Lavoro 20 Novembre 2019 14:30

Esami diagnostici dal medico di famiglia, si parte dalla Puglia. Fimmg: «Grande occasione per diventare punto di riferimento»

Calabrese (Fimmg Bari): «Il Care Puglia 3.0 prevede già l’erogazione di prestazioni di telemedicina come ecg, spirometria, fondo oculare negli studi dei medici di famiglia. Pronti ad avviare la sperimentazione dal 1 gennaio». Anelli (FNOMCeO): «La Puglia parte in vantaggio perché ha introdotto i microteam a partire dal 2007»

Esami diagnostici dal medico di famiglia, si parte dalla Puglia. Fimmg: «Grande occasione per diventare punto di riferimento»

I medici di famiglia pugliesi sono pronti ad avviare i servizi di diagnostica di primo livello all’interno dei loro studi, cosicché la Puglia potrebbe essere la prima regione ad implementare le novità volute dal ministro Speranza, che prevedono microteam e fondi a disposizione dei medici di medicina generale per l’acquisto di apparecchiature diagnostiche. Lo rende noto la Fimmg (Federazione nazionale medici di medicina generale).

«La riforma avviata con i 235 milioni di euro stanziati in manovra per l’acquisto di apparecchiature sanitarie da parte dei medici di famiglia è epocale per l’organizzazione della medicina generale – spiega Silvestro Scotti, segretario nazionale Fimmg -. Le strumentazioni che i medici di famiglia avranno a disposizione potranno essere facilmente usate anche durante le visite domiciliari e ci consentiranno in tempo reale di poter consultare gli specialisti. Insomma, saranno i nuovi kit della borsa del medico».

LEGGI ANCHE: PRONTO SOCCORSO, SCOTTI (FIMMG): «UNA VISITA IN PIU’ AL GIORNO DEI MEDICI DI FAMIGLIA PER DECONGESTIONARLI»

«Da tempo come Ordini promuoviamo per la medicina generale l’idea dei microteam costituiti da medico, infermiere e collaboratore di studio – aggiunge il presidente della FNOMCeO (Federazione degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri) Filippo Anelli -. È ora di abbandonare una logica ferma a 50 anni fa, quella del singolo medico di famiglia che opera con fonendoscopio e sfigmomanometro, a favore di un modello di cure primarie che riesca a rispondere meglio ai bisogni di salute della società odierna. L’introduzione del microteam, voluta dal Governo, va quindi nella direzione giusta perché consente di garantire ai cittadini un’assistenza completa e rilancia l’assistenza territoriale quale primo mattone del Servizio Sanitario Nazionale, quello più prossimo al cittadino. La Puglia parte in vantaggio perché ha introdotto i microteam a partire dal 2007, quando 2000 collaboratori e 700 infermieri sono stati inseriti all’interno degli studi di medicina generale».

«Lo sviluppo organizzativo delle cure primarie con microteam composti da medici, collaboratori ed infermieri pone la medicina generale della Puglia in condizione di avviare l’utilizzo della diagnostica di I livello, introdotto dall’ipotesi di legge di bilancio – commenta Nicola Calabrese, segretario Fimmg Bari e vice segretario nazionale -. La nostra regione parte avvantaggiata perché ha già definito un modello di gestione della cronicità sul territorio. Il Care Puglia 3.0 prevede proprio l’erogazione di prestazioni di telemedicina come ecg, spirometria, fondo oculare negli studi dei medici di famiglia. Siamo quindi pronti ad avviare la sperimentazione dal 1 gennaio. È una grande occasione per una regione del sud di diventare punto di riferimento rispetto allo sviluppo di nuovi modelli assistenziali all’interno del SSN».

LEGGI ANCHE: FIMMG, IN SETTE MESI MILLE MEDICI DI FAMIGLIA ESPERTI IN SPIROMETRIE

Articoli correlati
Crisi sistema emergenza territoriale, le soluzioni del 78° congresso nazionale Fimmg
Fimmg Es lancia la propria proposta per rivedere le modalità di accesso al Sistema di Emergenza Sanitaria Territoriale
Congresso Fimmg, l’appello dei medici in formazione: «Vogliamo essere protagonisti del cambiamento»
Schembri (Fimmg Formazione): «Rivedere programma formativo integrando la formazione-lavoro, ma no alla trasformazione del corso in specializzazione»
Medicina generale, lo studio: «Investire in microteam porterebbe 16,7 miliardi all’economia del Paese»
Un volume economico superiore ai 7 miliardi di euro che diventano 16,7 miliardi per quello che in economia si definisce “effetto diffusivo”. É questo l’enorme impatto economico che i microteam della medicina generale proposti dalla Federazione Italiana Medici di Medicina Generale possono generare sull’economia del Paese se adottati sistematicamente a livello nazionale. A certificarlo è […]
Congresso Fimmg, Scotti: «Medicina generale dipendente solo dalla Convenzione. Pronto a smettere di fare il medico se passa la riforma»
Il segretario generale della Federazione italiana medici di medicina generale sulla riforma dell’assistenza territoriale: «Case di comunità non funzionerebbero in grandi città e aree poco popolate. Progetto previsto da PNRR va integrato con ambulatori di mmg che operino in microteam»
Invalidità civile, FIMMG INPS e Cittadinanzattiva: «Ritardi allarmanti a danno delle fasce più deboli»
Petrone (FIMMG INPS): «Già inviata da tempo a Inps lo schema di convenzionamento dei medici come definito su base normativa». Mori (Cittadinanzattiva): «Con pandemia i tempi si sono allungati e i diritti restano sospesi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 ottobre, sono 242.501.427 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.929.826 i decessi. Ad oggi, oltre 6,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?