Politica 5 Agosto 2020 12:33

Speranza: «Distanziamento sui treni essenziale per non vanificare sforzi degli italiani»

Durante il question time alla Camera, il ministro della Salute classifica l’ordinanza del 1 agosto che ristabilisce il distanziamento sui treni come essenziale e prosegue: «Penso che dovremmo insistere su questa regola insieme alle regioni»

Speranza: «Distanziamento sui treni essenziale per non vanificare sforzi degli italiani»

Il distanziamento è ancora essenziale, sopratutto sui mezzi di trasporto in cui il ricambio di aria non può essere assicurato. Lo ha ribadito, durante il Question Time alla Camera dei Deputati, il ministro della Salute Roberto Speranza, rispondendo prima all’interrogazione di Veronica Giannone del gruppo Misto e poi a quella di Lisa Noja di Italia Viva. Entrambe focalizzate sulle perdite delle compagnie ferroviarie e sui disagi dei cittadini, dopo la firma dell’ordinanza che ristabilisce il distanziamento sui treni.

Rispondendo a Giannone, Speranza ha ribadito l’urgenza di continuare a rispettare tre regole fondamentali: indossare la mascherina, rispettare il distanziamento di almeno un metro e lavaggio frequente delle mani. «L’ordinanza di sabato scorso – ha spiegato il ministro – non è legata solo alla vicenda dei treni, ma al rispetto di queste tre regole che sono ancora essenziali. Penso quindi che questa ordinanza sia ancora essenziale e i termini verranno confermati nei prossimi dpcm. C’è stata ovviamente una ricaduta anche nella vicenda dei treni ad alta percorrenza. È evidente che qualunque scelta restrittiva comporta costi, sacrifici e disagi. Tuttavia dobbiamo assolutamente rispettare questi tre principi perché solo questo ci può consentire di non vanificare gli sforzi dei cittadini».

8 MILA VIAGGI CANCELLATI

La deputata del Gruppo Misto ha ricordato che la compagnia Italo ha cancellato 8 treni il 1 di agosto, quando l’ordinanza è tornata in vigore. Lasciando così “a piedi” oltre 8 mila italiani che avevano già acquistato il titolo di viaggio. Ricordando che invece in aereo è sufficiente indossare la mascherina e mantenere una temperatura sotto i 37,5 gradi. Così la deputata Noja di Italia Viva ha voluto aggiungere che nei trasporti locali già da tempo il distanziamento non è più rispettato e che quattro regioni – Liguria, Lombardia, Veneto e Piemonte – hanno deciso di non applicarla.

«Siamo tra i Paesi europei che meglio sono riusciti a controllare il contagio – ha ribadito Speranza -. Nei giorni scorsi il Centro europeo per la prevenzione e il controllo della Malattia ha indicato il tasso di incidenza del virus su 100 mila abitanti. L’Italia ha il 5,7, il Regno Unito 12,6, in Romania 75,1. Siamo il Paese meglio collocato. Le regole essenziali devono essere rispettate in tutti i luoghi al chiuso».

«Ci possono essere – ha continuato – delle eccezioni nel caso in cui il Comitato tecnico-scientifico riconosca dei protocolli di sicurezza, come è avvenuto per le compagnie aeree, dove la modalità di ricambio dell’aria consente un livello di sicurezza anche senza gli evidenti limiti di distanziamento. Penso che dovremmo insistere su questa regola insieme alle regioni. In queste ore c’è un tavolo di confronto come sempre in questi mesi. Rivendico che uno dei punti di forza sia stata una relazione continua con le Regioni. Le istituzioni repubblicane e il Servizio sanitario nazionale hanno retto, il nostro obbiettivo è continuare in questa battaglia. Un dialogo continuo tra governo nazionale e governi territoriali è indispensabile per vincere questa sfida».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Speranza al Meeting di Rimini: «Sui vaccini no a diseguaglianze tra Paesi. Ora investire sul personale sanitario»
Il ministro della Salute: «Se non aiuteremo tutti i Paesi del mondo a vaccinarsi, molto presto ci arriveranno altre varianti. Serve una rete internazionale capace di assumere decisioni e di detenere una sovranità superiore a quella delle nazioni in tema di sanità»
Cure domiciliari, raggiunta intesa tra Stato e Regioni. Speranza: «Ora servizi avanzati e omogenei in tutto il Paese»
Entro 12 mesi le Regioni e le Province autonome dovranno attivare il sistema di autorizzazione e di accreditamento delle organizzazioni pubbliche e private per l’erogazione di cure domiciliari
La FNO TSRM PSTRP presenta la Costituzione Etica. Speranza: «Contributo alla creazione di un orizzonte comune»
I 48 articoli del testo creano una base valoriale comune per le 19 professioni sanitarie afferenti alla FNO TSRM PSTRP. Il Ministro della Salute annuncia: «La Consulta delle professioni sanitarie avrà un ruolo nella definizione della sanità del futuro». Da Persona a Privacy, ecco il decalogo
Conferenza sulla Salute Mentale, Speranza: «Pronti ad investire. Stop alla contenzione meccanica dei pazienti psichiatrici»
Presentato il Documento del tavolo tecnico che analizza lo stato di attuazione del “Piano di Azioni Nazionale per la Salute Mentale” ad otto anni dalla sua approvazione
di Isabella Faggiano
I cantieri per la sanità del futuro, ecco i 5 pilastri su cui fondare il cambiamento
Valerii (Censis): «Collaborazione pubblico-privato, centralità del fattore umano, medicina di prossimità, diffusione del digitale, risorse economiche adeguate». Il report Censis-Janssen offre un contributo concreto per una sanità post-Covid, in risposta alle reali esigenze di cittadini e operatori sanitari
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano