Politica 14 Marzo 2019

Trasparenza in Sanità, Andrea Grasso (Sicoop): «Con Sunshine Act si rafforzerà ulteriormente fiducia medico-paziente»

Al convegno “Legalità e trasparenza in ambito sanitario pubblico e privato” alla Camera si è discusso della novità della legge che renderà tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o servizi dell’industria sanitaria in favore dei professionisti del settore. Tra i relatori Stefano De Lillo, Presidente facente funzioni di Agenas e Massimo Enrico Baroni, primo firmatario della proposta di legge

Trasparenza in sanità. Un mantra che si ripete da tempo, una necessità che ora potrebbe prendere corpo concretamente nel Ddl sulla sanità trasparente, il cosiddetto Sunshine Act, che ha già avuto il via libera della Commissione Affari Sociali della Camera dei deputati e che punta a creare un Registro telematico del Ministero della Salute per rendere tracciabili tutte le erogazioni in denaro o di beni o servizi dell’industria sanitaria in favore dei professionisti del settore.

Se ne è discusso oggi alla Sala Tatarella della Camera dei deputati a una tavola rotonda organizzata dalla Sicoop – Società Italiana Chirurghi Ortopedici dell’Ospedalità Privata dal titolo “Legalità e trasparenza in ambito sanitario pubblico e privato”.

LEGGI ANCHE: SANITA’ TRASPARENTE, PARLA IL RELATORE PROVENZA (M5S): NESSUNA INCOMBENZA PER I MEDICI. TRASPARENZA AFFINCHE’ IL CITTADINO TORNI A FIDARSI DEGLI OPERATORI SANITARI

All’incontro hanno partecipato il deputato del Movimento 5 Stelle, Massimo Enrico Baroni (M5S), primo firmatario della proposta di legge e Carmelo Massimo Misiti (M5S) della Commissione Bilancio e Trasparenza in sanità, l’avvocato Giorgio Calesella dello Studio Carnelutti, Andrea Grasso, Presidente nazionale Sicoop, Alberto Liguori, procuratore della Repubblica di Terni, Stefano De Lillo, Presidente facente funzioni di Agenas.

«Credo che in una fase iniziale o addirittura come in questo caso, prima ancora che il provvedimento sia legge, – ha osservato Andrea Grasso – sia importante confrontarsi per comprendere come verranno regolamentati i rapporti tra professionisti del settore e il mondo dell’azienda. Con questa proposta di legge verranno messi al primo posto i cittadini, rafforzando ulteriormente il rapporto di fiducia paziente-medico», sottolinea il presidente della Sicoop.

«Il progetto crea una protesi organizzativa moderna ed efficace non diretta a garantire la libera circolazione dei beni e dei servizi o a precludere situazioni di trust o di dominanza commerciale, ma è posta a tutela del consumatore finale, espresso nella formula solidaristica di diritto sociale del cittadino», sottolinea il procuratore Alberto Liguori.

Articoli correlati
ECM, la proposta di Stefano De Lillo: «Arrivare ad un libretto della formazione per i medici»
Sull’Educazione Continua in Medicina Stefano De Lillo, ex presidente facente funzioni Agenas, non ha dubbi: «È assolutamente importante. Io personalmente inserirei delle premialità a livello di carriera»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Sanità trasparente, via libera dalla Camera a Ddl. Il ministro Grillo: «Scritta pagina storica»
Nessun voto contrario, il testo ora passa al Senato. Sul sito del ministero della Salute, infatti, dovranno essere pubblicate tutte le donazioni superiori a 50 euro fatte dall’industria sanitaria a medici e personale amministrativo (e superiori a 500 euro se destinate alle organizzazioni sanitarie) | LEGGI GLI APPROFONDIMENTI
Trasparenza del prezzo dei farmaci, risoluzione italiana all’Oms. Il ministro Grillo: «Nel nostro paese 30 miliardi investiti per l’acquisto di farmaci tra pubblico e privato»
Il documento italiano sarà discusso a Ginevra durante la prossima assemblea mondiale, che si svolgerà dal 20 al 28 maggio. Il direttore generale di Aifa Li Bassi: «Ci assumiamo la responsabilità di essere i portabandiera di un’istanza internazionale»
di Isabella Faggiano
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
Sunshine Act, via libera in Commissione Affari Sociali. M5S: «Più vicino traguardo di una sanità trasparente. Nas faranno i controlli necessari»
Dovranno essere pubblicate tutte le donazioni superiori a 50 euro verso i singoli operatori della salute (o superiori a 500 euro verso le organizzazioni sanitarie). «Si tratta di un impianto normativo innovativo – sottolineano i deputati Massimo Enrico Baroni e Nicola Provenza - che porterà il nostro Paese all’avanguardia a livello internazionale nella tutela di un bene collettivo fondamentale come la salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...