Professioni Sanitarie 23 Aprile 2020

«La pandemia mette alla prova la capacità di adattamento di tutti». Il ruolo dei terapisti occupazionali all’epoca del Covid-19

Gabriella Casu (Associazione Italiana Terapisti Occupazionali): «Ci aspettiamo di essere impegnati anche nello studio degli effetti dello smart working sulle dinamiche familiari e sulla sfera della produttività e del tempo libero. Potremmo avere un ruolo importante all’interno delle scuole per facilitare l’utilizzo della teledidattica»

di Isabella Faggiano

I professionisti sanitari sono alle prese con nuove metodiche di lavoro, i pazienti sperimentano forme diverse di riabilitazione, le famiglie riorganizzano di continuo la propria routine per adeguarsi alle regole previste dal distanziamento sociale. «Siamo di fronte ad un momento epocale che sta mettendo alla prova la capacità di adattamento di tutti, non solo di coloro che si trovano ad affrontare in prima persona il Coronavirus», commenta Gabriella Casu, dell’Ufficio di Presidenza Aito, l’Associazione Italiana Terapisti Occupazionali. E non è un caso che l’adattamento dell’individuo sia uno dei principali obiettivi del terapista occupazionale, chiamato ad individuare ed esaltare gli aspetti motivazionali e le potenzialità personali.

«Emergenze come quelle attuali – continua Casu – scardinano i ruoli sociali, mettono alla prova la nostra resistenza al cambiamento, la capacità di lavoro sottopressione, l’abilità di gestire l’ansia. Siamo preoccupati, più del solito, di andare a lavoro, di perderlo e di portare a casa, ai nostri cari, la malattia».

LEGGI ANCHE: LOGOPEDISTI E COVID-19, ROSSETTO (FLI): «AIUTIAMO I PAZIENTI A RIACQUISIRE LE CAPACITA PERDUTE, COME ALIMENTARSI PER VIA ORALE»

Dall’inizio dell’emergenza, Aito ha prodotto del materiale grafico chiamato “i consigli di Aito”, dedicato ai professionisti, ai genitori, alle famiglie, ai caregiver delle persone con demenza. «Rifugiamoci in ciò che sappiamo fare meglio – suggerisce la terapista occupazionale -,  organizzando le attività quotidiane, favorendo la partecipazione ed evitando l’isolamento e la deprivazione occupazionale. È proprio l’occupazione – aggiunge Gabriella Casu – a rafforzare la nostra identità, a poter ripristinare le abitudini e la normalità».

I terapisti occupazionali hanno dovuto rimodulare le terapie dei centri diurni e dei day hospital, chiusi da decreto, e di molti dei trattamenti a domicilio. «Il terapista occupazionale sta sperimentando il lavoro da casa – spiega Casu – sulla scia delle esperienze degli altri Paesi. E la teleriabilitazione potrebbe essere un ottimo strumento da utilizzare per la valutazione, l’intervento, il monitoraggio, la supervisione e la consulenza».

Altri professionisti sanitari, invece, si sono ritrovati a lavorare a stretto contatto con i pazienti affetti da Covid-19. «I terapisti occupazioni che lavorano nei reparti di terapia intensiva degli ospedali Covid hanno il compito di valutare la necessità di dispositivi di posizionamento per preservare l’integrità articolare e ridurre il rischio di lesioni cutanee dovute alla pressione prolungata a letto. Più complesso – sottolinea la professionista – è, invece, il lavoro del terapista occupazionale nei reparti di terapia sub-intensiva: i pazienti ricoverati sono persone debilitate sia fisicamente che emotivamente, mostrano segni di astenia, difficoltà di movimento, deficit del sistema nervoso periferico e centrale, come la perdita dell’olfatto e del gusto. In molti casi, inoltre, sono confusi e disorientati. Per questi pazienti i programmi di terapia occupazionale sono utili ad alleviare alcuni dei problemi di isolamento, deprivazione sensoriale e occupazionale, l’inattività cognitiva, tutti fattori che mettono a rischio il benessere a lungo termine».

LEGGI ANCHE: TERAPISTI OCCUPAZIONALI, PAPINO (AITO): «CI PRENDIAMO CURA DI CHI HA PROBLEMI DI ‘BENESSERE’. ORA SEDIAMOCI AI TAVOLI PER MIGLIORARE LA QUALITÀ»

E mentre alcuni professionisti lavorano a distanza o in prima linea, altri immaginano come il lavoro del terapista occupazionale possa evolvere nella fase due, periodo in cui molte persone torneranno ad uscire, ma molte altre continueranno a restare a casa, soprattutto bambini ed adolescenti, che non torneranno a scuola: «I professionisti Aito – dice Casu – sono convinti che il terapista occupazionale possa avere un ruolo importante all’interno delle scuole per facilitare l’utilizzo della teledidattica. Molti bambini non riescono a tenere tempi di concentrazione appropriati alle lezioni online, così il terapista occupazionale potrebbe fornire loro supporto adattando l’attività o partecipando alla scelta di tecnologie assistive adeguate. Favorendo, in tal modo, l’inclusività e pertanto lavorando con insegnanti, genitori e alunni in un team che si pone come obiettivo l’abbattimento delle barriere ambientali e sociali e il corretto utilizzo di ausili che facilitano non solo l’apprendimento ma anche una partecipazione inclusiva, quindi basata sulla sicurezza e l’omogeneità dei sistemi e dei contesti».

E anche quando saremo pronti a lasciare la fase due per avventurarci in un nuovo periodo di assestamento post pandemia, per i terapisti occupazionali potrebbero esserci nuovi impegni all’orizzonte: «In futuro – conclude Gabriella Casu – ci aspettiamo di essere impegnati anche nello studio degli effetti dello smart working sulle dinamiche familiari e sulla sfera della produttività e del tempo libero».

 

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Coronavirus, Gimbe: «In 7 giorni +23% nuovi casi. Stop a posizioni estreme che disorientano cittadini»
Nell’ultima settimana +328 nuovi casi, +361 “attualmente positivi” e, per la prima volta dopo mesi salgono i ricoverati con sintomi (+17). Dei 12.609 attualmente positivi il 53% è in Lombardia, il 37,4% tra Emilia-Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Toscana e il 9,6% nelle altre regioni. I dati della Fondazione Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»