Professioni Sanitarie 13 Giugno 2022 17:08

Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»

A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»

di Francesco Torre

I due anni di emergenza pandemica sono stati particolarmente difficili per i professionisti della sanità che si sono trovati a fronteggiare un virus sconosciuto e afflussi record in ospedale e negli studi medici. Una sfida che ha riguardato anche la gestione del rischio e la possibilità per gli operatori di lavorare in sicurezza: nella prima ondata Covid tanti, troppi professionisti della sanità hanno perso la vita mentre svolgevano il loro prezioso lavoro di assistenza. Ne abbiamo parlato con Paolo Casalino, presidente della commissione d’Albo dei Tecnici di Laboratorio di Roma e dirigente delle professioni sanitarie al Policlinico Tor Vergata che sottolinea l’importanza del lavoro in équipe, uno dei lasciti più importanti della vicenda pandemica.

Gestione del rischio priorità per evitare contagi

«La nuova nomina come dirigente dell’area tecnica diagnostica assistenziale è combaciata con l’inizio della pandemia. Le criticità che abbiamo avuto come professioni sanitarie è stata quella di organizzarci per trovare la gestione in ambito di sicurezza» ha spiegato Casalino ai nostri microfoni.

Naturalmente, anche prima della pandemia la gestione del rischio è sempre stata una priorità per alcune professioni. «I tecnici di laboratorio e i tecnici di radiologia avevano già una esperienza nell’ambito della loro professione: Noi TLB lavoravamo già in laboratorio con il BLS3 e i tecnici di radiologia già gestivano pazienti con sintomatologia infettiva».

Casalino ricorda che «la difficoltà era anche quella di creare percorsi ben definiti. Noi ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere, quindi abbiamo dedicato dei laboratori esclusivamente ai tamponi Covid e lì è stato formato il personale: i test che andavamo a fare erano soprattutto quelli molecolari e non tutto il personale era formato nell’ambito di questi test. Poi ovviamente c’era la sicurezza in ambito di vestizione e svestizione e di gestione del campione infettivo».

Le difficoltà in radiologia

Le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica che è stata anche approvata dall’Agenas. Diverso invece il lavoro in radiologia: «Qui abbiamo avuto qualche criticità soprattutto sulla gestione del paziente: abbiamo dovuto creare due linee. Una dove andavano i pazienti Covid e una dove ancora continuavano ad arrivare pazienti non Covid. Occorrono due professionisti per gestire un paziente Covid perché c’è chi esegue l’esame e chi rimane fuori dalla sala. Lì ugualmente abbiamo avuto la problematica della vestizione e svestizione, è un momento non facile dove alcuni errori possono portare al contagio».

La gestione del rischio per le altre professioni

Non solo TSRM e TLB hanno avuto difficoltà nel gestire il rischio ed evitare il contagio. «Altri professionisti che hanno lavorato in situazioni critiche sono i perfusionisti. Molti pazienti che sono stati trattati a livello di ECMO: anche lì due tecnici, uno all’interno e uno all’esterno, per gestire il paziente. La gestione di questi pazienti non è stata facile. Così come in neurofisiopatologia: noi andavamo a fare dei test all’interno dei reparti dove c’erano pazienti positivi. I tecnici di neurofisiopatologia che andavano a fare questi test dovevano le accortezze che aveva il personale che gestiva il paziente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali