Professioni Sanitarie 4 Marzo 2019

Ortottisti, le nuove sfide. Drago (Aiorao): «Vorremmo lavorare accanto ai MMG e negli ambulatori per abbattere le liste di attesa di oculistica»

Il presidente dell’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia: «Siamo gli unici professionisti sanitari a cui è riconosciuta la mansione di riabilitatore visivo. Grazie alla rivoluzione tecnologica non si lavora più solo negli ambulatori, ma anche nelle sale operatorie»

di Isabella Faggiano

Una professione con oltre mezzo secolo di storia, l’unica, tra quelle sanitarie, a cui è riconosciuta la competenza nell’ambito della riabilitazione visiva. Una professione, quella dell’ortottista, che ora si prepara a due importanti sfide: implementare la sua presenza sul territorio, accanto ai Medici di medicina generale e in tutti gli ambulatori di oculistica, ed estendere il corso di laurea da tre a cinque anni.

Ma prima di affrontare queste due grandi novità, che andranno a rivoluzionare sia il mondo della formazione che quello del lavoro, i 4.400 ortottisti italiani sono attualmente alle prese con la costituzione del nuovo albo professionale, introdotto dalla legge Lorenzin. «Circa il 56% dei professionisti – ha spiegato Dilva Drago, presidente dell’Aiorao, l’Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia – ha già provveduto ad inoltrare la sua richiesta di iscrizione. Gli ordini sono un’importantissima novità – ha continuato il presidente Aiorao – perché sanciscono una crescita legislativa della professione. Ma la nostra associazione, accreditata come società scientifica per le buone pratiche dalla legge Gelli, continuerà ad essere un punto di riferimento per tutti gli ortottisti, dalle tematiche della formazione, a quelle che riguardano il mondo del lavoro».

LEGGI ANCHE: PROFESSIONI SANITARIE, FESTA PER I 20 ANNI DELLA LEGGE 42. BEUX (TSRM e PSTRP): «PASSAGGIO FONDAMENTALE, HA ANTICPATO I TEMPI. ORA SFIDA E’ SINERGIA TRA COMPETENZE»

E mentre la legge 42 del ’99 (Disposizioni in materia di professioni sanitarie, ndr), ha da poco compiuto 20 anni, gli ortottisti festeggiano i loro primi 65 anni di attività: «La legge 42 del ’99 – ha continuato Dilva Drago – è stata una legge coraggiosa, perché è riuscita ad attualizzare le esigenze del Sistema Sanitario Nazionale, rispondendo ai bisogni di salute del cittadino. Quando è stata approvata, la professione di ortottista aveva già compiuto 45 anni e, in questo quasi mezzo secolo di storia, aveva già affrontato numerosi cambiamenti. All’inizio – ha raccontato il presidente Aiorao – le competenze richieste erano indirizzate alla valutazione dei difetti di refrazione, dei disturbi della motilità oculare o al trattamento della ambliopia, che allora era un vero e proprio problema sociale. Oggi il core competence dell’ortottista è soprattutto la riabilitazione: siamo gli unici professionisti sanitari riconosciuti come riabilitatori visivi».

Lavorare sulla riabilitazione significa rendere il paziente quanto più autonomo possibile, migliorando la sua qualità della vita. «La riabilitazione – ha spiegato l’ortottista – può avvenire con mezzi ottici, quindi con lenti particolari che aiutano il residuo visivo, e con esercizi pratici attraverso i quali si insegna al paziente come usare quella parte di retina sana, che gli permette di avere ancora un’autonomia visiva».

A completare il quadro delle competenze dell’ortottista è stata, poi, in anni più recenti, la rivoluzione tecnologica: «I processi di innovazione – ha detto Drago – hanno cambiato la diagnostica strumentale. Le nuove tecnologie hanno permesso all’ortottista di ampliare le sue mansioni, lavorando non più solo negli ambulatori, ma anche nelle sale operatorie».

E sempre per rimanere costantemente aggiornati, gli ortottisti hanno già le idee chiare sulle prossime sfide da affrontare. «Vorremmo una riorganizzazione del SSN – ha detto Dilva Drago – che permetta una maggiore presenza dell’ortottista a livello territoriale presso i MMG e in tutti gli ambulatori, per contribuire all’abbattimento delle liste di attesa in oculistica. Un’opportunità che migliorerebbe il servizio reso ai cittadini e che offrirebbe nuovi posti di lavoro nel settore pubblico. Ma, soprattutto, puntiamo a rivoluzionare la formazione: è necessario pensare ad una specialistica di tipo professionale, ad un corso di laurea quinquennale. Tre anni – ha concluso – sono ormai troppo pochi».

Articoli correlati
Oculistica, AIMO: «Diagnosi tardive possono compromettere vista, pazienti vadano dal medico e non dall’optometrista»
Si svolge a Roma il 10° Congresso dell’Associazione Italiana dei Medici Oculisti. Il Presidente Luca Menabuoni: «Una nuova società europea combatterà ogni forma di abusivismo»
L’occhio artificiale made in USA ha anche origini italiane: parla la professoressa Massaro-Giordano
La condirettrice del Penn Dry Eye and Ocular Surface Center di Philadelphia: «Abbiamo ricreato la superficie dell’occhio con cellule umane e idrogel. Così combattiamo la sindrome dell’occhio secco». Il senatore Sileri (M5S): «La fantascienza è diventata scienza»
Maculopatia, Regione Lombardia e oculisti raggiungono accordo per terapie salva vista
L'assessore al Welfare Gallera: «Fornite agli specialisti le indicazioni necessarie per procedere alla prescrizione e continuità delle cure». Mazzacane (Goal): «Confidiamo nella collaborazione della Regione Lombardia per superare ogni difficoltà e per proseguire con l’impegno e la dignità professionale che ci contraddistinguono»
di Federica Bosco
Oculistica, al San Carlo di Nancy arriva l’innovativa tecnologia per diagnosticare le occlusioni delle vie lacrimali
Un esame mininvasivo, in tempi rapidi e con immagini di alta qualità: è la TC Revolution, una TAC con tecnologia diagnostica d’avanguardia di cui si è dotato il reparto di Radiologia dell’Ospedale San Carlo di Nancy di Roma. L’ultima generazione della tomografia computerizzata ha portato ad ampliare i campi di applicazione: i casi d’utilizzo di […]
La Società Oftalmologica Italiana compie 150 anni. Piovella (Presidente SOI): «Garantire a tutti le migliori terapie»
«Il nostro obiettivo è dare le cure migliori a tutti, noi non vogliamo fare scelte o discriminazioni. Per me una persona ha lo stesso valore di un'altra, indipendentemente dall’età o dalla professione che svolge». Queste le parole del Presidente della SOI a Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo