Politica 25 Gennaio 2019

Spot risarcimenti, Giorgio Trizzino (M5S): «Offesa ai medici, categoria sempre più bersagliata. Tribunale della Salute può essere soluzione»

L’ex Direttore sanitario dell’Ospedale Civico di Palermo sottolinea: «Io tra i primi a chiedere di bloccare la pubblicità sulla Rai. Paziente non deve vedere medico come antagonista, come interlocutore verso cui riversare tutta la propria acredine e insoddisfazione»

Immagine articolo

«È un’offesa indirizzata ai medici, una categoria che sappiamo essere bersaglio di continue vessazioni, ma non soltanto da parte di persone che si presentano e aggrediscono fisicamente i medici». Giorgio Trizzino, ex Direttore sanitario dell’Ospedale Civico di Palermo e ora deputato del Movimento Cinque Stelle, ha contestato fin dall’inizio la messa in onda dello spot che invita i pazienti a chiedere risarcimenti per i danni derivanti dalla malasanità. È grazie al suo intervento e a quello del deputato M5S Carmelo Massimo Misiti che lo spot è stato sospeso dalle reti Rai. Uno spot «che alimenta nei pazienti dubbi nell’operato dei medici» e che «potrebbe diventare una sorta di esortazione a denunciare comunque, anche se non si ha fondatezza nell’accusa». «Dobbiamo vedere il medico come nostro alleato, come colui che ci accompagna nel percorso di sofferenza – sottolinea Trizzino a Sanità Informazione – non possiamo vederlo come antagonista, come interlocutore verso cui riversare tutta la propria acredine e insoddisfazione. È uno di noi». Trizzino guarda con interesse alla petizione, ormai vicina alle 20mila adesioni, lanciata dal network legale Consulcesi sulla piattaforma online change.org per l’istituzione di una camera di conciliazione, un Tribunale della Salute, un luogo di confronto, e non di contrapposizione, tra medici e pazienti.

LEGGI ANCHE: SPOT RISARCIMENTI, LUCA COLETTO (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «FUORI LUOGO. NESSUN MEDICO OPERA PER FAR DEL MALE, DOBBIAMO DIFENDERE NOSTRO SSN»

Onorevole, il famoso spot sul risarcimento è stato per ora sospeso dalla Rai, ma continua ad imperversare su altri network televisivi. I medici sono in rivolta, è un messaggio negativo nei confronti della categoria e nei confronti del Sistema sanitario nazionale. Lei come lo valuta?

«Intanto sono molto contento di essere stato io, insieme ad un altro deputato, a bloccare questo spot sulla Rai che lo ha ritirato in seguito ad una mia richiesta. Non è accaduto lo stesso per le televisioni private, questo ci fa pensare un po’ che il sistema privato di informazione ha una linea condizionata e diversa da quella del pubblico. Dobbiamo cercare di intervenire anche su Mediaset e La7 dove mi confermano che continua ad imperversare. È un’offesa in sostanza indirizzata ai medici, una categoria che sappiamo essere bersaglio di continue vessazioni, ma non soltanto da parte di persone che si presentano e aggrediscono fisicamente i medici. Abbiamo una storia lunga, sappiamo che il medico oggi è davvero pressato non soltanto da questi atti di violenza ma anche da condizioni di lavoro profondamente critiche e stressanti che lo vedono costretto a sacrifici enormi. Dobbiamo vedere il medico come nostro alleato, come colui che ci accompagna nel percorso di sofferenza, non possiamo vederlo come antagonista, come interlocutore verso cui riversare tutta la propria acredine e insoddisfazione. È uno di noi».

In questo senso è partita anche una petizione in questi giorni che chiede l’istituzione di una sorta di camera di conciliazione per evitare che i tribunali vengano ingolfati di ricorsi che spesso finiscono quasi sempre con l’assoluzione del medico. Come la valuta?

«È una proposta molto interessante. Naturalmente dobbiamo adattarla a una nostra condizione normativa che deve ottemperare anche a questa ipotesi. Mi sembra di poter dire che sganciare queste cause da un sistema più complicato in cui attualmente sono inserite mi sembra la soluzione migliore».

Articoli correlati
Neolaureati nei Pronto Soccorso, oltre 50mila firme per dire no
Aumentare borse e stipendi di chi lavora in Pronto Soccorso, attivare i concorsi, riconoscere lo status di lavoro usurante: queste alcune delle soluzioni proposte dal Coordinamento degli Specializzandi in Medicina d'Emergenza-Urgenza e da FederSpecializzandi per far fronte alla carenza di personale e salvare i Pronto Soccorso
Piano vaccinale, Trizzino (M5S): «Bisogna sensibilizzare popolazione, livello di copertura deve restare alto. Mia battaglia è a difesa della vita»
Il medico e deputato della commissione Affari Sociali: «Le vaccinazioni obbligatorie sono l’unico modo per mantenere un livello di attenzione elevato ed evitare nuove epidemie come quella newyorkese»
di Isabella Faggiano
Chirurgia, Marini (Acoi): «Per paura dei contenziosi, i giovani non vogliono più fare i chirurghi e i chirurghi non vogliono più operare»
Il presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani sostiene la proposta di istituire un Tribunale della Salute per portare un po' di serenità nel settore e salvare il sistema chirurgia italiano, messo fortemente a rischio da pensionamenti, calo della vocazione e fuga all'estero
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
Arbitrato della Salute, La Torre (Collegio chirurghi): «Legge Gelli non sta funzionando, positiva idea di una camera di compensazione»
Il presidente del CIC sottolinea come i contenziosi medici-pazienti siano, insieme al blocco del turn over e alla difficoltà nella formazione, uno dei motivi per cui molti medici non scelgono questa specializzazione
Il doppio filtro della Legge Gelli 24/2017
Avvocato Daniela Nazzaro
di Avvocato Daniela Nazzaro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...