Politica 14 Marzo 2019

Trasparenza in Sanità, Andrea Grasso (Sicoop): «Con Sunshine Act si rafforzerà ulteriormente fiducia medico-paziente»

Al convegno “Legalità e trasparenza in ambito sanitario pubblico e privato” alla Camera si è discusso della novità della legge che renderà tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o servizi dell’industria sanitaria in favore dei professionisti del settore. Tra i relatori Stefano De Lillo, Presidente facente funzioni di Agenas e Massimo Enrico Baroni, primo firmatario della proposta di legge

Trasparenza in sanità. Un mantra che si ripete da tempo, una necessità che ora potrebbe prendere corpo concretamente nel Ddl sulla sanità trasparente, il cosiddetto Sunshine Act, che ha già avuto il via libera della Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati e che punta a creare un Registro telematico del Ministero della Salute per rendere tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o servizi dell’industria sanitaria in favore dei professionisti del settore.

Se ne è discusso oggi alla Sala Tatarella della Camera dei deputati a una tavola rotonda organizzata dalla Sicoop – Società Italiana Chirurghi Ortopedici dell’Ospedalità Privata dal titolo “Legalità e trasparenza in ambito sanitario pubblico e privato”.

LEGGI ANCHE: SANITA’ TRASPARENTE, PARLA IL RELATORE PROVENZA (M5S): NESSUNA INCOMBENZA PER I MEDICI. TRASPARENZA AFFINCHE’ IL CITTADINO TORNI A FIDARSI DEGLI OPERATORI SANITARI

All’incontro hanno partecipato il deputato del Movimento 5 Stelle, Massimo Enrico Baroni (M5S), primo firmatario della proposta di legge e Carmelo Massimo Misiti (M5S) della Commissione Bilancio e Trasparenza in sanità, l’avvocato Giorgio Calesella dello Studio Carnelutti, Andrea Grasso, Presidente nazionale Sicoop, Alberto Liguori, procuratore della Repubblica di Terni, Stefano De Lillo, Presidente facente funzioni di Agenas.

«Credo che in una fase iniziale o addirittura come in questo caso, prima ancora che il provvedimento sia legge, – ha osservato Andrea Grasso – sia importante confrontarsi per comprendere come verranno regolamentati i rapporti tra professionisti del settore e il mondo dell’azienda. Con questa proposta di legge verranno messi al primo posto i cittadini, rafforzando ulteriormente il rapporto di fiducia paziente-medico», sottolinea il presidente della Sicoop.

«Il progetto crea una protesi organizzativa moderna ed efficace non diretta a garantire la libera circolazione dei beni e dei servizi o a precludere situazioni di trust o di dominanza commerciale, ma è posta a tutela del consumatore finale, espresso nella formula solidaristica di diritto sociale del cittadino», sottolinea il procuratore Alberto Liguori.

Articoli correlati
Trasparenza del prezzo dei farmaci, risoluzione italiana all’Oms. Il ministro Grillo: «Nel nostro paese 30 miliardi investiti per l’acquisto di farmaci tra pubblico e privato»
Il documento italiano sarà discusso a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale, che si svolgerà dal 20 al 28 maggio. Il direttore generale di Aifa Li Bassi: «Ci assumiamo la responsabilità di essere i portabandiera di un’istanza internazionale»
di Isabella Faggiano
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
Sunshine Act, via libera in Commissione Affari Sociali. M5S: «Più vicino traguardo di una sanità trasparente. Nas faranno i controlli necessari»
Dovranno essere pubblicate tutte le donazioni superiori a 50 euro verso i singoli operatori della salute (o superiori a 500 euro verso le organizzazioni sanitarie). «Si tratta di un impianto normativo innovativo – sottolineano i deputati Massimo Enrico Baroni e Nicola Provenza - che porterà il nostro Paese all’avanguardia a livello internazionale nella tutela di un bene collettivo fondamentale come la salute
Tribunale della Salute, Stefano De Lillo (Agenas): «Ottima idea per rinnovare il rapporto di fiducia nei confronti della classe medica»
«La stragrande maggioranza dei contenziosi si risolvono in un nulla di fatto - specifica il presidente a Sanità Informazione - nostri medici tra i migliori a livello internazionale. Fondamentale trasmettere questo messaggio ai cittadini, per questo ho firmato petizione»
Agenas, De Lillo presidente ad interim. L’intervista all’ex senatore: «Formazione chiave per rendere assistenza sanitaria più eccellente»
In attesa della nomina del nuovo presidente, prende le redini dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali Stefano De Lillo: «Puntiamo su formazione a distanza per rendere efficace la qualità dei servizi»
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone