Professioni Sanitarie 20 Aprile 2020 15:23

Covid19, Orlandi (Fisici-Chimici): «Limitare responsabilità dei professionisti sanitari alle condotte dolose»

Anche la Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici ha aderito alle richieste elaborate dalla Consulta permanente delle professioni sanitarie e socio-sanitarie in tema di responsabilità professionale

Lo scorso 17 aprile, la Consulta permanente delle professioni sanitarie e socio-sanitarie e referenti del Ministero della Salute si sono confrontati in videoconferenza sul tema dei diversi “profili giuridici di responsabilità professionale” in materia di Covid-19.

La Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e dei Fisici assieme ad altre nove Federazioni e i Consigli Nazionali hanno formulato e firmato una proposta unitaria di modifica della Legge 8 marzo 2017, n. 24 e dell’articolo 590 sexies del Codice penale. In particolare, è stata rilevata la necessità di inserire nell’ordinamento una disposizione di carattere eccezionale che esoneri i professionisti socio-sanitari coinvolti nel fronteggiare l’emergenza coronavirus da responsabilità in sede civile, penale e amministrativo-contabile, evitando un lungo coinvolgimento giudiziario prima di poter vedere riconosciuta l’estraneità e la legittimità dei comportamenti tenuti. Per tale ragione Federazioni e Consigli Nazionali hanno chiesto che venga inserita nell’ordinamento una disposizione di carattere eccezionale che ne limiti la responsabilità ai soli casi di dolo.

«In questo periodo di emergenza sanitaria ed economica – sottolinea Nausicaa Orlandi, Presidente FNCF –  tutti i professionisti sanitari e sociosanitari, compresi Chimici e Fisici, che operano in ambito ospedaliero e sanitario sono in prima linea in questa battaglia nell’assistenza e nella cura dei malati di COVID-19. Questi professionisti sono esposti direttamente al rischio di contagio e tutti i giorni lavorano in condizioni di grave criticità strutturale e organizzativa, come ad esempio la carenza di attrezzature, strumenti e dispositivi di protezione individuali. Per questi professionisti che operano in ambito sanitario, ma anche per tutti i professionisti impegnati negli ambiti della prevenzione della salute e sicurezza sul lavoro, nella gestione ambientale anche correlata all’emergenza, e nelle attività di analisi e monitoraggio, riteniamo necessario modificare urgentemente la legge 8 marzo 2017, n. 24 e dell’articolo 590 sexies del Codice penale, e in particolare l’aspetto che riguarda la responsabilità professionale del personale sanitario, inserendo una norma depenalizzante che limiti la responsabilità alle sole ipotesi di condotte dolose».

Articoli correlati
Diagnosi tardiva, medico rischia condanna dopo 30 anni
Con la sentenza n. 34813/2021 la Cassazione stabilisce che il medico è tenuto al risarcimento per l’omessa diagnosi di una patologia terminale, anche se questa è ininfluente sul decorso della malattia. Il motivo? Violato il diritto del paziente terminale di scegliere come affrontare la prospettiva della morte ormai prossima
Riforma Cartabia e deindicizzazione: tra legge e informazioni utili per i sanitari
Come incide la Riforma Cartabia del processo penale su “diritto all’oblio” e “diritto alla deindicizzazione”? La legge (e un esempio pratico di applicazione della normativa) spiegata dagli esperti della rete di Consulcesi & Partners
Perché per la responsabilità medica le compagnie offrono solo polizze con claims made?
I motivi che hanno spinto le compagnie assicurative a passare dal regime della loss occurrence a quello della claims made
di Cristina Lombardo, Avvocato operante nell’ambito della RC medica, e Attilio Steffano, Presidente Assimedici e CEO HSM
Clausola Claims Made: quando e perché un sinistro è risarcibile
Come funziona la clausola Claims Made? Quando un sinistro è risarcibile e quando non lo é? Quello che è necessario sapere
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Polizze assicurative, occhio alle clausole ambigue
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre