Professioni Sanitarie 16 Giugno 2020

Audiometristi, Sardone (AITA): «Neonati e anziani i soggetti più a rischio di ipoacusia. Urgente recuperare i controlli annullati dal lockdown»

Recenti evidenze scientifiche allargano la platea dei nuovi potenziali pazienti, il presidente AITA: «Gli anziani affetti da una particolare forma di ipoacusia, causata dall’impoverimento di alcune fibre neurali, hanno un rischio dieci volte maggiore di sviluppare una demenza»

di Isabella Faggiano

Non sono stati in prima linea durante la fase più critica dell’emergenza, ma lo saranno nei prossimi mesi per assistere tutti quei pazienti che durante il lockdown hanno dovuto rinunciare alle cure. «A pagare le conseguenze della chiusura degli ambulatori di audiometria sono stati soprattutto i neonati e gli anziani, le fasce più fragili della popolazione – spiega Rodolfo Sardone, presidente AITA, l’Associazione italiana tecnici audiometristi -. L’interruzione delle prestazioni non urgenti ha interrotto i controlli periodici di molti malati cronici, compresi coloro che sono affetti da ipoacusia, il core competence dell’audiometrista».

I primi nella lista delle prestazioni da recuperare sono i più piccoli: «Nel pieno dell’emergenza, in molti ospedali italiani, non è stato possibile effettuare lo screening audiologico neonatale, fondamentale per una diagnosi precoce dell’ipoacusia – precisa il presidente AITA -. Non evidenziare eventuali deficit in tempo può compromettere il normale sviluppo del linguaggio. Anche molti anziani, altre vittime dell’ipoacusia, hanno dovuto rinunciare ai necessari controlli dell’udito. Per questo – sottolinea Sardone – sarà molto importante potenziare il territorio aumentando l’offerta di controlli audiometrici. Sarà possibile, eventualmente, sfruttare i device di telemedicina già esistenti, approvati e recentemente entrati in commercio anche sul mercato europeo, dispositivi che permettono di effettuare test audiometrici a distanza, seguendo così l’evoluzione della soglia uditiva del paziente».

LEGGI ANCHE: «ECCO PERCHÉ LA RADIOLOGIA DOMICILIARE PUÒ RAPPRESENTARE UN’ARMA IN PIÙ CONTRO IL COVID-19»

Un’altra categoria di individui da assistere nel post lockdown sono coloro che soffrono di disturbi vestibolari: «Si tratta di una piccola nicchia – spiega il presidente AITA – ma sappiamo che tenere sotto controllo i deficit dell’equilibro cronico è di fondamentale importanza per la prevenzione delle cadute, soprattutto negli anziani. Ci aspetta sicuramente un gran da fare, ma occupandoci di patologie croniche e non di acuzie recupereremo senz’altro il tempo perduto, senza lasciare nessuno indietro», assicura Sardone.

Intanto, recenti evidenze scientifiche hanno allargato la platea dei nuovi potenziali pazienti. «Uno studio al quale ho contribuito – commenta Sardone – condotto all’IRCCS De Bellis, istituto di ricerca pugliese di Castellana Grotta, in provincia di Bari, cambia il ruolo dell’audiometrista, non più indirizzato unicamente verso l’otorinolaringoiatria e l’audiologia, ma anche verso la neurologia e la neuropsicologia cognitiva. Da circa 20 anni osserviamo una popolazione di anziani per valutarne, tra le altre cose, quanti tra coloro che sono affetti da presbiacusia hanno sviluppato una forma di demenza o stadi di pre-demenza. È risultato – aggiunge il presidente AITA – che i soggetti affetti da una particolare forma di ipoacusia, non legata direttamente all’orecchio ma all’impoverimento di alcune fibre neurali, hanno un rischio dieci volte maggiore di sviluppare una demenza rispetto al resto degli anziani. Un dato che cambia il lavoro dell’audiometrista, non più semplice tecnico della diagnosi, ma anche professionista sanitario in grado di seguire malati cronici, osservando che l’ipoacusia non peggiori e mettendo in atto interventi di tipo riabilitativo».

Nuove mansioni sulle quali dovranno prepararsi anche i professionisti del domani: «Purtroppo la pandemia ha penalizzato molto anche gli studenti del corso di laurea in Tecniche Audiometriche che pur usufruendo della didattica online – dice Sardone -, hanno dovuto rinunciare al tirocinio, cuore della formazione dell’audiometrista. Per questo abbiamo creato dei tutorial che potessero sostituire l’attività pratica sul paziente, anche se a distanza. Video – conclude Sardone – che rappresenteranno una risorsa importante per tutti i professionisti di categoria e non solo per le nuove leve».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ansoc: «Necessaria revisione tariffaria delle prestazioni odontoiatriche»
di Walter Di Fulvio, Presidente Associazione Nazionale Studi Odontoiatrici Convenzionati
di Walter Di Fulvio, Presidente Associazione Nazionale Studi Odontoiatrici Convenzionati
L’enfant prodige della podologia, a 28 anni Direttrice di Corso di Laurea: «Passione e impegno, ma come donna non è stato facile»
Alive Volpini, giovane podologa di Frascati è anche coordinatrice di due master professionalizzanti a Tor Vergata, un unicum in Italia. «Agli studenti dico che il medico salva la vita del paziente, mentre il professionista sanitario migliora la sua qualità di vita, bisogna avere la capacità di mettersi a disposizione degli altri»
Troppe fratture ai denti e dolori alla mascella durante il lockdown, una dentista spiega cosa li causa
Anche voi avete avuto mal di denti durante il lockdown? Fino ad arrivare a vere e proprie fratture. Una dentista spiega perché e che fare per limitarle
«Alcune proposte per i massofisioterapisti»
di Alessandro Bagattini, Matteo Zaffagnini, Fabrizio Lorenzoni, Paolo Pasqualetto e Marco Bettin (Massofisioterapisti iscritti all'elenco speciale ad esaurimento)
di Massofisioterapisti iscritti all'elenco speciale ad esaurimento
Fno Tsrm-Pstrp: «Non solo medici. Scuole devono poter contare sul contributo di tutte le professioni sanitarie»
Per migliorare il legame tra istruzione e sanità: integrare le attività didattiche con incontri tra diversi professionisti sanitari e gli studenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 settembre, sono 31.870.904 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 976.311 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...