Professioni Sanitarie 11 Giugno 2020

«Ecco perché la radiologia domiciliare può rappresentare un’arma in più contro il Covid-19»

Più territorio e meno ospedale. È uno degli slogan più gettonati nel corso di questa coda della pandemia da Covid-19: l’emergenza ha infatti messo sotto stress il Sistema sanitario nazionale e premiato quelle regioni che hanno puntato sulla medicina di territorio. Ora però dagli slogan è necessario passare ai fatti, considerando anche il possibile arrivo […]

di Andrea Lenza, Presidente CdA TSRM Roma e Provincia

Più territorio e meno ospedale. È uno degli slogan più gettonati nel corso di questa coda della pandemia da Covid-19: l’emergenza ha infatti messo sotto stress il Sistema sanitario nazionale e premiato quelle regioni che hanno puntato sulla medicina di territorio. Ora però dagli slogan è necessario passare ai fatti, considerando anche il possibile arrivo in autunno di seconda ondata dell’epidemia. Per questo secondo noi un grande contributo può arrivare dalla Radiologia Domiciliare.

Le ultime vicissitudini della fase 1 del Covid-19, in particolare la massiva diffusione del virus nelle Residenze sanitarie per anziani (RSA), portano a fare qualche considerazione sulla attuale situazione della struttura della popolazione e sulla necessità di modificare il funzionamento della rete dei servizi ospedalieri ed extraospedalieri, giacché al trattamento delle patologie acute, da sempre cardine della attività sanitarie, si va affiancando l’esigenza di prendersi cura di un grande numero di anziani affetti da patologie croniche evolutive.

L’impiego della Radiologia Domiciliare, da sempre, offre il vantaggio di venire incontro alle esigenze di persone anziane, disabili e malati le cui condizioni di salute non permettono o rendono difficile il trasporto in una struttura ospedaliera; riduce i tempi di attesa, ulteriore fattore di grande disagio per questi pazienti fragili; comporta benefici economici, dovuti alla riduzione della eventuale perdita di giornate lavorative degli accompagnatori dei pazienti. La Radiologia Domiciliare, inoltre, produce significativi benefici relazionali ed umani, tenendo fede alla missione principale di considerare, prima di tutto, la persona e la qualità delle cure. Se nell’ambiente ospedaliero i momenti dedicati all’ascolto dei problemi della persona e della sua famiglia sono ridotti all’essenziale, i professionisti operanti al domicilio sono investiti da un impegno tecnico e umano superiore a quello richiesto e garantito nelle strutture ospedaliere. Entrare in casa di un paziente, anche non fragile, significa, infatti, entrare in un contesto domestico in cui l’assenza di barriere tecnologiche e l’informalità derivante dalla natura del setting stravolgono il rapporto tra professionista sanitario e paziente.

Alla luce delle criticità che la pandemia ha messo in evidenza, l’implementazione della Radiologia Domiciliare assume particolare rilevanza se si pensa che, sul fronte sanitario, l’ospedalizzazione rappresenta sempre e comunque un rischio per potenziali contagi; sul fronte dell’ottimizzazione delle risorse, la Radiologia Domiciliare, in aggiunta al tampone rino-faringeo, può diventare servizio complementare, poiché riduce la congestione degli accessi al Pronto soccorso e alle radiologie ospedaliere; sul fronte relazionale e psicologico, migliora la relazione tra pazienti e professionisti.

In Italia, la Radiologia Domiciliare è un servizio che risulta offerto quasi esclusivamente da enti privati, ma, nell’ottica di un’emergenza sanitaria come quella del Covid-19, e come già dimostrato in altre esperienze nel nostro Paese, il servizio andrebbe sostenuto e anche istituzionalizzato presso le aziende sanitarie, attraverso l’attivazione di adeguate procedure operative che consentano una pianificazione dell’attività, l’esecuzione della prestazione radiologica in sicurezza per gli operatori tecnici di radiologia e per i pazienti e i loro familiari, il rispetto dei percorsi di appropriatezza della prestazione, la refertazione contestuale da parte del medico radiologo, l’archiviazione delle immagini radiografiche e dello stesso referto secondo i criteri della telemedicina. La Radiologia Domiciliare rappresenta non solo un valido strumento per fronteggiare l’emergenza sanitaria per Covid-19, ma rientra a pieno titolo in una strategia a lungo termine, vincente perché integra tecnologia e assistenza continuativa, appropriatezza clinica e organizzativa, competenze relazionali, con il fine di promuovere la qualità di vita, e non solo la semplice cura delle malattie.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Giornata mondiale della Radiologia, i tecnici: «Il nostro contributo per la sicurezza dei pazienti»
In occasione della Giornata mondiale della radiologia, l’International Society of Radiographers and Radiological Technologists (ISRRT) ha realizzato una pubblicazione alla cui stesura  hanno partecipato i TSRM Roberta Gerasia (ISMETT di Palermo) e e Matteo Migliorini 
Professioni sanitarie, Bortone (CONAPS): «Pronti a collaborare per elezioni Commissioni d’Albo. All’orizzonte c’è sfida culturale»
Il presidente del Coordinamento Nazionale Associazioni professioni sanitarie sottolinea: «Molti detrattori pronosticavano un insuccesso di questa casa comune, invece abbiamo vinto sfida». Poi aggiunge: «Attendiamo ancora un decreto ministeriale che rappresenta la composizione della Commissione nazionale degli Albi»
1 Luglio 2019, un anno di iscrizioni agli Ordini TSRM PSTRP. Il Presidente Beux: «Stiamo costruendo la cattedrale delle professioni sanitarie»
«Un anno fa, 1° luglio 2018, si sono aperte le iscrizioni agli albi di cui al DM 13 marzo 2018. Dei 192mila professionisti stimati da censire, attualmente al portale se ne sono registrati 150mila, dei quali 110mila hanno terminato l’iter e risultano iscritti ai relativi albi. Invito i colleghi iscritti a partecipare al 1° Congresso nazionale della FNO TSRM PSTRP che si terrà a Rimini dall'11 al 13 ottobre 2019» così Alessandro Beux, presidente FNO TSRM PSTRP
“Tra le onde il futuro”: al via il VI Congresso Nazionale dei medici radiologi SNR-FASSID
Oggi alle 14,30 si apre presso il Teatro Massimo di Siracusa il XVI Congresso Nazionale dei medici radiologi SNR-FASSID. Al Congresso, presieduto da Giuseppe Capodieci, presenzieranno l’Assessore alla Salute Ruggero Razza, l’Assessore all’Istruzione e alla Formazione professionale Roberto Lagalla, l’Assessore alla Famiglia Antonio Scavone, segno del grande interesse col quale la Regione Sicilia segue lo […]
Professioni sanitarie, Capaccioli (Tsrm-Pstrp): «Attendiamo ultimi decreti per rendere operativo Ordine. 70% professionisti già iscritto»
«Ancora non abbiamo dati numerici oggettivi delle possibili criticità». E sulla finalità degli elenchi speciali: «Evitano di creare un problema di carattere sociale» così il Vice Presidente della Federazione nazionale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...