Politica 14 Marzo 2019 17:34

Trasparenza in Sanità, Andrea Grasso (Sicoop): «Con Sunshine Act si rafforzerà ulteriormente fiducia medico-paziente»

Al convegno “Legalità e trasparenza in ambito sanitario pubblico e privato” alla Camera si è discusso della novità della legge che renderà tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o servizi dell’industria sanitaria in favore dei professionisti del settore. Tra i relatori Stefano De Lillo, Presidente facente funzioni di Agenas e Massimo Enrico Baroni, primo firmatario della proposta di legge

Trasparenza in sanità. Un mantra che si ripete da tempo, una necessità che ora potrebbe prendere corpo concretamente nel Ddl sulla sanità trasparente, il cosiddetto Sunshine Act, che ha già avuto il via libera della Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati e che punta a creare un Registro telematico del Ministero della Salute per rendere tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o servizi dell’industria sanitaria in favore dei professionisti del settore.

Se ne è discusso oggi alla Sala Tatarella della Camera dei deputati a una tavola rotonda organizzata dalla Sicoop – Società Italiana Chirurghi Ortopedici dell’Ospedalità Privata dal titolo “Legalità e trasparenza in ambito sanitario pubblico e privato”.

LEGGI ANCHE: SANITA’ TRASPARENTE, PARLA IL RELATORE PROVENZA (M5S): NESSUNA INCOMBENZA PER I MEDICI. TRASPARENZA AFFINCHE’ IL CITTADINO TORNI A FIDARSI DEGLI OPERATORI SANITARI

All’incontro hanno partecipato il deputato del Movimento 5 Stelle, Massimo Enrico Baroni (M5S), primo firmatario della proposta di legge e Carmelo Massimo Misiti (M5S) della Commissione Bilancio e Trasparenza in sanità, l’avvocato Giorgio Calesella dello Studio Carnelutti, Andrea Grasso, Presidente nazionale Sicoop, Alberto Liguori, procuratore della Repubblica di Terni, Stefano De Lillo, Presidente facente funzioni di Agenas.

«Credo che in una fase iniziale o addirittura come in questo caso, prima ancora che il provvedimento sia legge, – ha osservato Andrea Grasso – sia importante confrontarsi per comprendere come verranno regolamentati i rapporti tra professionisti del settore e il mondo dell’azienda. Con questa proposta di legge verranno messi al primo posto i cittadini, rafforzando ulteriormente il rapporto di fiducia paziente-medico», sottolinea il presidente della Sicoop.

«Il progetto crea una protesi organizzativa moderna ed efficace non diretta a garantire la libera circolazione dei beni e dei servizi o a precludere situazioni di trust o di dominanza commerciale, ma è posta a tutela del consumatore finale, espresso nella formula solidaristica di diritto sociale del cittadino», sottolinea il procuratore Alberto Liguori.

Articoli correlati
Ex specializzandi, De Lillo (OMCeO Roma): «Sfruttare occasione della Legge di Bilancio per approvare transazione»
Il vicepresidente dell’Ordine dei Medici di Roma: «Riformare il sistema formativo, dall’accesso a Medicina alle borse di specializzazione»
Nel Lazio 81 asintomatici positivi su 42mila test sierologici. De Lillo: «12mila persone potrebbero non sapere di essere contagiose»
Il medico di famiglia, già presidente facente funzioni di Agenas, commenta i dati della Regione: «Numeri di ricoverati tra i più alti d’Italia e percentuale di guariti più bassa. Servono più tamponi»
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
ECM, la proposta di Stefano De Lillo: «Arrivare ad un libretto della formazione per i medici»
Sull’Educazione Continua in Medicina Stefano De Lillo, ex presidente facente funzioni Agenas, non ha dubbi: «È assolutamente importante. Io personalmente inserirei delle premialità a livello di carriera»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Sanità trasparente, via libera dalla Camera a Ddl. Il ministro Grillo: «Scritta pagina storica»
Nessun voto contrario, il testo ora passa al Senato. Sul sito del ministero della Salute, infatti, dovranno essere pubblicate tutte le donazioni superiori a 50 euro fatte dall’industria sanitaria a medici e personale amministrativo (e superiori a 500 euro se destinate alle organizzazioni sanitarie) | LEGGI GLI APPROFONDIMENTI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 marzo, sono 114.759.938 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.549.457 i decessi. Ad oggi, oltre 249,26 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...