Politica 4 Dicembre 2019 19:46

Specialisti ambulatoriali, Speranza: «D’accordo con aumento ore. Rivedere regole su incompatibilità»

Il ministro della Salute intervenuto al Consiglio nazionale Sumai-Assoprof ha sposato l’idea di aumentare le ore degli specialisti fino al massimale di 38 ore. Poi ha sottolineato la necessità di nuovi concorsi e rivendicato le norme del Dl Fiscale che alzano il tetto per l’assunzione del personale

Aumentare le ore di specialistica ambulatoriale e rivedere le norme sulla incompatibilità tra pubblico e privato accreditato. Il ministro della Salute Roberto Speranza, intervenuto al Consiglio nazionale del Sumai-Assoprof, sindacato degli specialisti ambulatoriali, ha accolto alcune delle principali richieste di categoria rilanciate con forza dal segretario Antonio Magi. Un’apertura che ha fatto piacere ai camici bianchi presenti e che sicuramente può avere un impatto sulle liste di attesa. Magi aveva infatti ricordato poco prima come il ‘bilancio’ degli specialisti ambulatoriali per la sanità pubblica sia in attivo: costano 1 miliardo e 77 milioni di euro allo Stato ma portano un introito tramite i ticket di un miliardo e 350 milioni. “Un bilancio in positivo di circa 300 milioni” ha fatto notare Magi.

LEGGI ANCHE: SUMAI INCONTRA IL MINISTRO SPERANZA. MAGI: «DALL’AUMENTO DELLE ORE ALL’ODONTOIATRIA SOCIALE, QUATTRO PROPOSTE SUL TAVOLO»

Speranza ha in primis ricordato il cambio di rotta in sanità arrivato con la legge di Bilancio: «Penso che nella legge di Bilancio stiamo dando un segnale significativo: prima si promettevano risorse nel Def e poi si dimezzavano in legge di Bilancio. Ora mettiamo 2 miliardi, la cifra più alta degli ultimi anni. Quest’anno l’1,7% in più. Il comparto salute esce rafforzato. 2 miliardi in più su edilizia e innovazione e poi abolizione del superticket. Era la tassa più brutta. Il messaggio che abbiamo voluto dare è quello di un Paese che vuole tornare a investire sulla salute».

Il titolare della Salute ha poi ricordato che bisogna investire sul territorio, unico modo per far fronte alle cronicità: «Per far fronte alle grandi sfide del futuro c’è bisogno di un grande patto politico e sociale. I presidenti di Regione sono d’accordo. Ora bisogna mettere insieme aziende, sindacati, associazioni».

Il punto di partenza di Speranza è la battaglia sul personale che si è concretizzata in un emendamento al Dl fiscale: «Con questa norma abbiamo alzato il tetto per le assunzioni del personale dal 5 al 15% sulla quota aggiuntiva di fondo sanitario. Il 15% di 2 miliardi fa sei volte il 5% di un miliardo. Ricominciamo ad investire sul personale. Dobbiamo ricominciare a fare i concorsi».

Oltre all’apertura sull’aumento di ore per gli specialisti ambulatoriali, Speranza ha annunciato un tavolo tecnico per riformulare le norme sull’incompatibilità: «Sul tema esclusività oggi le cose non funzionano: dobbiamo pensare una soluzione per cui fino a un certo numero di ore è giusto che tu abbia una certa libertà di movimento, sopra un certo numero di ore è diverso».

Nel corso della relazione, il segretario del Sumai Magi ha lanciato l’idea in base alla quale gli specialisti ambulatoriali potrebbero affiancare i medici di base nell’uso della strumentazione diagnostica di cui saranno dotati con lo stanziamento di 235 milioni di euro previsto in legge di Bilancio: «Potremmo garantire con un lavoro di equipe il pieno utilizzo delle macchine, questo tipo di lavoro è già previsto dalle normative» ha sottolineato Magi.

LEGGI ANCHE: ESAMI DIAGNOSTICI DAL MEDICO DI FAMIGLIA, SI PARTE DALLA PUGLIA. FIMMG: «GRANDE OCCASIONE PER DIVENTARE PUNTO DI RIFERIMENTO»

Articoli correlati
I cantieri per la sanità del futuro, ecco i 5 pilastri su cui fondare il cambiamento
Valerii (Censis): «Collaborazione pubblico-privato, centralità del fattore umano, medicina di prossimità, diffusione del digitale, risorse economiche adeguate». Il report Censis-Janssen offre un contributo concreto per una sanità post-Covid, in risposta alle reali esigenze di cittadini e operatori sanitari
di Isabella Faggiano
2° Congresso Simedet, il messaggio di Speranza: «Occasione preziosa per condividere buone pratiche»
Il Presidente Nazionale della Simedet, Fernando Capuano, nel suo intervento ha ricordato che occorre pianificare sin d'ora la risposta ai bisogni di salute e alle future pandemie o maxiemergenze sanitarie,
Dalla farmacologia alla formazione, l’importanza della medicina di genere
Al Senato convegno organizzato dalla dem Paola Boldrini dal titolo “Idee in pratica: per una sanità attenta alle differenze di sesso e genere”. Brusaferro: «La pandemia ci ha mostrato come ci siano differenze significative tra uomo e donna in termini di salute e malattia». Speranza: «Spazio per investimento strategico»
Rete Registro Tumori, M5S a Speranza: «Subito decreto attuativo per istituzione referto epidemiologico»
La capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato, Elisa Pirro, chiede inoltre quale sede fisica si intenda individuare per ospitare il registro tumori nazionale
Congresso di pediatria, Speranza: «Grazie a chi ha curato i bambini in pandemia, ora Ssn più forte»
Il ministro Speranza saluta i professionisti sanitari al 76 Congresso della Società italiana di pediatria e li ringrazia per lo sforzo durante la pandemia, chiedendone uno ulteriore per ricostruire il Ssn. Presenti anche Bianchi, Bonetti, Dadone e Stefani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM