Professioni Sanitarie 13 Giugno 2022 17:08

Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»

A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»

di Francesco Torre

I due anni di emergenza pandemica sono stati particolarmente difficili per i professionisti della sanità che si sono trovati a fronteggiare un virus sconosciuto e afflussi record in ospedale e negli studi medici. Una sfida che ha riguardato anche la gestione del rischio e la possibilità per gli operatori di lavorare in sicurezza: nella prima ondata Covid tanti, troppi professionisti della sanità hanno perso la vita mentre svolgevano il loro prezioso lavoro di assistenza. Ne abbiamo parlato con Paolo Casalino, presidente della commissione d’Albo dei Tecnici di Laboratorio di Roma e dirigente delle professioni sanitarie al Policlinico Tor Vergata che sottolinea l’importanza del lavoro in équipe, uno dei lasciti più importanti della vicenda pandemica.

Gestione del rischio priorità per evitare contagi

«La nuova nomina come dirigente dell’area tecnica diagnostica assistenziale è combaciata con l’inizio della pandemia. Le criticità che abbiamo avuto come professioni sanitarie è stata quella di organizzarci per trovare la gestione in ambito di sicurezza» ha spiegato Casalino ai nostri microfoni.

Naturalmente, anche prima della pandemia la gestione del rischio è sempre stata una priorità per alcune professioni. «I tecnici di laboratorio e i tecnici di radiologia avevano già una esperienza nell’ambito della loro professione: Noi TLB lavoravamo già in laboratorio con il BLS3 e i tecnici di radiologia già gestivano pazienti con sintomatologia infettiva».

Casalino ricorda che «la difficoltà era anche quella di creare percorsi ben definiti. Noi ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere, quindi abbiamo dedicato dei laboratori esclusivamente ai tamponi Covid e lì è stato formato il personale: i test che andavamo a fare erano soprattutto quelli molecolari e non tutto il personale era formato nell’ambito di questi test. Poi ovviamente c’era la sicurezza in ambito di vestizione e svestizione e di gestione del campione infettivo».

Le difficoltà in radiologia

Le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica che è stata anche approvata dall’Agenas. Diverso invece il lavoro in radiologia: «Qui abbiamo avuto qualche criticità soprattutto sulla gestione del paziente: abbiamo dovuto creare due linee. Una dove andavano i pazienti Covid e una dove ancora continuavano ad arrivare pazienti non Covid. Occorrono due professionisti per gestire un paziente Covid perché c’è chi esegue l’esame e chi rimane fuori dalla sala. Lì ugualmente abbiamo avuto la problematica della vestizione e svestizione, è un momento non facile dove alcuni errori possono portare al contagio».

La gestione del rischio per le altre professioni

Non solo TSRM e TLB hanno avuto difficoltà nel gestire il rischio ed evitare il contagio. «Altri professionisti che hanno lavorato in situazioni critiche sono i perfusionisti. Molti pazienti che sono stati trattati a livello di ECMO: anche lì due tecnici, uno all’interno e uno all’esterno, per gestire il paziente. La gestione di questi pazienti non è stata facile. Così come in neurofisiopatologia: noi andavamo a fare dei test all’interno dei reparti dove c’erano pazienti positivi. I tecnici di neurofisiopatologia che andavano a fare questi test dovevano le accortezze che aveva il personale che gestiva il paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...