Politica 22 Settembre 2022 12:34

Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza

Dal PNRR alla formazione continua, dalle esigenze del personale sanitario alla riforma del Numero chiuso. Alla vigilia delle elezioni, il quadro generale del Ministro uscente

Tre anni da Ministro della Salute, il bilancio di Roberto Speranza

Il Servizio sanitario nazionale è «il bene più prezioso che abbiamo». Lo abbiamo capito con la pandemia da Covid-19, la quale «ha convinto tutti della necessità del rilancio della sanità pubblica». Per questo, il Ministro della Salute uscente, Roberto Speranza, rilasciando un’intervista a Quotidiano Sanità a pochi giorni dalle elezioni che cambieranno faccia a Parlamento e Governo, auspica che «l’importanza della tutela» del Ssn non sia mai più «messa in discussione» e che la spesa sanitaria «non scenda mai più al di sotto del 7% del Pil». L’esecutivo che verrà formato a seguito del voto del prossimo 25 settembre dovrà, a detta di Speranza, difendere e rafforzare l’«impianto universalistico del Ssn» e «avvicinare ogni giorno la vita delle persone ai principi dell’articolo 32 della nostra Costituzione». Per farlo, continua Speranza, serve «continuare ad investire risorse che andranno ancora accresciute», oltre che «continuare sul terreno avviato delle riforme».

PNRR, assistenza territoriale, riforma dei medici di famiglia. A che punto siamo?

«Dopo la pandemia – spiega Speranza – è apparso ancora più urgente rafforzare l’assistenza territoriale per dare risposte concrete ai bisogni di salute di una popolazione sempre più anziana». È per questo che con il PNRR «abbiamo puntato su teleassistenza, telemedicina e abbiamo deciso di portare l’assistenza domiciliare per gli over 65 al 10% affinché la casa diventi realmente il primo luogo di cura».

Altro tassello fondamentale è rappresentato dalla costituzione delle Case di Comunità: «In questo modello – spiega il Ministro della Salute – i medici di medicina generale, con la loro straordinaria rete di capillarità, svolgono un ruolo determinante. La riforma annunciata Draghi e poi bloccata dalla caduta del governo ha l’obiettivo fondamentale di superare la separatezza tra il lavoro del medico di medicina generale e il resto del Servizio Sanitario Nazionale. Su questo punto c’era già stato un confronto proficuo con l’Ordine, i principali sindacati e le Regioni. Spero che sia portata avanti dopo il 25 settembre». Un ruolo fondamentale in questo progetto lo ricoprono anche le farmacie, le quali «rappresentano un tassello rilevante della sanità di prossimità. È questa una delle certezze che abbiamo acquisito nel corso della pandemia, anche attraverso il contributo essenziale che i farmacisti hanno dato alla campagna di vaccinazione» e «all’esecuzione dei tamponi. L’esperienza della “farmacia dei servizi” che abbiamo conosciuto durante l’emergenza è un modello virtuoso da promuovere e implementare».

Formazione continua: il sistema di aggiornamento professionale vada cambiato?

Elemento imprescindibile per la tenuta e il buon funzionamento del servizio sanitario, così come emerso durante la pandemia, è la formazione del personale. Anche le innovazioni previste dal PNRR necessitano infatti di percorsi di aggiornamento. Il Ministro considera «fondamentale rafforzare adeguatamente i percorsi di formazione continua di tutto il nostro personale sanitario», e aggiunge: «Nei giorni più drammatici di questa emergenza, abbiamo potuto acquistare mascherine, respiratori, ma abbiamo visto come il personale non si può acquistare, o lo hai formato o non ce l’hai nel momento del bisogno. La sanità italiana può contare su professionisti straordinari, ma dobbiamo investire di più sulla formazione e incoraggiare la promozione dell’aggiornamento continuo, che è un dovere ed un’importante opportunità di crescita professionale»

Test d’ingresso a Medicina e abolizione del numero chiuso

A poche settimane dal test d’ingresso alla Facoltà di Medicina, Speranza commenta anche il dibattito che negli anni si è sviluppato intorno a questo appuntamento: «Fino ad ora il vero tema era la scarsità di specialisti – spiega –, non di laureati in medicina che c’erano ma erano intrappolati nel cosiddetto imbuto formativo». Si tratta, dunque, di un «problema superato» che Speranza rivendica come «un risultato di questo mandato. Mai come in questo ambito i numeri fotografano il cambiamento attuato in questo periodo. Per anni nel nostro Paese si finanziavano circa seimila borse all’anno. Quelle a disposizione per l’anno accademico 2020/2021 sono state in tutto 17.400. Sono il doppio di quelle di due anni fa e quasi il triplo di quelle stanziate negli anni precedenti. Per i prossimi anni le borse di specializzazione in Medicina finanziate dallo Stato saranno stabilmente 12mila e garantiranno condizioni di equilibrio per un lungo tempo. Abbiamo praticamente azzerato l’imbuto formativo».

Problemi ed esigenze del personale sanitario. Il punto di Speranza

Infine, il Ministro della Salute parla delle condizioni e delle esigenze lavorative del personale sanitario, considerato da Speranza «la leva essenziale del Servizio Sanitario Nazionale. In questi anni mi sono speso con tutte le energie per archiviare un’idea di programmazione della spesa sanitaria costruita per silos chiusi e tetti di spesa, considerando il tetto alla spesa del personale quello più insopportabile». Per Speranza la politica dei tetti va «complessivamente superata». Alcuni risultati sono stati però già realizzati: «Dal 2022 diventa permanente la possibilità di alzare il tetto del 10 per cento. A questa possibilità si aggiunge in modo strutturale il miliardo in più in legge di bilancio destinato alla spesa per il personale dell’assistenza territoriale che per la prima volta sarà considerato fuori dal tetto. Sempre in questo triennio – continua Speranza – è stata aumentata l’indennità di esclusività e sbloccata la Ria per i medici. Abbiamo poi introdotto l’indennità di specificità infermieristica. Abbiamo poi creato le condizioni per stabilizzare molti professionisti che si sono impegnati nell’emergenza Covid-19. Sono stati previsti incentivi per i medici impegnati nei servizi di emergenza-urgenza ed avviato il percorso per riconoscere il servizio prestato nel pronto soccorso come lavoro usurante. Sono segnali concreti di attenzione verso donne e uomini che danno ogni giorno un contributo essenziale alla vita del Paese. Certo si deve ancora fare molto», conclude il Ministro Speranza.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
50° Congresso SIRM. Con l’imaging ibrido i vantaggi di medicina nucleare e radiologia in un unico esame
Tra le tavole rotonde in programma, la presentazione di un’indagine condotta dalla SIRM e dal Censis sulla percezione del ruolo del radiologo nella popolazione, un incontro sulla responsabilità amministrativo-contabile e una sessione dedicata alle donne radiologo che rappresentano oltre il 50% della categoria professionale
Ricoveri ospedalieri, gli standard assistenziali sono stati rispettati con la pandemia? Il confronto tra 2020 e 2019
In base a un'indagine di www.doveecomemicuro.it nel 2020 è calata, per molti indicatori, la percentuale di ospedali in linea con le soglie minime di volume di attività fissate dalle autorità ministeriali: una conseguenza del crollo dei ricoveri dovuto alla pandemia da Covid-19
Dall’intelligenza artificiale alla radiologia interventistica: è nell’hi-tech il futuro della Radiologia Medica
Il Congresso si svolgerà dal 6 all’8 ottobre presso il “Roma Convention Center - La Nuvola”. Miele (SIRM): «La tecnologia non sostituisce mai, e in alcun modo, l’operato del medico radiologo. Nello specifico l’intelligenza artificiale aiuta lo specialista ad essere più preciso e lo supporta nel processo decisionale, dall’elaborazione della prognosi alla predisposizione dell’intervento terapeutico»
Attuazione PNRR, edilizia sanitaria, distribuzione farmaci e dispositivi medici: i progetti di Soresa
Sanità Informazione ha chiesto al Direttore acquisti, Nadia Ruffini, quali sono i progetti in cantiere.
Ssn e PNRR, Giannotti: «Risorse e opportunità per ridurre gap Nord-Sud»
Intervista a Vasco Giannotti, Presidente del Comitato scientifico Forum Risk Management in Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola