Politica 3 Settembre 2019 11:14

Ministero della Salute: nomi e proposte di Liberi e Uguali

I quattro senatori di Liberi e Uguali potrebbero fare la differenza in Aula, assicurando una maggioranza che senza di loro potrebbe assottigliarsi pericolosamente. Pochi ma fondamentali, a Leu potrebbe andare il Ministero della Salute

Ministero della Salute: nomi e proposte di Liberi e Uguali

Potrebbe essere l’ultimo giorno di passione per le trattative che porteranno alla realizzazione del governo giallo-rosso. Oggi il voto degli attivisti 5 stelle sulla piattaforma Rousseau decreterà la posizione definitiva del Movimento, portando ad un punto di svolta le contrattazioni. Intanto si lavora per la nuova squadra dei ministri e nel gioco dei posizionamenti si fa strada il ruolo di Liberi e Uguali a cui potrebbe andare in sorte proprio il Ministero della Salute. L’inserimento nella compagine governativa di LeU permetterebbe di assicurare al nuovo governo alcuni voti di peso per avere una maggioranza stabile in Senato. Non sono stati avanzati nomi sul tavolo delle trattative, fanno sapere fonti vicine alla formazione di sinistra. Tuttavia in questi giorni sono circolati possibili candidati con tutte le carte in regola per sedersi alla guida del dicastero di Lungotevere Ripa se Giulia Grillo dovesse andar via.

Tra i papabili Vasco Errani, ex Presidente della Regione Emilia Romagna e Commissario straordinario di Governo alla Ricostruzione delle aree colpite dal Terremoto del Centro Italia. Il senatore Errani attualmente si sta occupando del comparto salute ed è tra i componenti della Commissione Igiene e Sanità per il Gruppo Misto. Un nome in linea con il ministero in oggetto, ma che non troverebbe l’accordo di tutte le varie anime di Liberi e Uguali, almeno da quanto si apprende nei corridoi della politica. Convergenza che invece non manca sul nome di Pietro Grasso. Il magistrato, ex presidente del Senato e leader di Liberi e Uguali è tra i nomi indicati anche dal Partito Democratico per occupare la casella del Ministero della Giustizia. Un nome di peso, forse troppo, per ricoprire un ministero considerato di seconda fascia e comunque non nelle corde del giurista.

Intanto Liberi e Uguali ha incontrato il premier Giuseppe Conte. “Abbiamo perseguito il confronto programmatico con il presidente incaricato. Il presidente Conte si è fatto carico di ascoltare anche noi perché il suo obbiettivo è arrivare a un documento condiviso”, ha dichiarato Federico Fornaro uscendo da Palazzo Chigi, chiedendo senza mezzi termini “pari dignità” rispetto a tutti gli attori in campo. Nei giorni scorsi, non invitata al tavolo delle trattative, Leu aveva consegnato un documento programmatico al premier Conte ribadendo il suo contributo minoritario ma fondamentale per la concretizzazione del nuovo governo. Si trattava in realtà non di un documento organico, ma di una serie di allegati che raccoglievano le diverse visioni presenti nel partito. Tra i temi anche quello della sanità, il cui carattere universalistico, è stato ribadito più volte. “Abbiamo posto i temi della lotta alla precarietà, della difesa dell’ambiente, della difesa della sanità pubblica e dell’agricoltura, della sicurezza sul lavoro, che oggi è un’emergenza nazionale”, si legge sempre sulla nota diffusa in serata.

Dunque una partita ancora aperta quella che vede il Ministero della Salute conteso dalle diverse forze politiche. Ancora non è chiaro se il dicastero rimarrà nelle mani del Movimento 5 Stelle che probabilmente favorirà la continuità di mandato, lasciando al suo posto l’attuale Ministro Grillo. Tra i nomi in area PD emerge quello di Marina Sereni. I tempi comunque stringono. Il premier Conte conta di riuscire a salire al Colle in serata. Entro mercoledì si potrebbe già conoscere la nuova squadra, pronta a mettersi al lavoro.

Articoli correlati
Conte ottiene fiducia al Senato: 156 sì, 140 no e 16 astenuti. Numeri risicati, Palazzo Madama a rischio stallo
L’appello del premier ai “costruttori” ha portato in maggioranza due senatori di Forza Italia e il socialista Nencini. Lontana la maggioranza assoluta di 161 voti. Astenuta Italia Viva che non chiude la porta a un Conte ter. Così in 10 Commissioni il Governo non ha i numeri
L’appello di Conte alla Camera: «Momento delicato, servono costruttori». Sulla pandemia: «Rivendico scelta di tutelare salute»
Il Presidente del Consiglio è intervenuto a Montecitorio. Un passaggio è stato dedicato alle risorse destinate alla sanità: «21 miliardi per potenziare l'assistenza ospedaliera e territoriale, valorizzare e assumere il personale e investire nella formazione»
Conte firma il nuovo Dpcm valido fino al 5 marzo, ecco le zone per le regioni italiane
Nove le regioni che entrano in fascia arancione, nella rossa da lunedì Lombardia, Sicilia e Bolzano. Le nuove norme del Dpcm, stretta sui bar e musei aperti. Spostamenti tra regioni fermi fino al 15 febbraio e ritorno sui banchi almeno al 50%
Slitta la data del concorso per medici di famiglia. Fnomceo: «Preoccupati per borse stanziate»
La data del 28 gennaio per il concorso di ammissione ai corsi di formazione specifica in Medicina Generale per il triennio 20-23 è stata annullata. La certezza arriva dal Ministero della Salute, decisione dovuta alla situazione epidemiologica
Natale, ok dal Consiglio dei Ministri a nuove strette. Conte: «Misure sofferte ma necessarie»
Tutta Italia in zona rossa nei giorni festivi e prefestivi tra il 24 dicembre e il 6 gennaio, zona arancione nei giorni feriali. Ecco cosa si può e non si può fare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»