettivi ci sono quello di aumentare il numero dei pazienti assistiti nelle proprie abitazioni, realizzare un nuovo modello organizzativo, con la creazione delle Centrali operative territoriali, promuovere e finanziare lo sviluppo di nuovi progetti di telemedicina per l’assistenza a distanza da parte dei sistemi sanitari regionali.

In questo quadro, può giocare un ruolo importante la radiologia domiciliare, che è già realtà in alcuni territori, che permetterà ai pazienti fragili di evitare lo spostamento in ospedale e di effettuare l’esame direttamente nel proprio appartamento. Ne abbiamo parlato con Andrea Lenza, Presidente della commissione d’Albo dei Tecnici di Radiologia Medica di Roma e Provincia, che ha parlato anche dell’implementazione delle prime sperimentazioni nel Lazio.

Presidente, con il PNRR vedremo finalmente il servizio di radiologia domiciliare in tutta Italia?

«Sul Piano nazionale di Ripresa e Resilienza la FNO TSRM PSTRP ha dimostrato di avere un ruolo preponderante insieme a tutte le professioni sanitarie: siamo uniti nel rispondere a questa nuova evoluzione del sistema sanitario. Pertanto, le professioni sanitarie avranno un ruolo fondamentale. Per quanto riguarda i TSRM, la teleradiologia e la radiologia domiciliare avranno un ruolo preponderante in questo piano: permetteranno il decongestionamento dei Pronto soccorso e delle radiologie ospedaliere e di lavorare soprattutto sul territorio, così da permettere alle aziende di smaltire e di concentrarsi sulle acuzie».

In una realtà grande come Roma è praticabile portare la tecnologia diagnostica a domicilio?

«La tecnologia ha raggiunto un grado di miniaturizzazione e precisione tale da permettere questo tipo di prestazione e quindi di affiancare la radiologia tradizionale ospedaliera, rendendola complementare. Questo permette di offrire un grande servizio ai pazienti fragili che non riescono a raggiungere gli ospedali con un importante risvolto sulle liste di attesa e sulla vita dei caregiver delle persone fragili. Già a Roma c’è un’Asl che ha cominciato con questo servizio di radiologia domiciliare ma è un servizio che sarà sicuramente sempre di più implementato. La strada è questa e la commissione d’Albo è molto attenta a sponsorizzare questa attività».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Corruzione in Sanità, sottoscritto protocollo di intesa fra AGENAS e ANAC
Il protocollo ha l’obiettivo di rafforzare la cultura della trasparenza e della legalità nel settore sanitario e di garantire la corretta attuazione e applicazione della normativa in materia di contratti pubblici
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi