Politica 30 Agosto 2019 11:06

Totoministri, «Burioni alla Salute». La provocazione di Renzi che non piacerà al Movimento 5 Stelle (ma forse a Beppe Grillo)

Dalle pagine di Il Messaggero Matteo Renzi riflette sulla nuova squadra di governo. «La proposta di scegliere persone di qualità è sempre vincente» è la provocazione dell’ex premier che torna a strizzare l’occhio al “blastatore” dei no vax

Totoministri, «Burioni alla Salute». La provocazione di Renzi che non piacerà al Movimento 5 Stelle (ma forse a Beppe Grillo)

«Mi piacerebbe che alla Sanità andasse uno come Burioni, con l’assenso anche grillino», è la proposta (o provocazione) dell’ex premier e ora senatore del Partito Democratico, Matteo Renzi intervistato da Il Messaggero. All’indomani della decisione del Quirinale di affidare all’uscente presidente del Consiglio, Giuseppe Conte l’incarico di formare un nuovo Governo, Matteo Renzi torna a parlare inserendosi così nelle trattative tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle sulla composizione della futura squadra dei ministri.

«Chi fa il ministro è sempre politico, mai solo tecnico. Ma mi piace l’idea: scegliere persone di grande qualità» ha spiegato Renzi. «Ad esempio: con Grillo (ndr. Beppe Grillo) un anno fa ho firmato un documento a favore dei vaccini, predisposto dal professor Burioni. Ecco, mi piacerebbe che alla Sanità andasse uno come Burioni, con l’assenso anche grillino. Poi magari il prof non accetterebbe. Ma per dire che la proposta di scegliere persone di qualità è sempre vincente. Dopo di che, sceglieranno Conte, Di Maio e Zingaretti».

LEGGI: TOTOMINISTRI, GIULIA GRILLO: «STANCA IO? SOLO DOPO UN’ORA DI CORSA…»

Non è la prima volta che l’infettivologo e fustigatore sui social network, Roberto Burioni viene tirato in ballo da Matteo Renzi. Volto noto soprattutto per il popolo di Facebook e Twitter, Burioni ormai da anni ha intrapreso una lotta senza quartiere alla disinformazione scientifica. Tra i temi spesso discussi sulla sua pagina proprio quello dei vaccini, argomento rovente per il Movimento 5 Stelle sul cui obbligo si è trovato spesso spaccato.

Già a gennaio 2018, durante la campagna elettorale per il 4 marzo, l’ex premier Renzi aveva chiesto una discesa in campo del professore, gentilmente rifiutata dallo stesso con un lungo post su Facebook. «Ho deciso di non candidarmi alle prossime elezioni politiche – scriveva il professor Burioni –. Ma la mia battaglia contro l’oscurantismo e la superstizione che vuole farci piombare in un nuovo medioevo continua più forte di prima. Grazie a Matteo Renzi per avermi onorato con la sua proposta…».

LEGGI: GOVERNO, GIORNO DECISIVO. ECCO NOMI E IDEE PD PER LA SANITÀ

Il Conte bis sembra iniziare nel segno dell’incertezza riguardo alle sorti del ministero della Salute. Di ieri le indiscrezioni di un presunto passo indietro di Giulia Grillo, “stanca” secondo le voci circolate al termine di un’assemblea Cinque Stelle, di fare il Ministro. Voci smentite dalla stessa Grillo con un post su Instagram: «Stanca io? Dopo un’ora di corsa inizio ad esserlo…», ha scritto il ministro sotto un selfie sorridente in riva al mare. Intanto, fonti PD dichiarano che è ancora presto per conoscere la sorte dei vari ministeri. Se il Ministero della Salute rimarrà al Movimento 5 Stelle sicuramente ci sarà un cambio di passo, come chiesto a gran voce dal nuovo socio di maggioranza.

 

Articoli correlati
Sì all’idrossiclorochina dal Consiglio di Stato, soddisfazioni e proteste del mondo scientifico
Ugs-Confintesa celebra la vittoria del ricorso sull'idrossiclorochina, mentre pareri contrari arrivano da Fadoi e l'immunologo Burioni
Liste di attesa, l’ex ministro Grillo: «Mettere a bando le prestazioni». Cittadinanzattiva: «Serve piano straordinario»
Il lockdown ha messo in standby milioni di prestazioni sanitarie che ora devono essere recuperate. Per Moccia (Cittadinanzattiva) bisogna tornare al Piano nazionale «che stabilisce tempi massimi per esami e visite». Interpellanza della Grillo a Speranza: «Siano illustrate le modalità di monitoraggio dei tempi di attesa»
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»
«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al "Dl Rilancio" da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l' accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso "Decreto Calabria" da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un "flop" da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall'altro»
di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
Coronavirus, l’ex ministro Grillo: «Più morti in Italia e Spagna, austerity ha influito. Al Sud continuano arrivi, attenzione a riapertura»
Colloquio con l’ex ministro della Salute Giulia Grillo. Sui tamponi contesta l’OMS: «È stata incauta quando ha diramato linee guida restrittive. Corea, Giappone e Singapore non hanno seguito quelle indicazioni». Poi aggiunge: «Ospedali luogo di contagio, è mancata prevenzione strategica»
Ordini professionali, in Parlamento si cerca di rinviare il limite dei due mandati. Grillo (M5S): «Idea insulsa»
Il meccanismo previsto dalla legge Lorenzin impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti degli Ordini dei Medici di ricandidarsi alla stessa carica. Un emendamento al Milleproroghe ha tentato di annullare, ai fini del computo dei mandati, quelli svolti prima dell’entrata in vigore della legge. Il testo è poi stato ritirato, ma l’ex ministro della Salute Giulia Grillo avverte: «Ci riproveranno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»