Politica 3 Settembre 2019

Ministero della Salute: nomi e proposte di Liberi e Uguali

I quattro senatori di Liberi e Uguali potrebbero fare la differenza in Aula, assicurando una maggioranza che senza di loro potrebbe assottigliarsi pericolosamente. Pochi ma fondamentali, a Leu potrebbe andare il Ministero della Salute

Immagine articolo

Potrebbe essere l’ultimo giorno di passione per le trattative che porteranno alla realizzazione del governo giallo-rosso. Oggi il voto degli attivisti 5 stelle sulla piattaforma Rousseau decreterà la posizione definitiva del Movimento, portando ad un punto di svolta le contrattazioni. Intanto si lavora per la nuova squadra dei ministri e nel gioco dei posizionamenti si fa strada il ruolo di Liberi e Uguali a cui potrebbe andare in sorte proprio il Ministero della Salute. L’inserimento nella compagine governativa di LeU permetterebbe di assicurare al nuovo governo alcuni voti di peso per avere una maggioranza stabile in Senato. Non sono stati avanzati nomi sul tavolo delle trattative, fanno sapere fonti vicine alla formazione di sinistra. Tuttavia in questi giorni sono circolati possibili candidati con tutte le carte in regola per sedersi alla guida del dicastero di Lungotevere Ripa se Giulia Grillo dovesse andar via.

Tra i papabili Vasco Errani, ex Presidente della Regione Emilia Romagna e Commissario straordinario di Governo alla Ricostruzione delle aree colpite dal Terremoto del Centro Italia. Il senatore Errani attualmente si sta occupando del comparto salute ed è tra i componenti della Commissione Igiene e Sanità per il Gruppo Misto. Un nome in linea con il ministero in oggetto, ma che non troverebbe l’accordo di tutte le varie anime di Liberi e Uguali, almeno da quanto si apprende nei corridoi della politica. Convergenza che invece non manca sul nome di Pietro Grasso. Il magistrato, ex presidente del Senato e leader di Liberi e Uguali è tra i nomi indicati anche dal Partito Democratico per occupare la casella del Ministero della Giustizia. Un nome di peso, forse troppo, per ricoprire un ministero considerato di seconda fascia e comunque non nelle corde del giurista.

Intanto Liberi e Uguali ha incontrato il premier Giuseppe Conte. “Abbiamo perseguito il confronto programmatico con il presidente incaricato. Il presidente Conte si è fatto carico di ascoltare anche noi perché il suo obbiettivo è arrivare a un documento condiviso”, ha dichiarato Federico Fornaro uscendo da Palazzo Chigi, chiedendo senza mezzi termini “pari dignità” rispetto a tutti gli attori in campo. Nei giorni scorsi, non invitata al tavolo delle trattative, Leu aveva consegnato un documento programmatico al premier Conte ribadendo il suo contributo minoritario ma fondamentale per la concretizzazione del nuovo governo. Si trattava in realtà non di un documento organico, ma di una serie di allegati che raccoglievano le diverse visioni presenti nel partito. Tra i temi anche quello della sanità, il cui carattere universalistico, è stato ribadito più volte. “Abbiamo posto i temi della lotta alla precarietà, della difesa dell’ambiente, della difesa della sanità pubblica e dell’agricoltura, della sicurezza sul lavoro, che oggi è un’emergenza nazionale”, si legge sempre sulla nota diffusa in serata.

Dunque una partita ancora aperta quella che vede il Ministero della Salute conteso dalle diverse forze politiche. Ancora non è chiaro se il dicastero rimarrà nelle mani del Movimento 5 Stelle che probabilmente favorirà la continuità di mandato, lasciando al suo posto l’attuale Ministro Grillo. Tra i nomi in area PD emerge quello di Marina Sereni. I tempi comunque stringono. Il premier Conte conta di riuscire a salire al Colle in serata. Entro mercoledì si potrebbe già conoscere la nuova squadra, pronta a mettersi al lavoro.

Articoli correlati
Governo, Magi (Omceo Roma): «Bene l’attenzione di Conte sulla sanità, ma serve lo sblocco del turnover»
Intervistato in occasione della fiducia in Senato, il presidente Omceo Roma, Antonio Magi commenta positivamente i programmi per la sanità esposti dal premier Conte e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Critico sull'utilizzo nei non specializzati in corsia, l'appello: «Non abbassare mai la qualità della professione»
Ministero della Salute, parla Salvini: «Dov’è la competenza di Speranza?»
Caustico il leader della Lega. Più dialogante Massimo Garavaglia, in passato coordinatore del Comitato di Settore Salute della Conferenza delle Regioni oltre che viceministro al MEF: «Speranza persona valida, ma sono le politiche sulla sanità a preoccuparci...». Parla anche la senatrice Fregolent
Ricerca finalizzata, nel bando 2019 Ministero mette a disposizione 100 milioni
Sono 100 milioni di euro i fondi per la ricerca sanitaria messi a disposizione dal Ministero della salute con il Bando della ricerca finalizzata 2019. Tutti i ricercatori del Servizio sanitario nazionale possono presentare progetti di ricerca di durata triennale, che abbiano un esplicito orientamento applicativo e l’ambizione di fornire informazioni utili ad indirizzare le […]
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
Ministero della Salute, nominato Goffredo Zaccardi nuovo capo di Gabinetto
A quanto si apprende dal sito QuotidianoSanità.it si tratta della nomina da parte del neo Ministro Roberto Speranza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali