Professioni Sanitarie 3 Gennaio 2022 16:44

TSRM, Cornacchione (Faster): «Migliorare formazione universitaria con professori Tecnici di Radiologia»

La presidente della Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia spiega: «Stiamo lavorando per creare delle basi per poter avviare le carriere universitarie anche con borse di studio che possano favorire i professionisti che vogliono avviare questo tipo di percorso»

di Francesco Torre

La creazione della Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione non ha fatto venire meno il cruciale ruolo che ricoprono le associazioni scientifiche di riferimento, che hanno il compito sia di promuovere l’aggiornamento scientifico che di promuovere la formazione attraverso iniziative didattiche e congressuali. Una di queste è la Faster, Federazione delle Associazioni Scientifiche dei Tecnici di Radiologia, nata dall’unione delle associazioni scientifiche nazionali dei tecnici sanitari di radiologia medica (TSRM), con il sostegno di numerosi Ordini TSRM e PSTRP.

Al Congresso FNO TSRM PSTRP di Rimini abbiamo incontrato la neopresidente Patrizia Cornacchione, che ha messo in evidenza la necessità di un percorso formativo universitario ancora più qualificante con professori universitari che siano Tecnici di Radiologia.

Presidente, che lavoro state portando avanti ti con la Faster?

«La Faster è un’associazione di secondo livello riconosciuta a livello ministeriale che nasce dall’esigenza di colmare delle lacune normative nel settore. Il nostro obiettivo è elaborare documenti che possano aiutare nelle best practice quotidiane i TSRM. In quest’ottica, oltre che alla stesura documentaria, stiamo lavorando moltissimo sul focus delle carriere universitarie. Attualmente purtroppo nel panorama italiano non abbiamo professori riconosciuti come professionisti Tecnici di radiologia e stiamo lavorando per creare delle basi per poter avviare le carriere universitarie anche con borse di studio che possano favorire i professionisti che vogliono avviare questo tipo di percorso e magari agevolarli nella possibilità di formarsi con adeguate conoscenze e competenze per questi percorsi. Infatti, fin da subito la Faster ha curato dei corsi di metodologia della ricerca proprio per creare una conoscenza di base che possa facilitare l’inserimento in questi contesti universitari».

Cosa comporta non avere una formazione accademica con professori TSRM?

«Rallenta la formazione specifica in questo ambito. Per quanto possiamo essere professionisti formati, poter lavorare anche all’interno delle università in un ruolo specifico e riconosciuto potrebbe facilitare la progressione di questa figura professionale, che sarebbe indirizzata da professori specifici del profilo professionale, ad avviare determinati percorsi e accrescere quelle competenze dettate da chi svolge quotidianamente questo mestiere».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta ondata, aumentano le gravide positive. Masé (FNOPO): «Centrale il ruolo delle ostetriche per assicurare anche supporto emotivo»
La vice presidente FNOPO: «Le condizioni di isolamento sociale in cui le donne e le coppie trascorrono la gravidanza, a causa della pandemia in atto, hanno un impatto significativo sul vissuto emotivo: il disagio, se trascurato, può sfociare in depressione post-partum»
Radiologia domiciliare e teleradiologia, Lenza (TSRM Roma): «Svolta per decongestionare Pronto soccorso e liste di attesa»
Il Presidente della commissione d’Albo dei TSRM di Roma Andre Lenza crede nel PNRR: «Le professioni sanitarie avranno ruolo fondamentale nella sua implementazione»
di Francesco Torre
Esercitare l’osteopatia: serve la laurea?
Tra le professioni sanitarie è annoverabile l'osteopatia. Il punto alla luce di una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Terapisti occupazionali, Cda di Roma: «Siamo ancora troppo pochi nelle Asl e nei servizi per l’età evolutiva»
Secondo Luigia Fioramonti, presidente della Commissione d’Albo di Roma, bisogna lavorare per «avere una buona formazione e essere presenti in tutti i servizi sanitari per tutelare la salute dei cittadini». Spiega Arnaldo Pezzola (Cda Roma): «Fondamentale la sinergia con i caregiver che ci consente di svolgere un lavoro a 360 gradi anche sull’ambiente»
di Francesco Torre
Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»
Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 gennaio, sono 334.395.897 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.556.935 i decessi. Ad oggi, oltre 9,70 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre