Professioni Sanitarie 11 Gennaio 2022 11:55

Radiologia domiciliare e teleradiologia, Lenza (TSRM Roma): «Svolta per decongestionare Pronto soccorso e liste di attesa»

Il Presidente della commissione d’Albo dei TSRM di Roma Andre Lenza crede nel PNRR: «Le professioni sanitarie avranno ruolo fondamentale nella sua implementazione»

di Francesco Torre

La casa come primo luogo di cura. È uno degli assunti su cui si basa la missione Salute del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che punta a migliorare l’assistenza delle persone affette da patologie croniche, con particolare attenzione verso gli over 65. Tra gli altri obiettivi ci sono quello di aumentare il numero dei pazienti assistiti nelle proprie abitazioni, realizzare un nuovo modello organizzativo, con la creazione delle Centrali operative territoriali, promuovere e finanziare lo sviluppo di nuovi progetti di telemedicina per l’assistenza a distanza da parte dei sistemi sanitari regionali.

In questo quadro, può giocare un ruolo importante la radiologia domiciliare, che è già realtà in alcuni territori, che permetterà ai pazienti fragili di evitare lo spostamento in ospedale e di effettuare l’esame direttamente nel proprio appartamento. Ne abbiamo parlato con Andrea Lenza, Presidente della commissione d’Albo dei Tecnici di Radiologia Medica di Roma e Provincia, che ha parlato anche dell’implementazione delle prime sperimentazioni nel Lazio.

Presidente, con il PNRR vedremo finalmente il servizio di radiologia domiciliare in tutta Italia?

«Sul Piano nazionale di Ripresa e Resilienza la FNO TSRM PSTRP ha dimostrato di avere un ruolo preponderante insieme a tutte le professioni sanitarie: siamo uniti nel rispondere a questa nuova evoluzione del sistema sanitario. Pertanto, le professioni sanitarie avranno un ruolo fondamentale. Per quanto riguarda i TSRM, la teleradiologia e la radiologia domiciliare avranno un ruolo preponderante in questo piano: permetteranno il decongestionamento dei Pronto soccorso e delle radiologie ospedaliere e di lavorare soprattutto sul territorio, così da permettere alle aziende di smaltire e di concentrarsi sulle acuzie».

In una realtà grande come Roma è praticabile portare la tecnologia diagnostica a domicilio?

«La tecnologia ha raggiunto un grado di miniaturizzazione e precisione tale da permettere questo tipo di prestazione e quindi di affiancare la radiologia tradizionale ospedaliera, rendendola complementare. Questo permette di offrire un grande servizio ai pazienti fragili che non riescono a raggiungere gli ospedali con un importante risvolto sulle liste di attesa e sulla vita dei caregiver delle persone fragili. Già a Roma c’è un’Asl che ha cominciato con questo servizio di radiologia domiciliare ma è un servizio che sarà sicuramente sempre di più implementato. La strada è questa e la commissione d’Albo è molto attenta a sponsorizzare questa attività».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ecco come verranno spesi gli 8 miliardi destinati alla sanità
Via libera dalla Conferenza Stato-Regioni alla ripartizione degli oltre 6,5 miliardi del PNRR e di circa 1,5 miliardi del Piano nazionale per gli investimenti complementari destinati alla sanità
TSRM, Cornacchione (Faster): «Migliorare formazione universitaria con professori Tecnici di Radiologia»
La presidente della Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia spiega: «Stiamo lavorando per creare delle basi per poter avviare le carriere universitarie anche con borse di studio che possano favorire i professionisti che vogliono avviare questo tipo di percorso»
di Francesco Torre
Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?
Tra le professioni sanitarie è annoverabile l'osteopatia. Il punto alla luce di una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
PNRR, ok della Camera: niente assicurazione se professionista non é in regola con almeno 70% obbligo ECM
Passa l’emendamento già approvato dalla Commissione Bilancio e Tesoro di Montecitorio in sede di conversione in legge del DL 152/2021
Terapisti occupazionali, Cda di Roma: «Siamo ancora troppo pochi nelle Asl e nei servizi per l’età evolutiva»
Secondo Luigia Fioramonti, presidente della Commissione d’Albo di Roma, bisogna lavorare per «avere una buona formazione e essere presenti in tutti i servizi sanitari per tutelare la salute dei cittadini». Spiega Arnaldo Pezzola (Cda Roma): «Fondamentale la sinergia con i caregiver che ci consente di svolgere un lavoro a 360 gradi anche sull’ambiente»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre