Politica 1 aprile 2014

In sanità il futuro è oggi, riflettori puntati su App e responsabilità professionale

Intervista al dott. Raffaele Zinno, segretario nazionale SISMLA: “Sulle assicurazioni si interfaccino pubblico e privato”

Immagine articolo

Cavalcare l’onda del cambiamento, per non esserne travolti. E’ un messaggio ottimista e al tempo stesso pragmatico  quello lanciato dal dottor Raffaele Zinno, segretario nazionale SISMLA (Sindacato Italiano Specialisti in Medicina Legale e delle Assicurazioni), che Sanità Informazione ha intervistato sui temi attualmente più caldi per la sanità italiana.

Partiamo dalle nuove tecnologie e dal supporto che offrono nella riduzione dei costi e nell’implementazione dei servizi, come nel caso del Fascicolo Sanitario Elettronico e delle App mediche.Tutti i dati raccolti con l’E-medicine costituiscono un valido strumento per dimostrare in sede giudiziaria la validità di un trattamento terapeutico effettuato – osserva il segretario nazionale –  e soprattutto rendono più facile per il medico avere un quadro globale sulle condizioni di un proprio paziente. Sono innovazioni che, se ben gestite – continua Zinno – permettono di passare dalla ‘cura della malattia’ alla ‘cura del paziente’, con una identificazione accurata e personalizzata di specifici percorsi diagnostici e terapeutici”.

Un altro punto nevralgico per i camici bianchi è quello della responsabilità professionale, con lo spauracchio del contenzioso sempre dietro l’angolo. “Uno dei problemi fondamentali per il medico – aggiunge Zinno – è quello di essere costretto a provare la sua innocenza, avendo la giurisprudenza rovesciato su questi l’onere della prova”. Per quanto riguarda l’imminente obbligo assicurativo, il rischio secondo Zinno è che “gli interessi in gioco si disperdano, mentre mai come ora è necessario ragionare in termini di confronto per la scelta di soluzioni condivise. Che le assicurazioni guardino al profitto non è uno scandalo né una colpa – osserva Zinno – ciò che conta è fare fronte comune per creare un sistema che garantisca i diritti di tutte le parti in causa. In quest’ambito vedrei di buon occhio una sinergia tra pubblico e privato”. La ricerca di soluzioni comuni in tal senso è un terreno su cui il SISMLA è particolarmente ferrato. “Noi medici legali siamo ‘terzi’ per definizione – commenta il dottore – e quindi potenziali facilitatori di questo processo. Attualmente lavoriamo a una proposta di legge e stiamo creando un luogo comune di confronto, il centro studi ‘Biodiritto e Giustizia Sociale’, dove ci impegneremo nell’elaborare proposte condivise. Dobbiamo unire le forze – conclude Zinno – perché il mondo e le sue regole stanno cambiando: a noi il compito di governarle, per non lasciarci travolgere”.

Articoli correlati
Top Employers Italia 2019: anche quest’anno Merck ottiene la prestigiosa certificazione
Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha ricevuto anche quest’anno la prestigiosa certificazione Top Employers. L’ambito riconoscimento, rilasciato dal Top Employers Institute, vuole premiare le aziende che hanno dimostrato eccellenti condizioni di lavoro. Merck è stata premiata per la terza volta consecutiva. In particolare, il Top Employers Institute ha riconosciuto i risultati dell’azienda […]
Ecco il guanto sensorizzato che insegna ad operare, valuta la funzionalità della mano e traduce la lingua dei segni
Sembra uscito da un film di supereroi, il guanto ‘sensorizzato’ inventato dal professor Giovanni Saggio dell’università Tor Vergata di Roma. A vederlo sembra un guanto comune, ma è l’unico in grado di misurare i movimenti della mano, valutando ogni singola articolazione delle dita. Può pilotare a distanza una mano robotica e controllare oggetti virtuali, può […]
Ricerca clinica, ecco Nora: il software al servizio dei pazienti e della scienza
Lilija Kircheis (Boehringer Ingelheim): «Gli Stati Uniti rappresentano il Paese di partenza, ma il nostro impegno è verso tutti i pazienti del mondo»
di Isabella Faggiano
Palermo, rinnovate e digitalizzate le sale operatorie dell’ospedale Giglio di Cefalù
Un investimento di risorse pari a circa un milione di euro e un intervento durato un mese. «È stato fatto un ulteriore passo avanti – afferma il presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano – per una sanità 4.0. Lavoriamo per realizzare un ospedale pronto a competere con le migliori realtà siciliane». Le novità? «Nelle sale operatorie […]
Venezia, eseguito intervento di protesi alla spalla con il supporto del Gps
Protesi alla spalla impiantata con l’aiuto del navigatore Gps (Guide Personalized Surgery). E’ successo per la prima volta in Veneto all’ospedale di San Donà di Piave (Venezia) e si tratta di una tecnologia già utilizzata nelle protesi di anca e di ginocchio. Come funziona? «Il Gps permette di impiantare una protesi di spalla con la guida […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...